Modern life is killing our children: Cancer rate in young people up 40 per cent in 16 years

[Una nuova analisi di statistiche del Governo Britannico effettuata dai ricercatori della organizzazione di beneficenza “Children with Cancer UK” ha rilevato che il numero di giovani con diagnosi di cancro  è aumentato del 40 per cento negli ultimi 16 anni, e senza dubbio fattori ambientali sono da ritenersi responsabili.
Tra questi, ci sono i Campi Elettromagnetici.]

3 September 2016 – “The Telegraph”/Science, by 

A polluted London road 
Air pollution, obesity and a rise in electrical and magnetic fields is blamed for the surge in childhood cancer

Modern life is killing children with the number of youngsters diagnosed with cancer rising 40 per cent in the past 16 years because of air pollution, pesticides, poor diets and radiation, scientists have warned.
New analysis of government statistics by researchers at the charity Children with Cancer UK found that there are now 1,300 more cancer cases a year compared with 1998, the first time all data sets were published.

The rise is most apparent in teenagers and young adults aged between 15 and 24, where the incident rate has risen from around 10 cases in 100,000 to nearly 16.

Researchers say that although some of the rise can be explained by improvements in cancer diagnoses and more screening, the majority is probably caused by environmental factors.

Dr Denis Henshaw, Professor of Human Radiation Effects at Bristol University, the scientific adviser for Children with Cancer UK, said air pollution was by far the biggest culprit, accounting for around 40 per cent of the rise, but other elements of modern lifestyles are also to blame.

Among these are obesity, pesticides and solvents inhaled during pregnancy, circadian rhythm disruption through too much bright light at night, radiation from x-rays and CT scans, smoking during and after pregnancy, magnetic fields from power lines,  gadgets in homes, and potentially,  radiation from mobile phones.

Two girls play with an iPad
Children are surrounded by electrical fields, warn scientists

“When you look at cancers such as childhood leukaemia there is no doubt that environmental factors are playing a big role,” said Dr Henshaw. “We were shocked to see the figures, and it’s modern lifestyle I’m afraid.

“Many items on the list of environmental causes are now known to be carcinogenic, such as air pollution and pesticides and solvents. There has been good research to suggest a mother’s diet can damage DNA in cord blood. Light at night we know is very disruptive for the body, which is why shift workers have such bad health.

“Burnt barbecues, the electric fields of power lines, the electricity supply in your home. Hairdryers. It’s all of these things coming together, and it seems to be teenagers and young people that are most affected.

“What’s worrying is it is very hard to avoid a lot of these things. How can you avoid air pollution? It sometimes feels like we are fighting a losing battle.”

More than 4,000 children and young people are diagnosed with cancer every year in Britain, and cancer is the leading cause of death in children aged one to 14.

Diagnoses of colon cancer among children and young people has risen 200 per cent since 1998, while thyroid cancer has doubled. Ovarian and cervical cancers have also risen by 70 per cent and 50 per cent respectively.

The charity estimates that the rise in cases now costs the NHS an extra £130 million a year compared with 16 years ago.

But experts believe many cancers could be prevented with lifestyle changes such as allowing children to attend nursery to boost their immune system, not painting children’s rooms with oil-based paints, avoiding night shift work and processed meats in pregnancy.

The figures were released ahead of the Children with Cancer UK conference which is taking place in London this week.

Other cancer experts said they had also noticed a rise in cancer diagnoses but warned it was too early to draw firm conclusions on the causes.

The jury is out on whether phones can cause cancer but scientist fear it could be contributing to a rise in cases 
The jury is out on whether phones can cause cancer but scientist fear it could be contributing to a rise in cases

Nicola Smith, Cancer Research UK’s senior health information officer, said: “Any rise in childhood cancers is worrying but it’s important to remember that less than one per cent of cancer cases in the UK occur in children.

“It’s not yet clear exactly what causes cancer in childhood and research has not shown a link with environmental factors like air pollution and diet during pregnancy. There are some factors which can increase the risk of childhood cancer like inherited genetic conditions and exposure to radiation – but these are usually not avoidable and no one should feel blamed for a child getting cancer.

“Evidence has shown that there are lots of things adults can do to reduce cancer risk and it’s always a good idea to set up healthy habits as a family, like eating healthily, being active and enjoying the sun safely.”

Kate Lee, chief executive of children’s cancer charity CLIC Sargent, said that a child cancer diagnosis places a huge emotional and financial burden on the whole family.

“Over the last year CLIC Sargent provided support for more than 7,100 families, more than ever before, but we know that we can still only reach two out of three of those children and young people diagnosed with cancer,” she added.

“As more young cancer patients are diagnosed every year, we know each of those families will need support and are working hard to one day be able to provide those services for every young patient.”

Despite the increase, around 80 per cent of child cancer patients now survive for at least five years. But the aggressive treatments they have as children can have a major impact on their future health, even if they survive.

Tomorrow, Children with Cancer UK launches a five-point plan calling on the Government and the science and medical community to ensure that all children diagnosed with cancer in the UK have access to precision medicine by 2020.

Source/Fonte:

modern-life-is-killing-our-children-cancer-rate-in-young-people

Rapport de l’ANSES sur l’exposition aux radiofréquences et santé des enfants : il faut mieux protéger les enfants

[L’agenzia Nazionale Francese  per la Salute (Anses – Agence nationale de sécurité sanitaire de l’alimentation, de l’environnement et du travail) ha recentemente pubblicato un rapporto chiarissimo sui rischi derivanti dalla esposizione ai Campi Elettromagnetici e dall’uso delle tecnologie Wireless (senza fili) soprattutto per i bambini, sottolineando dunque la necessità di proteggerli limitando la loro esposizione e dissuadendoli dall’usare cellulari, tablet e altri dispositivi Wireless.]

8 juillet 2016 – par “Priartem et le Collectif des Electrosensibles de France”

Electrosensibles de France – Membre et référent de l’Association nationale P.R.I.A.R.T.EM
Correspondance : P.R.I.A.R.T.EM – Collectif des Electrosensibles de France; 5, Cour de la Ferme Saint-Lazare ; 75010 Paris
Email : Cliquez –  Tél : 01 42 47 81 54
www.electrosensible.orgwww.priartem.fr.

Communiqué de presse du 8 juillet 2016

Rapport de l’ANSES sur l’exposition aux radiofréquences et santé des enfants : il faut mieux protéger les enfants

A l’issue d’un long travail d’expertise l’Agence conclut qu’il faut mieux protéger les enfants des rayonnements de toutes les technologies sans fil ainsi que des effets liés à l’usage des outils numériques sans fil.

Pour l’ANSES, mieux protéger les enfants signifie :

–         Limiter l’exposition des enfants aux champs électromagnétiques ;

–         Dissuader l’usage par les enfants de l’ensemble des dispositifs de communication mobile.

L’ANSES met en évidence l’inadéquation des normes réglementaires actuelles pour satisfaire à cette nécessaire protection et elle propose ainsi de reconsidérer les valeurs limites d’exposition réglementaires et les indicateurs d’exposition dont le DAS (débit d’absorption spécifique).

Priartem considère que ces recommandations vont dans le bon sens ; que l’Agence a pris ses responsabilités d’Agence sanitaire en les formulant et qu’il reste maintenant aux autorités politiques à les mettre en œuvre le plus rapidement possible.

En ce sens Priartem va s’appuyer sur ces conclusions pour demander une réévaluation du processus normatif et surtout des mesures concrètes de protection des enfants. L’association va ainsi saisir à nouveau le ministère de l’Education Nationale pour un arrêt du plan numérique à l’école. En effet, tel qu’il est aujourd’hui lancé, ce plan se traduit par un déploiement massif de tablettes en WiFi dans les classes y compris dans les maternelles.

Priartem rappelle que partout où c’est possible les connexions filaires doivent être privilégiées, les appareils « sans fil » devant être réservés aux situations de mobilité.

Plus que jamais nous devons demander un grand débat public sur le développement numérique dont nous avons besoin au lieu de nous laisser imposer de plus en plus de gadgets connectés. Ceci est d’autant plus crucial que la jeune génération est celle qui aura été la plus exposée et ce, dès le plus jeune âge. Nous ne pouvons pas nous permettre d’avoir des regrets dans 20 ans, il sera trop tard.

Please also see/Vedere anche:

http://www.priartem.fr/Rapport-de-l-ANSES-sur-l.html

‘Wi-fi, cellulari & co’: i rischi dell’elettromagnetismo sulla nostra salute

12 luglio 2016 – “www.casalenews.it”

Interessanti spunti di riflessione nella serata organizzata da Mammeincerchio, L’Albero di Valentina e Passi di vita

Chi era presente venerdì scorso all’Auditorium Santa Chiara per l’incontro su “Wifi, cellulari & co” ha capito che ‘indossare’ un telefonino (perché tale è l’intimità raggiunta con questo strumento di comunicazione) può provocare danni alla salute, anche se il mondo scientifico non lo ha ancora dimostrato.

Nell’incontro organizzato da Mamme in cerchio, Albero di Valentina e Passi di vita Onlus, avente per oggetto proprio l’informazione sui rischi provocati dalla prolungata esposizione a onde elettromagnetiche,  autorevoli esperti si sono espressi e confrontati sull’entità e sulla peculiarità delle conseguenze di tale esposizione.

Ha aperto la serata l’epidemiologo Corrado Magnani, che ha richiamato i risultati degli studi scientifici ufficiali, per i quali non ci sono evidenze di una pericolosità delle onde elettromagnetiche ai livelli di esposizione attualmente consentiti, benché le correlazioni con gravi malattie siano in fase di approfondimento.

Terminato il suo intervento, si è voltata pagina: il dottor Orio, vice-presidente dell’Associazione Elettrosensibili, ha riconosciuto i risultati divulgati dalla ricerca scientifica, ma ha dato conto di evidenze medico-sanitarie rilevanti: a fronte della diffusione rapidissima di cellulari e tecnologie wi-fi, i danni al sistema neurologico di bambini e adulti sono aumentati,  e con loro disturbi all’apparato riproduttivo maschile.

Eloquenti le immagini mostrate: le parti a contatto con il telefonino subiscono l’aggressione di onde elettromagnetiche in una forma inedita fino ad oggi.

Sono poi emersi altri aspetti – oggetto di studi indipendenti – che rafforzano l’idea di dover essere prudenti quando ci affidiamo alla connessione wireless, perché, come il professor Magnani ha suggerito,  si tratta di una tecnologia entrata nelle nostre case prima di averne sperimentato e ‘pesato’ gli effetti.

Effetti nefasti, li conoscono bene gli elettrosensibili: persone che – con intensità diverse – registrano l’impossibilità di maneggiare apparecchi come cellulari, computer, microonde.

Alcuni erano presenti all’incontro e hanno portato testimonianze toccanti. È verosimile aspettarsi un aumento di elettrosensibili, e ci si augura che la tecnologia migliori la schermatura degli apparecchi e che la vocazione per il wi-fi venga soppiantata da sistemi più inequivocabilmente sicuri per la salute.

Una serie di consigli dispensati dal professor Sergio Crippa ha, a questo proposito, semplificato la materia: accorgimenti casalinghi praticabili e utili.

Il materiale raccolto dalle associazioni promotrici, che hanno avuto il sostegno e il patrocinio del Comune di Casale e dell’Ordine dei Farmacisti di Alessandria, per la serietà con cui è stata impostata la serata e per la capacità di coinvolgere personalità di prim’ordine, è a disposizione di chi volesse approfondire il tema e per chi – in attesa di evidenze scientifiche (per le quali occorre tempo, quale che sia l’esito) – volesse divulgare l’invito alla prudenza nell’utilizzo del wi-fi. Internet e cellulari si’, ma non a discapito della salute.

Associazioni Mamme in Cerchio – L’Albero di Valentina – Passi di vita onlus

Fonte:

wi-fi-cellulari-co-i-rischi-dellelettromagnetismo-sulla-nostra-salute/passi-di-vita-mammeincerchio-albero-valentina-casale-monferrato

US government’s premiere test program finds cancer risk from cell phone radiation: a game-changing global wake-up call

19th June 2016 – “blog.oup.com”, by Devra Davis


Have you heard that cell phones cause cancer, then they don’t, then they do? Confused enough yet? Let me break it down for you. Contrary to some claims, the new US government study by the National Toxicology Program (NTP) is hardly a shot in the dark or a one-off event. With this largest best-conducted animal study, we now have three different studies within the past six years where animals develop some of the same cancers from cell phone radiation as people. In the NTP study, male rats exposed to wireless radiation develop more unusual highly malignant brain tumors—gliomas—as well as very rare tumors of the nerves around and within the heart—schwannomas.

Rodent studies are the gold standard for testing chemicals. In fact, as the American Cancer Society notes, the NTP study comes from a world-renowned test program that involved twice the usual number of animals and triple the typical number of independent reviews of the pathology data. The NTP review process included blinded evaluations by statisticians and pathologists who did not even know the name of the ‘test agent’ they were examining.

An op-ed from the New York Times by pediatrician Aaron Carroll questions the relevance of these animal studies for humans. Chairman of Pediatrics at Hadassah Hospital Jerusalem, Dr. Eitan Kerem, does not agree, stating that “Such findings [of cancers in a test drug] in the pharma industry may prevent further developing of a drug until safety is proven, and until the findings of this study are confirmed parents should be aware of the potential hazards of carcinogenic potential of radiofrequency radiation.”

Prof. Eitan appreciates that every agent known to cause cancer in people, also produces it in animals when well studied. More recently, studies have found significant brain changes in cell-phone exposed Zebra fish which also share important properties with humans. If we fail to heed these studies and insist on more human data, we become the bodies of evidence.

Not a single one of the NTP rat controls developed these rare brain cancers or schwannomas of the heart. Yes it is true that historical controls used in other studies have had a few brain cancers, so why should we not compare these results with that? In scientific research, we take great care to subject controls and exposed animals to the same housing, light, food, water supply, cage rotation, etc. This NTP study placed all animals in a complex reverberation chamber that existed within a metal barrier that blocked all forms of electromagnetic radiation from entering—a Farraday cage. Thus it is entirely plausible that electromagnetic exposures from wiring, ceiling fans, HVAC, or even technicians with phones in their pockets, could have affected control animals in those older studies causing this rare brain tumor and the handful of schwannomas of the heart found in the past in other controls. The fact that not a single one of the controls in this study developed these rare tumors tells us a great deal.

Why then, did brain tumors occur only in male rats? The sexes differ not only in hormones but in the ways that their DNA deals with poisons. In fact, rare precancerous abnormalities in the brain and heart were also reported in both sexes in the NTP study. For many cancer-causing agents, tumors are more common in males than in females—although in this instance, both males and females had significantly more cardiac abnormalities, pre-cancerous lesions, and malignant nerve tumors within and around their hearts.

Wait a minute. Some have claimed that these results are not a true positive, but a false one, that is to say—a false finding that wireless radiation increases cancer. By design, this study had a 97% chance of finding a true positive. Using a relatively small number of animals to study a very rare outcome, this study in fact, had a far greater chance of a falsely negative finding than of a falsely positive result.

Why then does the public know so little about the how cell phones and wireless technology impact our health? In 1994, findings that such radiation could prove a risk spawned an unusual and little-known sport—that of “war-games”—outlined in a memo from Motorola to their PR firm. That year when University of Washington scientists, Henry Lai and V.J. Singh, first showed that radiofrequency radiation (RFR) damaged brain cells in rats, they were subject to well-funded coordinated efforts to discredit their findings, their livelihood, and their integrity. Their university was asked to fire them and the journal editor where their work had been accepted was pressured to un-accept it. Similar disinformation efforts confronted the REFLEX project in 2004—a $15 million European Union multi-lab effort—after it also determined that cellphone radiation caused biological impacts on the brain.

Another paper from the NTP finding genotoxic impacts of wireless radiation is under peer-review at this time. The capacity of this radiation to open membranes is so well established that a number of technologies have been FDA approved to treat cancer relying on electroceuticals that use electromagnetic radiation at various powers, waveforms, and frequencies.

If ever there was a time to re-think our growing dependence on wireless in schools, cars, homes, and energy production, this is it. There is no other suspected cancer-causing agent to which we subject our elementary school students or place directly in front of the brain and eyes with virtual reality. It makes no sense to continue building out huge wireless systems until we have done a better job of putting the pieces of this puzzle together. This latest report from the NTP should give us all pause.

Belgium has banned cell phones for children. Over a dozen countries are curtailing wireless radiation especially for children. Reducing exposures will increase battery life, decrease demand for energy, and lower health risks. Concerted steps to reduce wireless radiation such as those recommended by the Israeli National Center for Non-Ionizing Radiation, France, the Indian Ministry of Health, and the Belgian government are in order now.

Governments have a moral obligation to protect citizens against risks that cannot otherwise be controlled. The epidemics of lung cancer today are evidence we waited far too long to control tobacco. To insist on proof of human harm now before taking steps to prevent future damage places all of us into an experiment without our consent, violating the Nuremberg Code.

Featured image credit: Cell phone in hands by Karolina Grabowska.STAFFAGE. CC0 public domain via Pexels.


Source/Fonte:

cancer-from-cell-phone-radiation-ntp-report

“CELLULARI, WIFI & Co”, 8 luglio 2016 – serata informativa

 

Venerdì 8 luglio 2016
dalle ore 21:00

Auditorium Santa Chiara
via F. Cane, 31 – Casale Monferrato (AL)

Serata informativa sull’uso consapevole di cellulari, wifi, ecc.,
e i rischi potenziali per la salute.

Organizzata dalle associazioni
Mamme in Cerchio, L’Albero di Valentina, Passi di Vita Onlus,
con il patrocinio
del Comune di Casale  Monferrato e dell’Ordine dei Farmacisti della provincia di Alessandria.

con la partecipazione
del Dr. Paolo Orio e del Dr. Sergio Crippa
della
Associazione Italiana Elettrosensibili

[Per maggiori dettagli, vedere la locandina qui sotto.
Cliccare sulla immagine per ingrandirla.]

Elettrosensibili

Una presentazione della serata su “Il Monferrato”, di Marco Bertoncini.

[Cliccare sulla immagine per ingrandirla.]

Elettrosensibili

LOCANDINA – consigli per ridurre la esposizione alle Radiofrequenze

ElettrosensibiliRealizzata con il patrocinio dell’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Lecce dal Comitato Lecce Via Cavo, insieme alle Associazioni Consumatori Codacons e Codici, a Csv Salento e all’Associazione Italiana Elettrosensibili, questa locandina nasce dalla necessità di informare la popolazione sui possibili rischi per la salute derivanti dall’uso di cellulari, smartphone, tablet, telefoni cordless, apparecchiature Wi-Fi e Wireless in genere, anche per livelli di esposizione alle Radiofrequenze/Microonde inferiori ai limiti di legge.

Le Radiofrequenze/Microonde, utilizzate dalle apparecchiature Wireless, sono state classificate nel 2011 come “possibile cancerogeno per l’uomo” dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (I.A.R.C.), afferente all’Organizzazione Mondiale della Sanità (O.M.S.).

Da più parti è stato invocato il Principio di Precauzione, secondo il quale, in attesa di ulteriori informazioni, è importante adottare misure pratiche per ridurre l’esposizione a queste fonti di inquinamento ambientale.

Numerose sono le evidenze scientifiche (vd. la nostra sezione Riferimenti scientifici, dove ne viene riportata una parte) che correlano l’esposizione alle Radiofrequenze/Microonde con: danni al DNA, insorgenza di tumori maligni al cervello, malattie neurologiche e neurodegenerative, alterazioni del ritmo cardiaco, deficit di apprendimento e di memoria, disturbi cognitivi, mal di testa, insonnia, sintomi di Elettrosensibilità, infertilità, diminuzione dell’udito e tinnito, autismo nei bambini e molto altro.
Sono tra l’altro recentemente stati pubblicati i primi risultati di un importante studio condotto dall’ente governativo statunitense National Toxicology Program, costato finora ben 25 milioni di dollari, dai quali si evince un incremento significativo di due tipi di cancro nei ratti esposti alle Radiofrequenze/Microonde: Glioma (tumore della glia del cervello) e Schwannoma (tumore maligno del cuore).

I bambini andrebbero maggiormente tutelati, perché sono particolarmente vulnerabili agli effetti dannosi delle Radiofrequenze in quanto la loro gracile costituzione e la loro esposizione precoce determinano un rischio maggiore di manifestare tumori e malattie neurodegenerative in età adulta.

La locandina sarà diffusa nelle farmacie di Lecce e provincia, in altri esercizi commerciali e negli studi medici.

Chiunque può contribuire alla sua diffusione scaricando e stampando il file in alta qualità il cui link trovate in calce alla pagina.
Il formato consente una stampa ottimale anche di locandine di grandi dimensioni (A3-A2).

SCARICA QUI

LECCE: UN PASSO AVANTI NELLA LOTTA ALL’ELETTROSMOG

14 giugno 2016 – “www.terranuova.it”

Con il patrocinio dell’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Lecce, il Comitato Lecce Via Cavo, insieme alle Associazioni Consumatori Codacons e Codici, a Csv Salento e all’Associazione Italiana Elettrosensibili, ha realizzato la locandina “Dai voce al tuo cervello”.

Lecce: un passo avanti nella lotta all'elettrosmog

«L’iniziativa nasce dalla necessità di informare la popolazione sui possibili danni alla salute legati all’uso di cellulari, cordless, tablet, wifi, etc. – spiegano i promotori – Le radiofrequenze, utilizzate dalla tecnologia senza fili sono state classificate nel 2011 dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC), afferente all’Organizzazione Mondiale per la Salute (OMS), come “possibile cancerogeno per l’uomo”. In quell’occasione il direttore della IARC ha affermato che “in attesa di ulteriori informazioni è importante adottare misure pratiche per ridurre l’esposizione, per esempio usando gli auricolari e i messaggi non in voce”. Da allora sono emerse nuove evidenze scientifiche che correlano l’esposizione alle radiofrequenze con l’insorgenza di tumori maligni al cervello, disordini neurologici, danni al Dna, diminuzione dell’udito, sintomi di elettrosensibilità, alterazioni del ritmo cardiaco, insonnia, cali di memoria, disturbi cognitivi, etc.».

«La locandina, che sarà diffusa nelle farmacie di Lecce e provincia, ed anche in altri esercizi commerciali e studi medici, suggerisce alcuni comportamenti per ridurre la propria esposizione alle radiofrequenze, come quello di tenere lontano il cellulare quando si aspetta la connessione o mentre si invia un sms, o spegnere il wifi quando non è in uso, soprattutto durante la notte per evitare disturbi del sonno, staccando la spina. I bambini andrebbero maggiormente tutelati, poiché sono particolarmente vulnerabili alle radiofrequenze e per la loro esposizione precoce corrono un rischio maggiore di manifestare in età adulta malattie neurodegenerative e tumori. L’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Lecce, da sempre sensibile e attento alle problematiche sanitarie ricopre ancora una volta un ruolo di primo piano nella tutela della salute pubblica e della prevenzione delle malattie. L’uso del cellulare e dei dispositivi wifi è diffusissimo ma pochi conoscono i reali danni alla salute che ne potrebbero derivare, anche per livelli di esposizione inferiori ai limiti di legge. Tantissimi studi sono stati realizzati dal 2011 in poi. Ultimo in ordine di tempo è quello condotto dall’ente governativo statunitense National Toxicology Program e costato fino ad ora 25 milioni di dollari. I primi risultati, pubblicati qualche giorno fa, hanno evidenziato un incremento significativo di due tipi di cancro nei ratti esposti alle radiofrequenze: glioma (tumore delle cellulari gliali del cervello) e schwannoma maligno del cuore. Anche uno studio recente condotto dall’Istituto Ramazzini di Bologna ha evidenziato un aumento significativo di schwannoma maligno del cuore nei ratti esposti a campi elettromagnetici di bassissima frequenza. Il professor David Carpenter, direttore dell’Istituto per la Salute e l’Ambiente dell’Università di Albany (New York) ha affermato: “Siamo a un punto di svolta. Sarà molto difficile per i negazionisti non riconoscere l’associazione tra radiofrequenze e tumori”».

 

elettrosmogregole

Fonte:

Lecce-un-passo-avanti-nella-lotta-all-elettrosmog

Scuola digitale, il progetto cresce. Protestano i genitori anti wifi

15 maggio 2016 – “www.quotidianodipuglia.it”/Lecce, di Stefano Martella

Scuola digitale, il progetto cresce. Protestano i genitori anti wifi

Digitalizzare Lecce, digitalizzare le scuole e le nuove generazioni. È stato questo l’obiettivo portante di Code4Lecce Day, incontro tenutosi ieri mattina alle Officine Cantelmo ed evento conclusivo di #HPECode4Lecce, progetto del Comune di Lecce, con l’Assessorato alle Politiche Comunitarie e Assessorato alla Pubblica Istruzione, in collaborazione con HP Enterprise, azienda leader nel settore delle attrezzature informatiche.
Il progetto punta a innovare tutta la filiera educativa: dalla scuola primaria alla formazione professionale, supportando con tecnologie innovative i modelli pedagogici e didattici. Insomma, insegnanti e alunni avranno a che fare sempre di più con una istruzione digitalizzata. Infatti, nell’ambito del progetto, più di mille bambini delle scuole leccesi hanno partecipato ad incontri di coding, ovvero a giochi di programmazione informatica.
Inoltre altri incontri sono stati pensati per formare i docenti su queste nuove tecnologie.

Oltre alla formazione, il progetto prevedeva una fase di vera e propria fornitura accessoria. Per questo sono stati installati 49 hotspotswifi gratuiti sugli istituti scolastici e altri luoghi culturali. Poi, sempre ieri mattina, ai dirigenti scolastici sono stati consegnati centinaia di tablet, robottini elettronici e pc.
In futuro verrà previsto anche il rilascio di 1750 certificazioni digitali, delle quali una prima parte è già stata prenotata dalle scuole per i loro studenti, mentre una seconda sarà destinata a cittadini leccesi. Soddisfazione è stata espressa dal’assessore Alessandro Delli Noci: «Creare una cittadinanza digitale era l’obiettivo iniziale del progetto e certamente abbiamo gettato delle buone basi, con un investimento enorme nella formazione e nelle infrastrutture digitali – afferma l’assessore – Dal binomio innovazione e cultura passa il futuro di questa città e la sua ribalta nazionale ed internazionale. Abbiamo contribuito fattivamente alla formazione di cittadini digitali protagonisti e consapevoli».

Loredana Capone, assessore regionale allo Sviluppo economico, era presente all’incontro ed esprime la sua soddisfazione per il progetto e per la sinergia con cui due enti pubblici hanno collaborato per il territorio: «Formare il cittadino digitale: questo è un compito importantissimo non più rinviabile – commenta Capone -. Perché il mondo cambia rapidamente e i giovani devono essere pronti ad affrontarlo.
Se vorranno creare un’impresa o lavorare come manager, per ogni ruolo sarà indispensabile conoscere queste tecnologie. Ma il circolo virtuoso deve prevedere che anche i servizi siano resi in modo digitale e, quindi,formare le competenze è fondamentale».

———————————————————————
LA CONTESTAZIONE

«Perché irradiamo i nostri bambini se li amiamo?». Era questa la domanda provocatoria che i componenti del Comitato “Lecce Via Cavo” – un collettivo di genitori contrari all’utilizzo della tecnologia wifi nelle scuole – ponevano sopra alcuni volantini che hanno distribuito all’interno delle Officine Cantelmo, mentre sul palco si avvicendavano
gli ospiti. Altri hanno mostrato dei cartelloni di protesta.
L’intento è stato quello di accendere un faro sulla pericolosità delle onde elettromagnetiche sulla popolazione, specialmente quella più piccola.

«Il Comune installa 50 nuove antenne sugli edifici scolastici e promuove la tecnologia wifi anche all’interno
delle scuole, ignorando gli avvertimenti sulla salute provenienti dalla scienza internazionale ed esponendo la popolazione studentesca ad un rischio maggiore di manifestare in età adulta danni neurologici e tumori – dice Fabia del Giudice, rappresentante del comitato -. Particolare attenzione va rivolta ai bambini: i loro corpi sono più piccoli, le ossa del cranio sono più sottili e il loro sistema nervoso è in via di sviluppo. Nel 2014 il dottor Miller, consulente dell’Oms e del National Cancer Institute, ha affermato che le radiazioni wireless, provenienti ad esempio da wifi o tablet, non devono entrare nelle scuole, soprattutto nelle primarie». Sono tanti i motivi che spingono i membri del comitato a manifestare il loro scetticismo sull’utilizzo di questa tecnologia nelle scuole. Non c’è solo il rischio di contrarre tumori, a spaventare sono anche altri disturbi. «Nei bambini l’uso precoce può influire negativamente su attenzione, memoria e sviluppo del linguaggio – continua del Giudice -. Pc e tablet diminuiscono la capacità di leggere e scrivere correttamente. Per l’Accademia degli studi di Francia producono crisi nel ragionamento induttivo. Altri studi hanno evidenziato l’insorgenza di demenza digitale in bambini e adolescenti assidui utilizzatori di apparecchiature elettroniche. Quindi chiediamo che questa tecnologia venga usata con razionalità, soprattutto in luoghi come la scuola».

Fonte:

scuola_digitale_lecce_progetto_protestano_genitori_wifi

Messaggio alle Scuole riguardo i dispositivi senza fili

[Recente nota sull’utilizzo di dispositivi wireless redatta dal Dr. Ronald M. Powell, scienziato americano in pensione, indirizzata alle scuole.
Traduzione in Italiano a cura della Associazione Elettrosmog Sicilia (http://www.elettrosmogsicilia.org/)]

20 Agosto 2015

di Ronald M.Powell, Ph. D.

Se nelle vostre scuole si utilizzano dispositivi wireless, come quelli che usano la tecnologia Wi-Fi, la salute del vostro personale, dei vostri insegnanti, e degli studenti può essere a rischio. Ma questo problema può essere affrontato e risolto con successo, e con beneficio per tutti.

Contesto: i dispositivi senza fili trasmettono informazioni utilizzando le radiazioni a radiofrequenza / microonde. La comunità di ricerca biomedica internazionale ha studiato l’impatto sui sistemi biologici di tali radiazioni per decenni, ma più intensamente negli ultimi anni. La stragrande maggioranza delle migliaia di pubblicazioni di ricerca peer-reviewed di questa comunità, quando sono state finanziate indipendentemente dalle industrie del settore, ha trovato effetti biologici che destano preoccupazione. Inoltre, questi effetti biologici si verificano a intensità di radiazione molto inferiore di quanto si era compreso precedentemente. In parole povere, sta emergendo una crisi sanitaria su scala mondiale e questo sta diventando un segno distintivo del 21° secolo. La comunità di ricerca biomedica internazionale sta cercando di metterci in guardia; ma, come società, non stiamo ancora ascoltando. Spero che questo messaggio possa contribuire a cambiare la situazione.

In qualità di scienziato, vi esorto a esaminare l’impatto sulla salute delle radiazioni a radiofrequenza / microonde generate da dispositivi senza fili. Esempi di tali dispositivi senza fili nel nostro ambiente sono quelli che usano la tecnologia Wi-Fi in tutte le sue varianti; telefoni cellulari e stazioni radio base (specificamente quelle situate nelle vicinanze delle scuole); telefoni cordless; computer con collegamenti senza fili, che siano modelli desktop, laptop o tablet; baby monitor senza fili; contatori elettrici intelligenti con collegamenti radio; elettrodomestici intelligenti con collegamenti radio; e forni a microonde.

Questa crisi è la conseguenza di molti fattori. Di seguito alcuni tra questi:

• Tutti gli esseri viventi sono di natura bioelettrica. Questo è alla base del funzionamento degli elettrocardiogrammi e degli elettroencefalogrammi. Tali esami misurano i deboli segnali elettrici che sono presenti nel cuore e nel cervello. Le attività svolte da tali deboli segnali elettrici, e così tanti altri segnali elettrici negli esseri viventi, possono essere disturbate dalla radiazione a radiofrequenza/microonde.
• Le intensità delle radiazioni a radiofrequenza / microonde artificialmente generate dall’uomo sono in aumento esponenziale e già superano, di molti ordini di grandezza, le intensità con le quali tutta la vita sulla Terra si è evoluta. In poche parole, stiamo annegando in un crescente mare di radiazione artificiale a radiofrequenza / microonde.
• La natura invisibile della radiazione a radiofrequenza / microonde lascia la gente comune e i preposti a prendere decisioni ignari delle intensità crescenti di radiazioni intorno a loro stessi.
• L’autentica utilità dei dispositivi senza fili promuove la negazione dei rischi.
• La pubblicità intensa, la potenza economica, e la potenza politica delle ricche industrie del settore consente loro di controllare il pubblico dibattito e di tenere in mano gli enti di controllo governativi e gli enti legislativi.
• Gli standard federali attuali per la limitazione dell’esposizione del pubblico alle radiazioni a radiofrequenza / microonde sono obsoleti e troppo permissivi. Questi standard sono basati solo sul riscaldamento termico. In pratica, il Governo sostiene che se non si viene cotti dalle radiazioni, allora va tutto bene. Questi standard federali ignorano molti effetti biologici che si verificano a intensità molto inferiori, lasciando il pubblico senza protezione.
• I governi statali e federali stanno sostenendo l’espansione illimitata delle tecnologie radio senza fili, e stanno perfino co-finanziando tale espansione, imponendo l’accettazione della tecnologie radio senza fili da parte del pubblico. Tali azioni rispecchiano una diffusa mancanza di comprensione, o una cecità volontaria per la scienza di base e le sue conseguenze per la salute pubblica.
• Alcune delle più gravi conseguenze dell’esposizione a radiazioni a radiofrequenza / microonde (come danno al DNA, cancro e infertilità) sono particolarmente nefaste perché non danno segni preliminari di allarme.
• Altre conseguenze dell’esposizione danno segnali premonitori (come disturbi del sonno, mal di testa, stanchezza, ronzio nelle orecchie, perdita di memoria, vertigini, aritmia cardiaca, e molti altri); ma questi segnali vengono troppo spesso liquidati in quanto possono avere pure altre cause, complicando l’identificazione della vera causa.
• L’assenza di formazione di routine dei medici sugli effetti biologici della radiazione a radiofrequenza / microonde rende difficile per i medici l’identificare le cause e fornire un orientamento efficace.
• Perfino i soggetti consapevoli non possono controllare la loro esposizione in ambienti condivisi con altri, perché le radiazioni che li circondano, proprio come il fumo causato da altri, è imposto su di loro da individui inconsapevoli. Solo i governi possono risolvere efficacemente questo problema, ed essi attualmente sono parte del problema. Per il momento il pubblico deve proteggersi da sé, e questo richiede un’educazione pubblica.

Fortunatamente, molti dei servizi che i dispositivi radio senza fili offrono possono essere realizzati con ben più sicuri dispositivi con cavo. I dispositivi cablati realizzano la connettività con cavi a fibra ottica, coassiali o Ethernet. I dispositivi cablati sono più veloci, più affidabili e con più alta sicurezza informatica. Tuttavia, essi sono meno mobili, meno convenienti e un po’ più costosi da installare. Ma questi svantaggi impallidiscono in confronto ai benefici di una buona salute. In sintesi, le scuole pubbliche possono proteggere il loro personale, gli insegnanti e gli studenti dai rischi alla salute derivanti dai dispositivi radio senza fili, tra cui quelli utilizzanti Wi-Fi, attraverso la conversione alla connettività cablata, utilizzando cavi Ethernet. Inoltre, agli studenti può essere insegnato un uso sicuro della tecnologia e possono trasferire a casa ciò che imparano per proteggere le loro famiglie.

Come punto di partenza consigliato per esplorare le preoccupazioni riguardanti le radiazioni generate dai dispositivi radio senza fili, ho allegato un elenco commentato di riferimenti e un elenco commentato di video. Si prega di vedere, in particolare, il video (1), chiamato “Wi-Fi nelle scuole, i fatti”, realizzato in Australia, a pagina 6.

Saluti.

Ronald M. Powell, Ph.D.
20316 Highland Hall Drive
Montgomery Village, MD 20886-4007
Telephone: 301-926-7568
Email: ronpowell@verizon.net

Il mio profilo

Sono uno scienziato del Governo USA in pensione (Ph.D., Fisica applicata, Università di Harvard, 1975). Durante la mia carriera, ho lavorato per l’Ufficio Esecutivo del Presidente, la National Science Foundation, e il National Institute of Standards and Technology. Per queste organizzazioni, rispettivamente, ho svolto valutazioni di programmi di ricerca e sviluppo, ricerca su politiche ambientali, e sviluppo di misure a supporto di industrie del settore elettronico ed elettrico e della comunità di ricerca biomedica. Attualmente interagisco con altri scienziati e medici di tutto il mondo sull’impatto dell’ambiente – incluso l’ambiente elettromagnetico a radiofrequenza / microonde – sulla salute umana.

LISTA DI RIFERIMENTI CON ANNOTAZIONI

La comunità internazionale di ricerca biomedica ha condotto migliaia di studi che cercano di identificare gli effetti biologici dell’esposizione ai campi elettromagnetici sia alle basse che alle alte frequenze, estendendosi alla regione delle microonde. Sono così tanti gli studi i quali hanno trovato effetti biologici seri originati da tali campi, a intensità precedentemente ritenute sicure, che sono necessarie immediate misure per allertare l’opinione pubblica e per abbassare i livelli di esposizione consentiti.

La revisione più massiccia di letteratura biomedica è il BioInitiative Report del 2012 di 1479 pagine che considera circa 1800 pubblicazioni di ricerca biomedica, la maggior parte delle quali uscite nei precedenti cinque anni. Il BioInitiative Report del 2012 è stato preparato da un gruppo internazionale di 29 esperti, tra cui molti Ph.D. e medici, da dieci nazioni tra cui gli USA che ha contribuito con il maggior numero. La revisione conclude che “La continua implementazione di tecnologie e dispositivi radio senza fili pone la salute pubblica globale a rischio a causa del commercio illimitato del settore wireless a meno che siano implementati dei limiti di esposizione nuovi e di gran lunga inferiori e forti avvertimenti precauzionali.

BioInitiative Working Group, Cindy Sage, M.A. and David O. Carpenter, M.D., Editors, BioInitiative Report: A Rationale for Biologically-based Public Exposure Standards for Electromagnetic Radiation, December 31, 2012 http://www.bioinitiative.org

Un gruppo di sei medici in Oregon, guidato dal Dott. Paul Dart, ha rilasciato nel Giugno 2013, una revisione di 79 pagine di 279 pubblicazioni di ricerca biomedica. Questa review esamina la questione salute rispetto a “telefoni cellulari, stazioni radio base, Wi-Fi, contatori intelligenti e altri dispositivi che emettono radiofrequenza o frequenza estremamente bassa”. Questa review osserva che “E’ necessario ridurre gli attuali livelli di esposizione, invece di aumentarli. La FCC – Federal Communications Commission deve proteggere specialmente i gruppi vulnerabili nella popolazione inclusi i bambini e gli adolescenti, le donne in gravidanza, gli uomini in età riproduttiva, gli individui con sistemi immunitari compromessi, gli anziani e i lavoratori.” Questa review è pubblicata sul sito web della FCC al link titolato “Health Effects of RF – Research Review (87)”.

Biological and Health Effects of Microwave Radio Frequency Transmissions, A Review of the Research Literature, A Report to the Staff and Directors of the Eugene Water and Electric Board, June 4, 2013
http://apps.fcc.gov/ecfs/comment/view?id=6017465430

Michael Bevington, nel 2013, ha pubblicato un libro che riassume le risultanze di 1828 pubblicazioni di ricerca biomedica. Il libro descrive i sintomi causati dall’esposizione a radiazione elettromagnetica, le molte malattie associate con tale esposizione, e i livelli di rischio relativo associati con specifiche sorgenti di radiazione elettromagnetica. Le citazioni degli articoli includono gli indici PMID per un facile reperimento sul database PubMed.gov del National Institute of Health. Questo sito web fornisce il più grande indice di letteratura di ricerca biomedica nel mondo. Electromagnetic Sensitivity and

Electromagnetic Hypersensitivity: A Summary by Michael Bevington NEW EDITION: March 2013
http://www.es-uk.info

Circa 200 scienziati di 39 nazioni hanno sottoscritto un appello internazionale alle Nazioni Unite e all’Organizzazione Mondiale della Sanità nel Maggio 2015. Questi scienziati chiedono una migliore protezione per il pubblico dai danni da radiazione prodotti da molte sorgenti radio, 4 tra cui “telefoni cellulari e cordless e le loro stazioni radio base, Wi-Fi, antenne per radiodiffusione, contatori intelligenti, e baby monitors” tra gli altri. Complessivamente questi scienziati hanno pubblicato circa 2000 articoli di ricerca sull’argomento.

https://www.emfscientist.org/index.php/emf-scientist-appeal

L’agenzia Internazionale per la Ricerca sul cancro, dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha già classificato i campi elettromagnetici a radiofrequenza nella classe 2B (“possibile cancerogeno”), principalmente sulla base dell’aumentato rischio di cancro al cervello. Tale decisione ha avuto luogo nel 2011. Da allora, si è incrementata la ricerca che supporta una classificazione più severa del rischio (“probabile cancerogeno” o anche “noto cancerogeno”)

http://www.iarc.fr/en/media-centre/pr/2011/pdfs/pr208_E.pdf

L’American Academy of Environmental Medicine (AAEM), che forma i medici per la Certificazione in Medicina Ambientale, ha dichiarato: “AAEM sostiene fortemente l’utilizzo di connessioni internet cablate, e incoraggia l’evitamento della radiofrequenza come il Wi-Fi, telefoni cellulari e cordless e loro stazioni radio base e ‘contatori intelligenti’.” AAEM afferma inoltre che “la letteratura scientifica peer reviewed dimostra la correlazione tra esposizione a RF (radiofrequenza) e malattie neurologiche, cardiache e polmonari come pure disordini riproduttivi e allo sviluppo, disfunzioni immunologiche, tumori e altre condizioni di salute. L’evidenza è inconfutabile.” AAEM conclude: “Installare tecnologia Wi-Fi nelle scuole e in spazi pubblici rischia di essere un diffuso pericolo per la salute pubblica che il sistema medico non è ancora preparato ad affrontare.

AAEM, Wireless Radiofrequency Radiation in Schools, November 14, 2013
http://www.aaemonline.org/pdf/WiredSchools.pdf

L’American Academy of Pediatrics (AAP), I cui 60000 dottori si prendono cura dei nostri bambini, supporta lo sviluppo di standard per l’esposizione a radiazione a radiofrequenza più restrittivi che proteggano meglio il pubblico, particolarmente i bambini. L’AAP, in una lettera alla Federal Communications Commission (FCC) e alla Food and Drug Administration (FDA), datata 29 Agosto 2013, dichiara che “I bambini non sono piccoli adulti e che sono impattati sproporzionatamente da tutte le esposizioni ambientali, inclusa la radiazione da telefono cellulare. Gli standard FCC attuali non prendono in considerazione tali distinte vulnerabilità e non usano modelli specifici a donne in stato di gravidanza e a bambini. E’ essenziale che ogni nuovo standard per telefoni cellulari o altri dispositivi radio senza fili siano basati sulla protezione delle popolazioni più giovani e maggiormente vulnerabili per assicurare che siano salvaguardate in tutta la loro vita.

http://apps.fcc.gov/ecfs/document/view?id=7520941318

Il Governo USA ha una grande responsabilità per la crescita esponenziale dei livelli di radiazione da dispositivi radio senza fili nell’ambiente. Nel 1996, il Congresso degli Stati Uniti ha approvato, e il presidente ha firmato, il Telecommunications Act. Sotto la pressione delle industrie del telefono cellulare, tale legge includeva questa disposizione: “Nessun governo statale o locale o strumento di essi possono disciplinare il collocamento, la costruzione e la modifica degli impianti per i servizi radio personali [stazioni di telefonia mobile] sulla base degli effetti ambientali delle emissioni a radiofrequenza nel caso in cui tali impianti siano conformi alle norme della Commissione Federale delle Comunicazioni [FCC] riguardanti tali emissioni.”. Poiché le norme della Commissione Federale delle Comunicazioni sulla esposizione a radiazioni sono così permissive, questa disposizione impedisce ai governi statali e locali di proteggere la loro popolazione dalle radiazioni delle stazioni di telefonia mobile, per motivazioni di preoccupazione per la salute.

Telecommunications Act of 1996
https://transition.fcc.gov/Reports/tcom1996.pdf

La Commissione Federale delle Comunicazioni (FCC) ha agito in partnership con le industrie del settore wireless consentendo livelli di radiazione di gran lunga superiori a quelli che la letteratura di ricerca biomedica indica siano necessari per proteggere la salute umana. Il successo delle industrie wireless nel controllare la FCC, le commissioni del Congresso degli Stati Uniti che supervisionano la FCC e l’esecutivo è dettagliato in una nuova monografia del Centro di Etica dell’Università di Harvard. Come esempio di tale controllo, il Presidente recentemente nominato, come capo della FCC, l’ex capo della CTIA – l’Associazione Wireless, che è l’organizzazione di lobbying più importante per il settore wireless. Questo, ovviamente, è il fenomeno cosiddetto della “porta girevole”.

Norm Alster, Captured Agency: How the Federal Communications Commission is Dominated by the Industries It Presumably Regulates (2015)
http://ethics.harvard.edu/news/new-e-books-edmond-j-safra-research-lab

Inoltre, il “American Recovery and Investment Act del 2009” del Governo USA ha fornito finanziamenti che sono stati utilizzati per motivare l’installazione di contatori intelligenti radio (anche chiamata la “Advanced Metering Infrastucture” o “AMI” – infrastruttura di contabilizzazione avanzata) offrendo una partecipazione nei costi ai gestori pubblici che avrebbero adottato tali contatori.

https://www.smartgrid.gov/recovery_act/overview/smart_grid_investment_grant_program.html

Molti stati hanno poi esteso l’impatto del sopra citato Atto imponendo l’accettazione dei contatori intelligenti radio da parte del pubblico. Questi contatori contengono trasmettitori e ricevitori a microonde e sono collocati su, o all’interno ogni casa. Un documento redatto per ordine di una corte Californiana indica che ogni contatore intelligente diffonde impulsi di radiazioni in media 10000 volte al giorno e fino a un massimo di 190000 volte al giorno. Tali impulsi inondano il vicinato con radiazioni, ogni giorno e ogni notte per tutto l’anno.

http://emfsafetynetwork.org/wp-content/uploads/2011/11/PGERFDataOpt-outalternatives_11-1-11-3pm.pdf

Sempre di più, la gente sta diventando consapevole della minaccia che le radiazioni a radiofrequenza pongono sulla salute. L’opposizione iniziale si concentra primariamente sulle sorgenti di esposizione imposte, specialmente quando gli individui esposti comprendono bambini non ancora nati e bambini piccoli, poiché sono tra i soggetti più vulnerabili. Così, l’opposizione iniziale più forte affiora per l’installazione di ripetitori telefonici, specialmente nelle vicinanze di scuole; per il Wi-Fi nelle scuole; e per i contatori intelligenti wireless piazzati sulle case o al loro interno. La maggior parte di stati attualmente hanno gruppi di opposizione, e alcuni stati hanno anche 10 o 20 di tali gruppi. Tali gruppi stanno cercando una liberazione attraverso gli enti regolatori statali, attraverso le legislature statali, e attraverso i tribunali. Di seguito è riportato un esempio delle centinaia di siti web USA che rispecchiano la natura e la portata dell’opposizione per l’espansione sfrenata della tecnologia wireless. Tali siti cercano di educare il pubblico e i decisori, e, quindi, di promuovere azioni di risposta fondate su basi scientifiche.

The BabySafe Project
http://www.babysafeproject.org/the-science/

National Association for Children and Safe Technology
http://www.nacst.org/

Take Back Your Power’s index to groups in the USA opposed to wireless smart meters http://takebackyourpower.net/directory/us/

Smart Grid Awareness, a Website by Skyvision Solutions, Consumer Protection Advocate
http://smartgridawareness.org

LISTA DI VIDEO CON ANNOTAZIONI

Esistono centinaia di video su Internet che riguardano l’impatto delle radiazioni a radiofrequenza sulla salute. Qui ne sono richiamati solo alcuni, i quali forniscono una buona introduzione a questo argomento. Con una ricerca su Internet se ne troveranno molti di più.

(1) Una introduzione ai rischi per la salute posti dalla tecnologia Wi-Fi nelle scuole

Wi-Fi in Schools, the Facts (September 9, 2013) (18 minutes)
produced by Wi-Fi in Schools Australia
https://www.youtube.com/watch?v=QQryZbxlqXI&feature=youtu.be

(2) vasta panoramica dell’impatto delle radiazioni elettromagnetiche sulla salute umana, in particolare alle frequenze delle microonde, con un accento particolare sui bambini e l’ambiente scolastico

Electromagnetic Radiation Health for Children 2014 (70 minutes)
by Dr. Erica Mallery-Blythe, a UK physician
https://www.youtube.com/watch?v=sNFdZVeXw7M

(3) Documentario sui tentativi del settore wireless per sopprimere l’informazione al pubblico sugli effetti alla salute delle radiazioni a radiofrequenza

Microwaves, Science & Lies (2014) (90 minutes)
by Jean Heches and Nancy de Meritens (of France)
https://vimeo.com/ondemand/17755/89417454

(4) Testimonianze video da parte di individui danneggiati dalle radiazioni generate da terminali senza fili

Cell Phones Cause Cancer (October 17, 2012) (9 minutes)
by Jimmy Gonzalez, Esq.
https://www.youtube.com/watch?v=DIlOVJd0lA8

Woman suffers acute radiation exposure from a bank of smart meters (January 21, 2015) (3 minutes).
Produced by Maryland Smart Meter Awareness
https://www.youtube.com/watch?v=F9QzuWPw6Y0&feature=youtu.be

Man experiences adverse health effects from exposure to a smart meter (March 7, 2013) (3 minutes).
By Garic Schoen of Gaithersburg, MD produced by Maryland Smart Meter Awareness
http://marylandsmartmeterawareness.org/smart-meter-news/maryland-ms-resident-testimony-toeconomic-matters-committee-re-hb1038-on-march-14-2013/

Individuals with high sensitivity to the radiation from wireless devices search for increasingly rare safe environments. Searching for a Golden Cage (May 8, 2014) (13 minutes)
produced by Nadav Neuhaus
http://time.com/golden-cage/

Originale: https://skyvisionsolutions.files.wordpress.com/2015/08/message-to-public-schools-about-wireless-devices.pdf

Tradotto liberamente da Ass. Elettrosmog Sicilia Settembre 2015

Versione PDF della traduzione scaricabile al seguente link:

http://www.elettrosmogsicilia.org/pdf/riferimenti/messaggio-alle-scuole-Dr-Powell.pdf

Exposure to radio-frequency electromagnetic fields and behavioural problems in Bavarian children and adolescents.

pubmed_ncbi

Eur J Epidemiol. 2010 Feb;25(2):135-41. doi: 10.1007/s10654-009-9408-x. Epub 2009 Dec 4.

By:
Thomas S1, Heinrich S, von Kries R, Radon K.

1Unit for Occupational and Environmental Epidemiology & NetTeaching, Institute and Outpatient Clinic for Occupational, Social and Environmental Medicine, Hospital of the Ludwig-Maximilians-University, Ziemssenstrasse 1, Munich, Germany. silke.thomas@med.lmu.de

ARTICLE INFO

Article history
Received: 2 October 2009
Accepted: 23 November 2009
Published online: 4 December 2009

Keywords
Behavioural problems
Radio-frequency electromagnetic fields
Children
Adolescents
SDQ
Dosimentry

ABSTRACT

Only few studies have so far investigated possible health effects of radio-frequency electromagnetic fields (RF EMF) in children and adolescents, although experts discuss a potential higher vulnerability to such fields. We aimed to investigate a possible association between measured exposure to RF EMF fields and behavioural problems in children and adolescents. 1,498 children and 1,524 adolescents were randomly selected from the population registries of four Bavarian (South of Germany) cities. During an Interview data on participants’ mental health, socio-demographic characteristics and potential confounders were collected. Mental health behaviour was assessed using the German version of the Strengths and Difficulties Questionnaire (SDQ). Using a personal dosimeter, we obtained radio-frequency EMF exposure profiles over 24 h. Exposure levels over waking hours were expressed as mean percentage of the reference level. Overall, exposure to radiofrequency electromagnetic fields was far below the reference level. Seven percent of the children and 5% of the adolescents showed an abnormal mental behaviour. In the multiple logistic regression analyses measured exposure to RF fields in the highest quartile was associated to overall behavioural problems for adolescents (OR 2.2; 95% CI 1.1-4.5) but not for children (1.3; 0.7-2.6). These results are mainly driven by one subscale, as the results showed an association between exposure and conduct problems for adolescents (3.7; 1.6-8.4) and children (2.9; 1.4-5.9). As this is one of the first studies that investigated an association between exposure to mobile telecommunication networks and mental health behaviour more studies using personal dosimetry are warranted to confirm these findings.

Fonte:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19960235