An urgent message for all humanity: electromagnetic radiation is damaging our babies, brains, bodies and planet

by Olga Sheean

The following letter (sent to the Mayor of Vancouver, Gregor Robertson, and the Canadian Prime Minister, Justin Trudeau, on 15 June 2016) has generated an overwhelming response from people all over the world. Many of them have electromagnetic hypersensitivity (EHS), but some of them are discovering this information for the first time and are alarmed by how much it has been distorted, downplayed and denied by those elected to protect our well-being. They have shared their own personal stories and some of them have also written to Robertson, as well as their own elected officials, expressing their concerns and calling for this issue to be urgently addressed.

The letter has gone viral, reaching thousands of people. It has been shared on social media, distributed on various networks, sent out in newsletters and its content re-purposed for other cities.

The information contained in this document applies to most developed countries, since Wi-Fi, cell phones and cordless phones are everywhere, saturating our environment with rapidly rising levels of radiation that’s affecting more and more people every day. I encourage you to share it as widely as you can, even if you are not personally (or knowingly) affected.

The more people I speak to about this, the more I (and they) realize that we’re all affected, in some way—some so severely that they can no longer function normally. I receive letters every day from those who are desperate for a solution and a safe place to live. I hear horror stories—a teenager committing suicide because she’s been forced to sit beside a Wi-Fi router at school, even though it makes her seriously ill; adults who have taken their own lives because there is nowhere for them to lead a normal life; and a 10-year-old boy who can no longer go to school as the Wi-Fi causes blinding headaches and makes him vomit. (For a list of symptoms of electromagnetic intolerance, see page 13.)

As much as 50% of the population in many developed countries will be affected by electromagnetic radiation by 2017.

The questions on pages 20 & 21 raise some key issues that politicians, decision-makers and Internet service-providers have an obligation to answer—but will be unable to, since the proliferation of electromagnetic radiation is now so vast and is escalating so rapidly that there is no way to measure, monitor or contain it.

As of 3 July 2016, I had not yet received a reply from Robertson or Trudeau, but I will be following up with them personally, sharing the many stories and messages I’ve received and alerting them to the growing public awareness of what’s really going on. Change will come as a result of your involvement. There is a tipping point for everything—your tolerance for the rising radiation, as well as the pressure we can collectively bring to bear on those tasked to protect our health, safety, human rights and natural environment.

We’re all in this together.

Source/Fonte:

http://olgasheean.com/no-safe-place/

Queste lampadine causano mal di testa, ansia e anche il cancro. Ecco cosa fare

[Qualcosa che molti probabilmente ancora ignorano…]

21 dicembre 2015- “www.dionidream.com”, di Dioni aka Riccardo Lautizi

lampadine risparmio energetico

Ci hanno detto che erano più ecologiche e che ci avrebbero fatto risparmiare sulla bolletta, ma hanno danneggiato la nostra salute. Le nuove lampadine a risparmio energetico possono essere davvero pericolose. Diversi studi hanno messo in guardia sul loro uso quotidiano e il pericolo maggiore è se si rompono tanto che la stessa Environmental Protection Agency ha creato un protocollo di emergenza da seguire in caso di rottura della lampadina proprio a causa del gas velenoso rilasciato. Vediamo cosa fare e perché sono così dannose.

Le informazioni riportate riguardano lelampadine fluorescenti compatte (CFL) e non le lampadine a LED.

E’ stata riscontrata una correlazione tra le lampadine a risparmio energetico e i seguenti disturbi:

  • Vertigini
  • Cefalea a grappolo
  • Emicrania
  • Crisi epilettiche
  • Affaticamento
  • Difficoltà nella concentrazione
  • Ansia
  • Dermatite
  • Eczema
  • Autismo
  • Epilessia
  • Cancro

Quindi queste lampadine in casa fanno male, ma ancora di più se si rompono! Secondo uno studio, condotto dai ricercatori del Fraunhofer Wilhelm Klauditz Institute per l’Autorità Federale Ambientale in Germania: se rotte, queste lampadine rilasciano 20 volte la concentrazione massima accettabile di mercurio nell’aria.

Il mercurio, come ho trattato in molti miei articoli, è il metallo pesante più pericoloso per l’uomo e tossico a qualunque concentrazione. Diversi studi scientifici mostrano come essodanneggia irrimediabilmente il cervelloe il sistema nervoso causando una miriadi di malattie gravi, ed inoltre depositandosi negli organi e ghiandole danneggia tutto il sistema ormonale e linfatico.

Perché le lampadine a risparmio energetico sono pericolose per la nostra salute?

  •  Le lampadine a risparmio energetico contengono da 3 a 5 mg di mercurio.  Il mercurio è una potente neurotossina particolarmente pericolosa per i bambini e le donne in gravidanza. Questa sostanza è particolarmente tossica per il cervello, il sistema nervoso, il fegato e i reni. Può anche danneggiare il sistema cardiovascolare, immunitario e riproduttivo. Intossicazioni di mercurio possono causare perdita di memoria, cancro e Alzheimer.
  • Le lampadine a risparmio energetico possono causare il cancroUn nuovo studio effettuato da Peter Braun presso il Germany’s Alab Laboratory ha evidenziato che questo tipo di lampadine contiene degli agenti cancerogeno-tossici in grado di causare il cancro:
    • Naftalene, un composto cristallino bianco volatile, prodotto dalla distillazione di catrame di carbone, utilizzato in naftalina e come materia prima per la produzione chimica.
    • Stirene, un idrocarburo insaturo liquido, ottenuto come sottoprodotto del petrolio.
    • Fenolo, un leggermente acido cristallino bianco tossico solido, ottenuto da catrame di carbone e utilizzato nella produzione chimica.
  • Le lampadine a risparmio energetico emettono raggi UV superiori alla norma. La Health Protection Agency (HPA) ha condotto uno studio e osservato che aumentano il rischio di cancro alla pelle soprattutto per chi lavora ore e ore vicino alle fonti di luce. È ufficialmente riconosciuta la pericolosità dei raggi UV per la nostra pelle e per gli occhi. Le radiazioni di queste attaccano direttamente il nostro sistema immunitario e impedisce la formazione adeguata di vitamina D.
  • Le lampadine a risparmio energetico generano potenti campi elettromagnetici a poca distanza dalla sorgente, fino ad un metro di distanza. Il centro indipendente di ricerche francese (CRIIREM) sconsiglia pertanto di utilizzare lampadine a basso consumo energetico a brevi distanze, come ad esempio per illuminare i comodini delle camere da letto o le scrivanie.
  • Il campo elettromagnetico generato da queste lampadine va in risonanza nei cavi elettrici generando “elettricità sporca” in tutta l’abitazione. Uno studio pubblicato nel giugno del 2008 dall’American Journal of Industrial Medicinesegnalava che questa elettricità sporca aumenta di 5 volte il rischio di contrarre il cancro. Rimuovi l’elettricità sporca con il Filtro Vivar Gs.
  • Danneggiano la ghiandola pineale. Lo studio pubblicato su Chronobiology International, a cura del professor Abraham Haim, afferma che lo spettro luminoso di queste lampadine, essendo simile alla luce del giorno, interrompe la produzione di melatonina da parte dell’organismo. Cosa che invece non facevano le vecchie lampade a incandescenza. Gli effetti sono enormi dall’insonniaall’invecchiamento precoce, dalla depressione ad un aumento esponenziale del rischio di cancro, essendo la melatonina un potente antiossidante anticancro.

COSA FARE

  • Per prima cosa evita di avere queste lampadine in casa cercando le vecchielampadine ad incandescenza oppure quelle nuove a LED (che però alla lunga stancano gli occhi e possono danneggiare la retina).  Sebbene siano state messe fuori produzione si possono ancora acquistare le vecchie lampadine online o nei negozi che hanno delle rimanenze di magazzino.
  • Se avete a casa le lampadine a risparmio energetico e si rompono devi stare molto attento nella pulizia e seguire questa procedura messa a punto dall’Environmental Protection Agency.

PULIZIA DI UNA LAMPADINA ROTTA – PROTOCOLLO EPA

  • Far evacuare la stanza se ci sono persone e animali domestici.
  • Arieggiare la stanza per 5-10 minuti aprendo la finestra o la porta a contatto con l’ambiente all’aperto.
  • Spegnere l’impianto di riscaldamento o di condizionamento dell’aria.
  • Non utilizzare l’aspirapolvere. L’aspirazione non è raccomandata perché potrebbe diffondere le particelle di mercurio presenti nella polvere.
  • Indossa i guanti, una mascherina e degli occhiali protettivi.
  • Raccogli i pezzi più grandi con le mani e i frammenti più piccoli con l’aiuto del nastro adesivo.
  • Riponi i frammenti della lampadina in contenitori ermetici, come vasi di vetro o sacchetti di plastica sigillabili.
  • Pulisci le superfici con un panno umido. Poi getta tutto ciò che avete utilizzato per la pulizia, inclusi il panno e i guanti.
  • Se la rottura avviene su un tappetino, eliminalo e rimuovi almeno la parte contaminata.
  • Chiamate il centro locale per la raccolta differenziata se hai dei dubbi sul da farsi. Porta i rifiuti presso la Piattaforma Ecologica del tuo Comune, in modo che siano smaltiti in modo corretto.
  • Come misura preventiva, sarebbe bene non utilizzare le lampadine al mercurio in aree a rischio di rottura e incidenti.
  • Lavati subito le mani quando hai terminato.

Una vecchia lampada ad incandescenza ci da sicuramente una luce più calda e gradevole delle nuove fredde luci a risparmio energetico. Potete acquistare su internet o in alcuni negozi che hanno rimanenze, ancora le lampadine ad incandescenza. Ecco un link dove potete comprarle online.

Fonte:

http://www.dionidream.com/queste-lampadine-causano-mal-di-testa-ansia-e-anche-il-cancro-ecco-cosa-fare/