“We Are The Evidence” Testimony to the FCC Disability Committee on Wireless Radiation Harms

[Il 22 settembre, Dafna Tachover (che da anni si batte per i diritti degli Elettrosensibili) ha tenuto un discorso pubblico al meeting del Comitato Consultivo sulla Disabilità (Disability Advisory Committee Meeting) della FCC (Federal Communications Commission) allo scopo di perorare la nostra causa.
Tra i partecipanti alla riunione c’erano molte aziende del Wireless e della tecnologia, e organizzazioni di disabili.

Il Comitato di cui sopra è stato istituito per formulare raccomandazioni alla Commissione su una vasta gamma di questioni riguardanti le disabilità nell’ambito delle competenze della Commissione, e per facilitare la partecipazione delle persone con disabilità nei procedimenti dinanzi alla Commissione.
Dafna è Elettrosensibile e non è stato facile per lei stare in quell’ambiente inquinato. Dovremmo tutti apprezzare il suo impegno ed i suoi sforzi. 

Più sotto potete trovare il video del suo discorso.

Dafna ha recentemente creato “We Are The Evidence” (W.A.T.E.), un gruppo di difesa che si propone di rappresentare adulti e bambini che sono stati danneggiati dalle radiazioni della tecnologia Wireless.
W.A.T.E. vuole esporre questa epidemia al pubblico, far sentire la voce delle persone danneggiate e difendere i loro diritti attraverso educazione, unione e procedimenti legali. Il sito web di W.A.T.E. è stato lanciato anche se non è ancora finito, ed è raggiungibile al seguente link: W.A.T.E. website.
Se vi siete ammalati a causa delle radiazioni della tecnologia Wireless, avete la Elettrosensibilità o il cancro, siete pregati di compilare il modulo a voi dedicato, lasciando la vostra testimonianza.
Purtroppo il modulo è in Inglese ed anche la compilazione deve essere fatta in Inglese, quindi serve un po’ di impegno.
Il modulo è raggiungibile al seguente link: “I Am The Evidence” form.]

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=_qg0H63GLkU]

Pubblicato il 27 set 2016

Effects Of Electromagnetic Radiation On Mitochondria

[Un aspetto cruciale della esposizione alle Radiazioni Elettromagnetiche in Alta Frequenza (Radiofrequenze e Microonde) usate nella tecnologia Wireless è il danno mitocondriale che ne consegue e che non può essere riparato(!).
Tutto questo porta a pesanti ripercussioni per l’organismo, il quale malfunzionerà in modo permanente(!).

Ricordiamoci che ogni giorno adulti ma anche bambini sono esposti a livelli critici di Inquinamento Elettromagnetico in Alta Frequenza e questo sta compromettendo il futuro di tutti, ma soprattutto quello dei bambini. Chi prenderà in carico tutti questi soggetti sempre stanchi ed impossibilitati a lavorare/pensare a causa del deficit energetico da danno mitocondriale?

Il seguente articolo espone con chiarezza le cause del danno mitocondriale e lo abbiamo tradotto per voi per consentirvi di leggerlo più agevolmente.
La traduzione in Italiano segue la versione in lingua originale.

Buona lettura.]

[EN]

13 September 2016 – “eatgenius.com”, by 

Screen Shot 2016-09-13 at 9.36.02 AM

Wireless communications have increased significantly in modern times and concerns regarding their safety have grown as well. Wireless communications utilize high frequency radiation – radio frequencies and microwaves. Man-made electromagnetic radiation exerts numerous biological effects that begin at the molecular level and eventually lead to cellular, tissue and organ dysfunction. Electromagnetic radiation exerts its effects at the sub-cellular level by altering molecular rotation and vibration, increasing the collisions between molecules and breaking chemical bonds which ultimately affect structure and function (1). This has direct effects on energy production in the cell. Mitochondria are the organelles responsible for cellular energy production and numerous other cell functions and they are adversely affected by electromagnetic radiation in many inter-related ways.

Electromagnetic radiation causes structural damage to mitochondria. Exposure to radiation causes swelling and cavitation in mitochondria as well as broken, disorganized and sparse mitochondrial cristae or folds (1, 3). The damage increases with prolonged exposure time even though the dose of radiation was low, therefore, long-term, low-dose exposure leads to significant damage. After three hours of microwave radiation, visible swelling of mitochondria increased and after twenty four hours, there was mitochondrial degeneration (1). Damage caused by radiation is cumulative. Radiation also damages the mitochondrial membrane which causes a decrease in mitochondrial membrane potential (1), which is responsible for the proton motive force and energy production in mitochondria, which eventually leads to apoptosis (1, 4) or cell death, since apoptosis is regulated by mitochondria.

Calcium homeostasis is impaired by electromagnetic radiation. Mitochondrial are responsible for regulating calcium homeostasis within the cell. Normally, extracellular calcium is greater than intracellular calcium and most intracellular calcium is stored in the mitochondria and endoplasmic reticulum. Microwave radiation causes a significant increase in cytoplasmic calcium and this causes excess activation of the mitochondrial permeability transition pore (1), a nonspecific pore in the mitochondrial membrane, which leads to increased membrane permeability, disrupting metabolic gradients between mitochondria and the cytosol. This then leads to the uncoupling of oxidative phosphorylation (1), meaning oxidative phosphorylation is no longer yoked to the respiratory chain to synthesize ATP, so energy production ceases. Remaining ATP made by unaffected mitochondria also gets depleted and cell death ensues. Intracellular calcium increases also leads to swelling of mitochondria and if great, results in rupturing of mitochondria.

Oxidative stress and disturbed cellular signaling is caused by electromagnetic radiation. Oxidative stress occurs when there is an imbalance between free radical production and anti-oxidant defense mechanisms. There is a significant increase in reactive oxygen species, decreases in antioxidant enzymes glutathione peroxidase and superoxide dismutase and markers of lipid peroxidation and protein oxidation increase (1) when mitochondria are exposed to radiation. Radiation inhibits the mitochondrial respiratory chain by prolonging the lifespan of free radicals and impairing the anti-oxidant defense system (2). Enzyme functions and signaling pathways that are crucial to energy generation are disturbed by electromagnetic radiation. As mentioned above, calcium homeostasis is impaired and calcium is an important signaling molecule. The activity of cytochrome c oxidase, a critical enzyme in energy metabolism which transports electrons to oxygen to produce water and ATP, is suppressed (1). Oxidative stress and impaired signaling also affect mitochondrial gene expression.

Electromagnetic radiation damages mitochondrial genes and causes gene mutations. Mitochondrial DNA (mtDNA) are more susceptible to external stimuli than nuclear DNA (1) and they lack the repair mechanisms of nuclear DNA (2). Radiation induces mtDNA strand breaks and the excess reactive oxygen species production caused by radiation exposure also causes mtDNA mutations (1, 2). Exposure to radiation causes a decline in mtDNA copy number and mtRNA transcripts (2) which, when combined with mitochondrial mutations, adds further burden to the cell by way of more defective mitochondrial genes being passed onto future mitochondria. Mitochondrial gene mutations in turn amplify oxidative stress by encoding deficient critical proteins required for the respiratory chain (2). A vicious cycle is created by exposure to radiation whereby mitochondria are overwhelmed and cell death occurs.

Apoptosis increases after exposure to electromagnetic radiation (4). Exposure to radiation triggers a series of inter-related events – structural damage, impaired signaling, oxidative stress and gene mutations – that culminates in cell death. The cumulative damage causes an imbalance of pro-apoptotic and anti-apoptotic proteins which leads to a decrease in the mitochondrial membrane potential (4) and the release of cytochrome c which activates caspase-signaling pathways that lead to apoptotic cell death (1, 4). Although apoptosis may be beneficial in removing damaged cells, when it is excessive, it can be problematic because it can eventually lead to systemic dysfunction in the organism.

Excessive apoptosis caused by man-made electromagnetic radiation is problematic for the nervous system. The nervous system is very susceptible to the effects of radiation. The brain is more sensitive to electromagnetic radiation than other organs because it has a very high metabolic rate and a great demand for oxygen, making it very vulnerable to energy metabolism disorders (1). Numerous pathological changes can occur in the brain as a consequence of excessive radiation exposure such as structural damage, neurotransmitter disruption (1, 3), altered electrical activity and increased permeability of the blood-brain barrier (2, 4). How severely one is affected depends on the frequency, duration and intensity of the radiation exposure (1, 3). Everyone is or will be, in some way, negatively affected by man-made electromagnetic radiation. Because of the ever increasing amount of antennas and towers being installed by telecommunications companies, radio frequency and microwave radiation is nearly impossible to avoid nowadays and it poses a serious threat to public health. It will only get worse unless action is taken to remove and reduce and not simply avoid the sources of man-made radiation.

 

 

References:

1. Hao, Y., Zhao, L. & Peng, R. Effects of microwave radiation on brain energy metabolism and related mechanisms. Military Medical Research. 2015; 2:4. doi: 10.1186/s40779-015-0033-6. [http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4440565/]

2. Xu, S., Zhou, Z., Zhang, L., Yu, Z., Zhang, W., Wang, Y., Wang, X., Li, M., Chen, Y., Chen, C., He, M., Zhang, G. & Zhong, M. Exposure to 1800MHz radio frequency radiation induces oxidative damage to mitochondrial DNA in primary cultured neurons. Brain Research. 2010; 1311:189-196. doi: 10.1016/j.brainres.2009.10.062. [http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19879861]

3. Zhao, L., Peng, R. Wang, S. Wang, L., Gao, Y., Dong, J., Li, X. & Su, Z. Relationship between Cognition Function and Hippocampus Structure after Long-term Microwave Exposure. Biomedical and Environmental Sciences. 2012; 25(2):182-188. doi: 10.3967/0895-3988.2012.02.009. [http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22998825]

4. Zuo, H., Lin, T., Wang, D., Peng, R., Wang, S., Gao, Y., Xu, X., Li, Y., Wang, S., Zhao, L., Wang, L. & Zhou, H. Neural Cell Apoptosis Induced by Microwave Exposure Through Mitochondria-dependent Caspase-3 Pathway. International Journal of Medical Sciences.2014; 11(5):426–435. doi: 10.7150/ijms.6540. [https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3970093/]

separatore-aie-x-sito

[IT]

Le comunicazioni Wireless sono aumentate in modo significativo nei tempi moderni e le preoccupazioni riguardo alla loro sicurezza sono cresciute consensualmente. Le comunicazioni Wireless utilizzano radiazioni ad Alta Frequenza – Radiofrequenze e Microonde. Le Radiazioni Elettromagnetiche artificiali esercitano numerosi effetti biologici che iniziano a livello molecolare e alla fine portano a disfunzione cellulare, tissutale e d’organo. Le Radiazioni Elettromagnetiche esercitano i loro effetti a livello sub-cellulare alterando rotazione e vibrazione molecolari, aumentando le collisioni tra le molecole e rompendo i legami chimici, che alla fine influenzano la struttura e la funzione (1). Questo ha effetti diretti sulla produzione di energia nella cellula. I mitocondri sono organelli responsabili della produzione di energia cellulare e di numerose altre funzioni delle cellule, e sono influenzati negativamente dalle Radiazioni Elettromagnetiche in molti modi tra loro collegati.

Le Radiazioni Elettromagnetiche provocano danni strutturali ai mitocondri. L’esposizione alle Radiazioni provoca gonfiore e cavitazione nei mitocondri, così come pieghe o creste mitocondriali rotte, disorganizzate e sparse (1, 3). I danni aumentano con tempi di esposizione prolungati anche se la dose di Radiazioni era bassa, quindi, nel lungo termine, l’esposizione a basse dosi porta a danni significativi. Dopo tre ore di Radiazione a Microonde, il gonfiore visibile dei mitocondri era aumentato, e dopo ventiquattro ore c’era degenerazione mitocondriale (1). I danni causati dalle Radiazioni sono cumulativi. Le Radiazioni danneggiano anche la membrana mitocondriale, cosa che causa una diminuzione nel potenziale di membrana mitocondriale (1), il quale è responsabile per la forza motrice protonica e la produzione di energia nei mitocondri, e questo finisce per causare apoptosi (1, 4) o morte cellulare, dato che l’apoptosi è regolata dai mitocondri.

L’omeostasi del calcio è compromessa dalle Radiazioni Elettromagnetiche. I mitocondri sono responsabili della regolazione dell’omeostasi del calcio all’interno della cellula. Normalmente, il calcio extracellulare è maggiore di quello intracellulare e la maggior parte del calcio intracellulare è immagazzinato in mitocondri e reticolo endoplasmatico. Le Radiazioni a Microonde provocano un notevole aumento del calcio citoplasmatico e questo provoca un eccesso di attivazione del poro di transizione della permeabilità mitocondriale (1), un poro aspecifico nella membrana mitocondriale, cosa che porta ad un aumento della permeabilità della membrana, interrompendo i gradienti metabolici tra mitocondri e citosol. Questo quindi porta al disaccoppiamento della fosforilazione ossidativa (1), che significa che la fosforilazione ossidativa non è più aggiogata alla catena respiratoria per sintetizzare ATP, così la produzione di energia cessa. L’ATP che rimane, sintetizzato dai mitocondri non colpiti, ugualmente finisce per ridursi e ne consegue morte cellulare. L’aumento del calcio intracellulare conduce pure lui al rigonfiamento dei mitocondri e, se elevato, esita in rottura dei mitocondri.

Stress ossidativo e segnali cellulari disturbati sono causati dalle Radiazioni Elettromagnetiche. Lo stress ossidativo si verifica quando vi è uno squilibrio tra la produzione di radicali liberi ed i meccanismi di difesa antiossidanti. C’è un significativo aumento delle specie reattive dell’ossigeno, diminuzione degli enzimi antiossidanti glutatione perossidasi e superossido dismutasi, e aumento dei marcatori di perossidazione lipidica e ossidazione proteica (1) quando i mitocondri sono esposti alle Radiazioni. Le Radiazioni inibiscono la catena respiratoria mitocondriale prolungando la durata dei radicali liberi e compromettendo il sistema di difesa antiossidante (2). Le funzioni degli enzimi e le vie di segnalazione cruciali per la produzione di energia sono disturbati dalle Radiazioni Elettromagnetiche. Come accennato in precedenza, l’omeostasi del calcio è compromessa e il calcio è una importante molecola di segnalazione. L’attività della citocromo c ossidasi, un enzima critico nel metabolismo energetico che trasporta elettroni all’ossigeno per produrre acqua e ATP, è soppressa (1). Stress ossidativo e segnali alterati colpiscono anche l’espressione dei geni mitocondriali.

Le Radiazioni Elettromagnetiche danneggiano i geni mitocondriali e provocano mutazioni genetiche. Il DNA mitocondriale (mtDNA) è più sensibile agli stimoli esterni del DNA nucleare (1) e manca dei meccanismi di riparazione tipici del DNA nucleare (2). Le Radiazioni inducono rotture nei filamenti del mtDNA e l’eccesso di produzione di specie reattive dell’ossigeno causato dalla esposizione alle Radiazioni causa anche mutazioni del mtDNA (1, 2). L’esposizione alle Radiazioni provoca un declino nel numero di copie del mtDNA e di trascrizioni del mtRNA (2), che, quando in combinazione con le mutazioni mitocondriali, aggiunge un ulteriore fardello alla cellula attraverso geni mitocondriali più difettosi che vengono passati ai futuri mitocondri. Le mutazioni dei geni mitocondriali, a loro volta, amplificano lo stress ossidativo mediante la codifica di difettose proteine critiche necessarie alla catena respiratoria (2). Dalla esposizione alle Radiazioni è stato creato un circolo vizioso in cui i mitocondri sono sopraffatti e si verifica morte cellulare.

L’apoptosi aumenta dopo l’esposizione alle Radiazioni Elettromagnetiche (4). L’esposizione alle Radiazioni innesca una serie di eventi tra loro collegati – danni strutturali, segnalazioni alterate, stress ossidativo e mutazioni geniche – che culminano nella morte cellulare. Il danno cumulativo provoca uno squilibrio di proteine pro-apoptotiche ed anti-apoptotiche che porta a una diminuzione del potenziale di membrana mitocondriale (4) e al rilascio del citocromo c, che attiva i percorsi di segnalazione della caspasi, i quali portano alla morte cellulare per apoptosi (1, 4 ). Sebbene l’apoptosi possa essere utile nel rimuovere le cellule danneggiate, quando è eccessiva, può essere problematica in quanto può portare infine a disfunzione sistemica dell’organismo.

L’apoptosi eccessiva causata dalle Radiazioni Elettromagnetiche artificiali è problematica per il sistema nervoso. Il sistema nervoso è molto sensibile agli effetti delle Radiazioni. Il cervello è più sensibile alle Radiazioni Elettromagnetiche rispetto agli altri organi perché ha un altissimo tasso metabolico e una grande richiesta di ossigeno, che lo rendono molto vulnerabile a disturbi del metabolismo energetico (1). Numerosi cambiamenti patologici possono verificarsi nel cervello a seguito della esposizione eccessiva alle Radiazioni come ad esempio danni strutturali, perturbazioni neurotrasmettitoriali (1, 3), alterazioni della attività elettrica e aumento della permeabilità della barriera ematoencefalica (2, 4). Quanto severamente un soggetto sia colpito dipende da frequenza, durata e intensità dell’esposizione alle Radiazioni (1, 3). Ognuno è o sarà, in qualche modo, influenzato negativamente dalle Radiazioni Elettromagnetiche artificiali. A causa della sempre crescente quantità di antenne e ripetitori della telefonia mobile installati dalle compagnie delle telecomunicazioni, Radiofrequenze e Radiazioni a Microonde sono quasi impossibili da evitare al giorno d’oggi e rappresentano una grave minaccia per la salute pubblica. Le cose andranno solo a peggiorare se non si interverrà per eliminare e ridurre, e non semplicemente per evitare, le sorgenti di Radiazioni artificiali.

 

 

Riferimenti scientifici:

  1. Hao, Y., Zhao, L. & Peng, R. Effects of microwave radiation on brain energy metabolism and related mechanisms. Military Medical Research. 2015; 2:4. doi: 10.1186/s40779-015-0033-6. [http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4440565/]
  2. Xu, S., Zhou, Z., Zhang, L., Yu, Z., Zhang, W., Wang, Y., Wang, X., Li, M., Chen, Y., Chen, C., He, M., Zhang, G. & Zhong, M. Exposure to 1800MHz radio frequency radiation induces oxidative damage to mitochondrial DNA in primary cultured neurons. Brain Research. 2010; 1311:189-196. doi: 10.1016/j.brainres.2009.10.062. [http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19879861]
  3. Zhao, L., Peng, R. Wang, S. Wang, L., Gao, Y., Dong, J., Li, X. & Su, Z. Relationship between Cognition Function and Hippocampus Structure after Long-term Microwave Exposure. Biomedical and Environmental Sciences. 2012; 25(2):182-188. doi: 10.3967/0895-3988.2012.02.009. [http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22998825]
  4. Zuo, H., Lin, T., Wang, D., Peng, R., Wang, S., Gao, Y., Xu, X., Li, Y., Wang, S., Zhao, L., Wang, L. & Zhou, H. Neural Cell Apoptosis Induced by Microwave Exposure Through Mitochondria-dependent Caspase-3 Pathway. International Journal of Medical Sciences.2014; 11(5):426–435. doi: 10.7150/ijms.6540. [https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3970093/]

 

 

Source/Fonte:

effects-of-electromagnetic-radiation-on-mitochondria

Modern life is killing our children: Cancer rate in young people up 40 per cent in 16 years

[Una nuova analisi di statistiche del Governo Britannico effettuata dai ricercatori della organizzazione di beneficenza “Children with Cancer UK” ha rilevato che il numero di giovani con diagnosi di cancro  è aumentato del 40 per cento negli ultimi 16 anni, e senza dubbio fattori ambientali sono da ritenersi responsabili.
Tra questi, ci sono i Campi Elettromagnetici.]

3 September 2016 – “The Telegraph”/Science, by 

A polluted London road 
Air pollution, obesity and a rise in electrical and magnetic fields is blamed for the surge in childhood cancer

Modern life is killing children with the number of youngsters diagnosed with cancer rising 40 per cent in the past 16 years because of air pollution, pesticides, poor diets and radiation, scientists have warned.
New analysis of government statistics by researchers at the charity Children with Cancer UK found that there are now 1,300 more cancer cases a year compared with 1998, the first time all data sets were published.

The rise is most apparent in teenagers and young adults aged between 15 and 24, where the incident rate has risen from around 10 cases in 100,000 to nearly 16.

Researchers say that although some of the rise can be explained by improvements in cancer diagnoses and more screening, the majority is probably caused by environmental factors.

Dr Denis Henshaw, Professor of Human Radiation Effects at Bristol University, the scientific adviser for Children with Cancer UK, said air pollution was by far the biggest culprit, accounting for around 40 per cent of the rise, but other elements of modern lifestyles are also to blame.

Among these are obesity, pesticides and solvents inhaled during pregnancy, circadian rhythm disruption through too much bright light at night, radiation from x-rays and CT scans, smoking during and after pregnancy, magnetic fields from power lines,  gadgets in homes, and potentially,  radiation from mobile phones.

Two girls play with an iPad
Children are surrounded by electrical fields, warn scientists

“When you look at cancers such as childhood leukaemia there is no doubt that environmental factors are playing a big role,” said Dr Henshaw. “We were shocked to see the figures, and it’s modern lifestyle I’m afraid.

“Many items on the list of environmental causes are now known to be carcinogenic, such as air pollution and pesticides and solvents. There has been good research to suggest a mother’s diet can damage DNA in cord blood. Light at night we know is very disruptive for the body, which is why shift workers have such bad health.

“Burnt barbecues, the electric fields of power lines, the electricity supply in your home. Hairdryers. It’s all of these things coming together, and it seems to be teenagers and young people that are most affected.

“What’s worrying is it is very hard to avoid a lot of these things. How can you avoid air pollution? It sometimes feels like we are fighting a losing battle.”

More than 4,000 children and young people are diagnosed with cancer every year in Britain, and cancer is the leading cause of death in children aged one to 14.

Diagnoses of colon cancer among children and young people has risen 200 per cent since 1998, while thyroid cancer has doubled. Ovarian and cervical cancers have also risen by 70 per cent and 50 per cent respectively.

The charity estimates that the rise in cases now costs the NHS an extra £130 million a year compared with 16 years ago.

But experts believe many cancers could be prevented with lifestyle changes such as allowing children to attend nursery to boost their immune system, not painting children’s rooms with oil-based paints, avoiding night shift work and processed meats in pregnancy.

The figures were released ahead of the Children with Cancer UK conference which is taking place in London this week.

Other cancer experts said they had also noticed a rise in cancer diagnoses but warned it was too early to draw firm conclusions on the causes.

The jury is out on whether phones can cause cancer but scientist fear it could be contributing to a rise in cases 
The jury is out on whether phones can cause cancer but scientist fear it could be contributing to a rise in cases

Nicola Smith, Cancer Research UK’s senior health information officer, said: “Any rise in childhood cancers is worrying but it’s important to remember that less than one per cent of cancer cases in the UK occur in children.

“It’s not yet clear exactly what causes cancer in childhood and research has not shown a link with environmental factors like air pollution and diet during pregnancy. There are some factors which can increase the risk of childhood cancer like inherited genetic conditions and exposure to radiation – but these are usually not avoidable and no one should feel blamed for a child getting cancer.

“Evidence has shown that there are lots of things adults can do to reduce cancer risk and it’s always a good idea to set up healthy habits as a family, like eating healthily, being active and enjoying the sun safely.”

Kate Lee, chief executive of children’s cancer charity CLIC Sargent, said that a child cancer diagnosis places a huge emotional and financial burden on the whole family.

“Over the last year CLIC Sargent provided support for more than 7,100 families, more than ever before, but we know that we can still only reach two out of three of those children and young people diagnosed with cancer,” she added.

“As more young cancer patients are diagnosed every year, we know each of those families will need support and are working hard to one day be able to provide those services for every young patient.”

Despite the increase, around 80 per cent of child cancer patients now survive for at least five years. But the aggressive treatments they have as children can have a major impact on their future health, even if they survive.

Tomorrow, Children with Cancer UK launches a five-point plan calling on the Government and the science and medical community to ensure that all children diagnosed with cancer in the UK have access to precision medicine by 2020.

Source/Fonte:

modern-life-is-killing-our-children-cancer-rate-in-young-people

Campaigner wants Wifi in schools banned due to health concerns

11 August 2016 – “Braintree & Witham Times”, by Robbie Bryson, Trainee Reporter

DANGER: Martin Kingsbury wants Wifi in schools to be banned
DANGER: Martin Kingsbury wants Wifi in schools to be banned

A BUSINESSMAN is on a mission to make people aware of an invisible health danger.

Martin Kingsbury, from Braintree, wants Wifi to be banned in schools up and down the country, to prevent harm being caused by electromagnetic radiation.

He said: “Someone came to me three years ago and told me about it. At first I thought it was another scare story.

“Then I spent a bit of time and did a bit of research. I started to see things that could not be disputed.

“The man made radiation has increased hundreds of times in the last thirty years.”

Many claim that exposure to electromagnetic radiation can cause people to develop Electro-Hypersensitivity – symptoms can include dizziness, headaches and sleep disturbance.

Mr Kingsbury, who owns Solar Power GB Ltd, is a member of Geovital Academy UK and got involved with the worldwide No Wifi in Schools campaign on July 31 by distributing posters across the district.

Countries such as Israel and France have already introduced Wi-Fi bands around children of a young age and Mr Kingsbury wants to see the UK government take a strong stance against electromagnetic radiation.

Mr Kingsbury said: “The problem is no one knows the information is out there.

“People need to be aware of the problems and then it is up to them what they do. But at least then they are given the opportunity to make small changes.

“I would like to see all Wifi to be removed from schools and people made aware of the harmful effects from modern technology – for people with children it is so important.”

Source/Fonte:

Campaigner_wants_Wifi_in_schools_banned_due_to_health_concerns

LOCANDINE INFORMATIVE “Dai voce al tuo cervello!”

Agosto 2016 – “Comitato Lecce Via Cavo”, Lecce

ElettrosensibiliImportante PATROCINIO della FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI PEDIATRI (FIMP), Sezione di Lecce, per la campagna informativa sui POSSIBILI DANNI ALLA SALUTE LEGATI ALL’USO DI CELLULARI, CORDLESS, TABLET, WIFI.

Prevista la massima diffusione delle LOCANDINE INFORMATIVE attraverso l’affissione negli AMBULATORI PEDIATRICI presenti sul territorio.

L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra COMITATO “LECCE VIA CAVO”, CODACONS, CODICI, CSV SALENTO e ASSOCIAZIONE ITALIANA ELETTROSENSIBILI ed a Giugno 2016 aveva già avuto il patrocinio anche dell’ ORDINE DEI FARMACISTI della Provincia di Lecce, con diffusione nelle farmacie, studi medici ed esercizi commerciali.

La locandina suggerisce alcuni COMPORTAMENTI PER RIDURRE LA PROPRIA ESPOSIZIONE ALLE RADIOFREQUENZE, tra cui: evitare lunghe chiamate con il cellulare, spegnere il wifi quando non è in uso (specie la notte), usare linee cablate a casa o sul lavoro;
PARTICOLARE ATTENZIONE ALLA PROTEZIONE DEI BAMBINI, che sono più vulnerabili: consigliato RIDURRE la loro esposizione alle radiazioni wireless (CELLULARI, CORDLESS, TABLET, WIFI) e PROMUOVERE RETI CABLATE NELLE SCUOLE al posto delle antenne wifi.

Sulla locandina campeggia la scritta “Dai voce al tuo cervello”, slogan scelto dopo che le radiofrequenze utilizzate dalla tecnologia senza fili sono state classificate nel 2011, dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) dell’Organizzazione Mondiale per la Salute (OMS), come “possibile cancerogeno per l’uomo”.
Da allora sono emerse nuove evidenze scientifiche che correlano l’esposizione alle radiofrequenze con l’insorgenza di tumori maligni al cervello, disordini neurologici , danni al dna, diminuzione dell’udito, sintomi di elettrosensibilità, alterazioni del ritmo cardiaco, insonnia, cali di memoria, disturbi cognitivi.

Fonte:

Comitato LECCE VIA CAVO

An urgent message for all humanity: electromagnetic radiation is damaging our babies, brains, bodies and planet

by Olga Sheean

The following letter (sent to the Mayor of Vancouver, Gregor Robertson, and the Canadian Prime Minister, Justin Trudeau, on 15 June 2016) has generated an overwhelming response from people all over the world. Many of them have electromagnetic hypersensitivity (EHS), but some of them are discovering this information for the first time and are alarmed by how much it has been distorted, downplayed and denied by those elected to protect our well-being. They have shared their own personal stories and some of them have also written to Robertson, as well as their own elected officials, expressing their concerns and calling for this issue to be urgently addressed.

The letter has gone viral, reaching thousands of people. It has been shared on social media, distributed on various networks, sent out in newsletters and its content re-purposed for other cities.

The information contained in this document applies to most developed countries, since Wi-Fi, cell phones and cordless phones are everywhere, saturating our environment with rapidly rising levels of radiation that’s affecting more and more people every day. I encourage you to share it as widely as you can, even if you are not personally (or knowingly) affected.

The more people I speak to about this, the more I (and they) realize that we’re all affected, in some way—some so severely that they can no longer function normally. I receive letters every day from those who are desperate for a solution and a safe place to live. I hear horror stories—a teenager committing suicide because she’s been forced to sit beside a Wi-Fi router at school, even though it makes her seriously ill; adults who have taken their own lives because there is nowhere for them to lead a normal life; and a 10-year-old boy who can no longer go to school as the Wi-Fi causes blinding headaches and makes him vomit. (For a list of symptoms of electromagnetic intolerance, see page 13.)

As much as 50% of the population in many developed countries will be affected by electromagnetic radiation by 2017.

The questions on pages 20 & 21 raise some key issues that politicians, decision-makers and Internet service-providers have an obligation to answer—but will be unable to, since the proliferation of electromagnetic radiation is now so vast and is escalating so rapidly that there is no way to measure, monitor or contain it.

As of 3 July 2016, I had not yet received a reply from Robertson or Trudeau, but I will be following up with them personally, sharing the many stories and messages I’ve received and alerting them to the growing public awareness of what’s really going on. Change will come as a result of your involvement. There is a tipping point for everything—your tolerance for the rising radiation, as well as the pressure we can collectively bring to bear on those tasked to protect our health, safety, human rights and natural environment.

We’re all in this together.

Source/Fonte:

http://olgasheean.com/no-safe-place/

Oms: “Il caffè non c’entra, è l’alta temperatura delle bevande che può causare il cancro”

[Per anni la presenza del caffè nella Classe 2B di cancerogenicità IARC è stata utilizzata a scopo denigratorio nei confronti di chi si è adoperato nel mettere in guardia la popolazione sui rischi derivanti dalla esposizione ai Campi Elettromagnetici in Alta e Bassa Frequenza (attualmente in Classe 2B).
Dagli “esperti” di turno è spesso stato detto che, in quanto a potenziali effetti sulla salute, essere esposti ad un Campo Elettromagnetico equivaleva a bersi una tazzina di caffè.
Adesso l’OMS ha fatto, purtroppo solo dopo oltre due decenni, quello che doveva: cancellare il caffè dalla lista dei possibili cancerogeni per l’uomo (Classe 2B).
Cosa diranno adesso quegli “esperti”?

A questo punto sarebbe importante che l’OMS procedesse anche alla rivalutazione dei Campi Elettromagnetici, in quanto da più parti si levano voci sulla necessità di inserirli almeno in Classe 2A sulla base di importanti evidenze scientifiche.
Quindi…A quando i CEM in 2A?
Speriamo di non dover attendere venti anni, perché le conseguenze per la popolazione potrebbero essere devastanti!

P.S. In classe 2B rimangono ancora i cetriolini, che però non sono quelli nostrani bensì quelli orientali, i quali subiscono particolari processi di conservazione che generano N-NITROSAMINE…e queste sì che sono possibilmente cancerogene per l’uomo!
Chissà se gli “esperti” di turno, nel disperato tentativo di proteggere gli interessi dell’industria negando l’evidenza, adesso inizieranno ad “aggrapparsi” ai cetriolini!]

14 giugno 2016 – “repubblica.it”

Una ricerca del organismo dell’Oms che si occupa di tumori riabilita l’espresso e il mate dopo i sospetti degli anni Novanta: le sostanze in sé non comportano rischi; che invece derivano dal bere liquidi molto caldi e minacciano l’esofago

LE BEVANDE molto calde, a prescindere dalla loro natura, sono una “probabile” causa di cancro. A diffondere la notizia è stata l’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) che ha contemporaneamente escluso il caffè e il mate in sè, a meno che non siano bevuti bollenti, dalle possibili cause di tumori. Il verdetto è contenuto nel parere stilato da 20 esperti di tutto il mondo per l’Agenzia per la ricerca sul cancro (Iarc) dell’Oms. “I risultati fanno pensare che il consumo di bevande molto calde sia una probabile causa di cancro all’esofago e che sia la temperatura a essere in causa, piuttosto che la bevanda stessa” ha dichiarato Christopher Wild, direttore del Centro internazionale sulla ricerca sul cancro (Circ/Iarc).

Evitare bibite a 65°C. “Sarebbe meglio quindi evitare bevande a temperature molto alte perché è probabile che possano provocare il tumore dell’esofago”, ha dichiarato ancora Wild. Con la definizione ‘bibite molto calde’ gli studiosi si riferiscono a quelle che vengono consumate a 65°C. “Caffè e thé si bevono a temperature molto più basse nel Nord d’America e in Europa”, ha detto Dana Loomis, epidemiologo del CIRC.

La ricerca ‘assolve’ dunque il caffè, che nel lontano 1991 era stato inserito in un elenco di sostanze che potevano essere cancerogene (classificato come 2 b) in riferimento ai tumore della vescica. Il nuovo report, ora, porta il caffè nella categoria 3 dove non ci sono evidenze di rischio.

Sotto osservazione 500 studi. Lo studio dello Iarc ha messo sotto la lente di ingrandimento 500 studi circa che hanno permesso di declassare il rischio per la bevanda fra le più amate nel mondo. Gli studi degli anni ’90 infatti avevano rilevato un legame tra il consumo di caffè e un maggior rischio di tumore alla vescica. Rischio poi non confermato dalle ricerche degli ultimi 25 anni che, anzi, hanno persino attribuito al caffè un effetto protettivo su due tumori: quello dell’utero e quello del fegato. Il parere per l’Oms, secondo quando si è appreso, considera ‘normale’ un consumo medio di 3-4 tazzine al giorno da parte di persone che non soffrano di malattie come la cirrosi. Gli esperti in futuro analizzeranno anche le possibili relazioni fra tè e tumori.

Assolto anche il mate. Intanto la ricerca ha assolto anche il mate e per le stesse ragioni del caffè. La bevanda popolare soprattutto in Sud America e in Spagna, se comporta dei rischi non è per le sostanze contenute nella erba con la quale è preparata, ma per l’eventuale alta temperatura durante il consumo; soprattutto se ingerita attraverso cannucce che portino il liquido direttamente nella gola. L’analisi è stata portata avanti in Cina, Iran, Turchia e in alcuni paesi dell’America del Sud, dove il thé e il mate vengono consumati a circa 70° C. Si è messo in evidenza che l’incidenza di casi di tumore aumenta quando vengono bevute queste bevande a temperature molto alte.

Fonte:

oms_per_il_caffe_nessun_rischio_tumore

Rapport de l’ANSES sur l’exposition aux radiofréquences et santé des enfants : il faut mieux protéger les enfants

[L’agenzia Nazionale Francese  per la Salute (Anses – Agence nationale de sécurité sanitaire de l’alimentation, de l’environnement et du travail) ha recentemente pubblicato un rapporto chiarissimo sui rischi derivanti dalla esposizione ai Campi Elettromagnetici e dall’uso delle tecnologie Wireless (senza fili) soprattutto per i bambini, sottolineando dunque la necessità di proteggerli limitando la loro esposizione e dissuadendoli dall’usare cellulari, tablet e altri dispositivi Wireless.]

8 juillet 2016 – par “Priartem et le Collectif des Electrosensibles de France”

Electrosensibles de France – Membre et référent de l’Association nationale P.R.I.A.R.T.EM
Correspondance : P.R.I.A.R.T.EM – Collectif des Electrosensibles de France; 5, Cour de la Ferme Saint-Lazare ; 75010 Paris
Email : Cliquez –  Tél : 01 42 47 81 54
www.electrosensible.orgwww.priartem.fr.

Communiqué de presse du 8 juillet 2016

Rapport de l’ANSES sur l’exposition aux radiofréquences et santé des enfants : il faut mieux protéger les enfants

A l’issue d’un long travail d’expertise l’Agence conclut qu’il faut mieux protéger les enfants des rayonnements de toutes les technologies sans fil ainsi que des effets liés à l’usage des outils numériques sans fil.

Pour l’ANSES, mieux protéger les enfants signifie :

–         Limiter l’exposition des enfants aux champs électromagnétiques ;

–         Dissuader l’usage par les enfants de l’ensemble des dispositifs de communication mobile.

L’ANSES met en évidence l’inadéquation des normes réglementaires actuelles pour satisfaire à cette nécessaire protection et elle propose ainsi de reconsidérer les valeurs limites d’exposition réglementaires et les indicateurs d’exposition dont le DAS (débit d’absorption spécifique).

Priartem considère que ces recommandations vont dans le bon sens ; que l’Agence a pris ses responsabilités d’Agence sanitaire en les formulant et qu’il reste maintenant aux autorités politiques à les mettre en œuvre le plus rapidement possible.

En ce sens Priartem va s’appuyer sur ces conclusions pour demander une réévaluation du processus normatif et surtout des mesures concrètes de protection des enfants. L’association va ainsi saisir à nouveau le ministère de l’Education Nationale pour un arrêt du plan numérique à l’école. En effet, tel qu’il est aujourd’hui lancé, ce plan se traduit par un déploiement massif de tablettes en WiFi dans les classes y compris dans les maternelles.

Priartem rappelle que partout où c’est possible les connexions filaires doivent être privilégiées, les appareils « sans fil » devant être réservés aux situations de mobilité.

Plus que jamais nous devons demander un grand débat public sur le développement numérique dont nous avons besoin au lieu de nous laisser imposer de plus en plus de gadgets connectés. Ceci est d’autant plus crucial que la jeune génération est celle qui aura été la plus exposée et ce, dès le plus jeune âge. Nous ne pouvons pas nous permettre d’avoir des regrets dans 20 ans, il sera trop tard.

Please also see/Vedere anche:

http://www.priartem.fr/Rapport-de-l-ANSES-sur-l.html

Bambino disturbato dalle lavagne hi-tech…

[Purtroppo il titolo dell’articolo ed anche il suo corpo contengono un piccolo errore riguardo alla tipologia di schermatura eseguita, forse per la scarsa conoscenza della materia. Però è certamente degno di nota il fatto che si sia tenuto conto delle esigenze di un bambino Elettrosensibile, consentendogli di continuare a frequentare le lezioni con i compagni.

Complimenti a chi si è adoperato a tal fine.]

5 giugno 2016 – “La Repubblica”, di Gabriele Cereda

Elettrosensibili

SEPARATORE AIE x sito
[La seguente è la versione digitale dell’articolo]

5 Giugno 2016 – “La Repubblica”, di Gabriele Cereda

Bambino disturbato dalle lavagne hi-tech il sindaco gli insonorizza l’aula

IL CASO/A CAVENAGO BRIANZA, IL PICCOLO È NON UDENTE

GABRIELE CEREDA

IL MAL di testa era così insopportabile che non riusciva più a mettere piede in classe e quelle poche volte in cui era presente gli impulsi elettromagnetici delle lavagne elettroniche finivano per mandarlo al tappeto. Impossibile seguire le lezioni per un bambino di 10 anni della scuola elementare Ada Negri, di Cavenago Brianza. Il suo impianto cocleare, un apparecchio che serve a sostituire le funzioni dell’orecchio stimolando la parte più profonda del cervello, andava sempre in tilt. Spegnere la lavagna elettronica della sua classe non era bastato, le onde di quelle utilizzate nelle altre sezioni attraversavano i muri. Nelle ultime settimane al dolore si era unita la frustrazione per non poter più sedere vicino ai compagni.

Con le speranze ridotte al lumicino, i genitori del piccolo studente si sono rivolti direttamente al sindaco della città brianzola, Francesco Seghi. «Ho subito mosso gli uffici dell’amministrazione per individuare degli esperti che risolvessero la situazione », racconta. Una squadra di specialisti ha completamente schermato l’aula con materiali fonoassorbenti, in grado di diminuire di mille volte il segnale delle onde radio.

«Come ogni amministrazione, di questi tempi siamo costretti a tirare la cinghia, ma volevamo che i lavori venissero eseguiti con la massima serietà. Non potevamo permettere che un ragazzino della nostra comunità rimanesse escluso dalla scuola», spiega il sindaco. L’azienda che ha vinto l’appalto in meno di una settimana ha realizzato l’intervento, costato 6.500 euro.

Dall’inizio della settimana il piccolo studente è potuto tornare sui banchi. Qualche giorno dopo il rientro, accompagnato dai genitori, ha chiesto di poter conoscere Seghi. «Non me lo aspettavo — racconta il sindaco — mi hanno detto che mi voleva incontrare e quando ci siamo visti, come un vero uomo, mi ha voluto stringere la mano per ringraziarmi».

FRANCESCO SEGHI
Sindaco di
Cavenago, ha speso
6.500 euro per
aiutare lo scolaro

Fonte:

bambino-disturbato-dalle-lavagne-hi-tech

‘Wi-fi, cellulari & co’: i rischi dell’elettromagnetismo sulla nostra salute

12 luglio 2016 – “www.casalenews.it”

Interessanti spunti di riflessione nella serata organizzata da Mammeincerchio, L’Albero di Valentina e Passi di vita

Chi era presente venerdì scorso all’Auditorium Santa Chiara per l’incontro su “Wifi, cellulari & co” ha capito che ‘indossare’ un telefonino (perché tale è l’intimità raggiunta con questo strumento di comunicazione) può provocare danni alla salute, anche se il mondo scientifico non lo ha ancora dimostrato.

Nell’incontro organizzato da Mamme in cerchio, Albero di Valentina e Passi di vita Onlus, avente per oggetto proprio l’informazione sui rischi provocati dalla prolungata esposizione a onde elettromagnetiche,  autorevoli esperti si sono espressi e confrontati sull’entità e sulla peculiarità delle conseguenze di tale esposizione.

Ha aperto la serata l’epidemiologo Corrado Magnani, che ha richiamato i risultati degli studi scientifici ufficiali, per i quali non ci sono evidenze di una pericolosità delle onde elettromagnetiche ai livelli di esposizione attualmente consentiti, benché le correlazioni con gravi malattie siano in fase di approfondimento.

Terminato il suo intervento, si è voltata pagina: il dottor Orio, vice-presidente dell’Associazione Elettrosensibili, ha riconosciuto i risultati divulgati dalla ricerca scientifica, ma ha dato conto di evidenze medico-sanitarie rilevanti: a fronte della diffusione rapidissima di cellulari e tecnologie wi-fi, i danni al sistema neurologico di bambini e adulti sono aumentati,  e con loro disturbi all’apparato riproduttivo maschile.

Eloquenti le immagini mostrate: le parti a contatto con il telefonino subiscono l’aggressione di onde elettromagnetiche in una forma inedita fino ad oggi.

Sono poi emersi altri aspetti – oggetto di studi indipendenti – che rafforzano l’idea di dover essere prudenti quando ci affidiamo alla connessione wireless, perché, come il professor Magnani ha suggerito,  si tratta di una tecnologia entrata nelle nostre case prima di averne sperimentato e ‘pesato’ gli effetti.

Effetti nefasti, li conoscono bene gli elettrosensibili: persone che – con intensità diverse – registrano l’impossibilità di maneggiare apparecchi come cellulari, computer, microonde.

Alcuni erano presenti all’incontro e hanno portato testimonianze toccanti. È verosimile aspettarsi un aumento di elettrosensibili, e ci si augura che la tecnologia migliori la schermatura degli apparecchi e che la vocazione per il wi-fi venga soppiantata da sistemi più inequivocabilmente sicuri per la salute.

Una serie di consigli dispensati dal professor Sergio Crippa ha, a questo proposito, semplificato la materia: accorgimenti casalinghi praticabili e utili.

Il materiale raccolto dalle associazioni promotrici, che hanno avuto il sostegno e il patrocinio del Comune di Casale e dell’Ordine dei Farmacisti di Alessandria, per la serietà con cui è stata impostata la serata e per la capacità di coinvolgere personalità di prim’ordine, è a disposizione di chi volesse approfondire il tema e per chi – in attesa di evidenze scientifiche (per le quali occorre tempo, quale che sia l’esito) – volesse divulgare l’invito alla prudenza nell’utilizzo del wi-fi. Internet e cellulari si’, ma non a discapito della salute.

Associazioni Mamme in Cerchio – L’Albero di Valentina – Passi di vita onlus

Fonte:

wi-fi-cellulari-co-i-rischi-dellelettromagnetismo-sulla-nostra-salute/passi-di-vita-mammeincerchio-albero-valentina-casale-monferrato