The effects of radiofrequency electromagnetic radiation on sperm function.

[Importante review condotta da ricercatori Australiani, che valuta gli effetti delle Radiofrequenze emesse dalla telefonia mobile sulla fertilità maschile.

Un ostacolo fondamentale all’attuale dibattito riguardo ai danni da Radiazioni Non-Ionizzanti sui sistemi biologici, e nello specifico sul sistema riproduttivo, è che non esiste un chiaro meccanismo per il quale tali Radiazioni li influenzerebbero. Pertanto, quei ricercatori hanno analizzato gli effetti documentati delle Radiazioni Elettromagnetiche in RadioFrequenza sul sistema riproduttivo maschile e preso in considerazione tutte le osservazioni comuni che potessero fornire spunti su un possibile meccanismo.

Di 27 studi analizzati, ben 21(!) hanno mostrato chiaramente una correlazione tra esposizione alle Radiazioni Elettromagnetiche in RadioFrequenza ed effetti negativi sugli spermatozoi, con conseguente danno al sistema riproduttivo maschile.

Fra i succitati 21 studi, 11 dei 15 che hanno investigato la motilità degli spermatozoi ne hanno evidenziato una significativa riduzione; tutti dei 7 che hanno misurato la produzione di Specie Reattive dell’Ossigeno ne hanno documentato livelli elevati; 4 dei 5 che hanno testato il danno al DNA ne hanno evidenziato la presenza.
In aggiunta, tutti e 6 gli studi che hanno investigato la riduzione dei livelli di antiossidanti hanno evidenziato questo fenomeno.

Alla luce di tutto questo, è stato ipotizzato un meccanismo di danno cellulare in due fasi in cui la Radiazione Elettromagnetica in RadioFrequenza, impattati i sistemi cellulari, porterebbe ad una disfunzione mitocondriale (N.B. La stessa evidenziata in altri studi a livello cerebrale, con conseguente danno neuronale) seguita da una elevata produzione di ROS (Specie Reattive dell’Ossigeno).

Forse una campagna seria da parte del Ministero della Salute sul problema della fertilità (vedi Fertility Day), dovrebbe tenere presente questo fondamentale fattore eziologico di infertilità!
Non credete?
]

Reproduction. 2016 Sep 6. pii: REP-16-0126. [Epub ahead of print]

By:

Houston B1, Nixon B2, King BV3, De Iuliis G4, Aitken RJ5.

1B Houston, School of Environmental and Life Sciences, University of Newcastle, Callaghan, 2308, Australia brendan.houston@uon.edu.au.
2B Nixon, Biological Sciences, University of Newcastle, Newcastle, 2308, Australia.
3B King, School of Mathematical and Physical Sciences, University of Newcastle, Newcastle, Australia.
4G De Iuliis, Biological Sciences, University of Newcastle, NSW, CALLAGHAN, 2308, Australia.
5R Aitken, School of Environmental and Life Sciences, University of Newcastle, Callaghan, 2308, Australia.

ARTICLE INFO

Article history
Published online before print: 6 September 2016

ABSTRACT

Mobile phone usage has become an integral part of our lives. However, the effects of the radiofrequency electromagnetic radiation (RF-EMR) emitted by these devices on biological systems and specifically the reproductive systems are currently under active debate. A fundamental hindrance to the current debate is that there is no clear mechanism of how such non-ionising radiation influences biological systems. Therefore, we explored the documented impacts of RF-EMR on the male reproductive system and considered any common observations that could provide insights on a potential mechanism. Among a total of 27 studies investigating the effects of RF-EMR on the male reproductive system, negative consequences of exposure were reported in 21. Within these 21 studies, 11 of the 15 that investigated sperm motility reported significant declines, 7 of 7 that measured the production of reactive oxygen species documented elevated levels and 4 of 5 studies that probed for DNA damage highlighted increased damage, due to RF-EMR exposure. Associated with this, RF-EMR treatment reduced antioxidant levels in 6 of 6 studies that studied this phenomenon, while consequences of RF-EMR were successfully ameliorated with the supplementation of antioxidants in all 3 studies that carried out these experiments. In light of this, we envisage a two-step mechanism whereby RF-EMR is able to induce mitochondrial dysfunction leading to elevated ROS production. A continued focus on research which aims to shed light on the biological effects of RF-EMR will allow us to test and assess this proposed mechanism in a variety of cell types.

Source/Fonte:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27601711

Full-text PDF file/File PDF del lavoro completo:

http://www.reproduction-online.org/content/early/2016/09/06/REP-16-0126.full.pdf

Why men should NEVER put their phone in their pocket: Study shows how prolonged exposure to radiation steadily destroys sperm

[RADIOFREQUENZE E DANNI AGLI SPERMATOZOI: ECCO PERCHE’ GLI UOMINI NON DOVREBBERO TENERE IL TELEFONINO IN TASCA.

Una recente revisione di 21 studi (che presto pubblicheremo sul nostro sito) ha trovato un legame tra emissioni dei cellulari e conta degli spermatozoi.
E’ risultato che l’esposizione prolungata alle radiazioni distrugge lo sperma in modo permanente.

La sanità pubblica pare riluttante a dire che i telefonini sicuramente danneggiano gli spermatozoi – non vi è attualmente alcun modo per dimostrare esattamente come le radiazioni e il numero di spermatozoi siano legati – ma gli esperti avvertono che questa revisione fornisce prove abbastanza convincenti del perché gli uomini non dovrebbero tenere i loro telefoni cellulari in tasca!

Non possiamo e non dobbiamo aspettare di conoscere nel dettaglio i meccanismi patogenetici del danno da Microonde per iniziare a prendere precauzioni, in quanto potrebbe essere troppo tardi!

Per questo motivo, ci permettiamo di dire che la stessa cosa deve valere per le donne, le quali non dovrebbero tenere dispositivi Wireless vicino alle loro gonadi e soprattutto vicino alla loro pancia quando sono gravide.

Gli effetti dei danni, che purtroppo si stanno verificando inesorabilmente ogni giorno, ancora non si vedono, ma fra qualche anno il conto da pagare sarà elevatissimo.]

9 September 2016 – “www.dailymail.co.uk”, by MIA DE GRAAF FOR DAILYMAIL.COM

  • New review of 21 studies found link between phones and sperm count
  • Public health are hesitant to say phones definitely harm sperm – there is currently no way to prove exactly how radiation and sperm count are tied
  • But experts warn this review provides compelling enough evidence that men should not keep their cell phones in their pockets 

Despite all the fears about cell phones and radiation, most of us still put our phones in our jean pockets.

It’s easy, convenient, and any bad effects are impossible to see.

But a new study warns there is conclusive evidence that men in particular need to find another storage spot.

A systemic review of 21 research papers on radiation shows phones placed close to a man’s genitals for a prolonged period of time steadily drive down sperm count.

Danger: A review of years of evidence shows men are putting themselves at risk by storing their phones in their front pockets
Danger: A review of years of evidence shows men are putting themselves at risk by storing their phones in their front pockets

And among the studies, many suggest surviving sperm could be DMA-damaged.

The biological phenomenon is currently under fierce debate since scientists have no way to explain how non-ionizing radiation influences the body.

Without that link, many public health investigators are hesitant to say definitively that cell phones harm sperm.

However, a new review by a team at Australia’s University of Newcastle has collated years of evidence in an attempt to both emphasize the trend, and to identify potential causes.

And since 14 per cent of the world struggle to conceive – with male infertility involved 40 per cent of the time – they warn a small detail such as where one stores their phone could be crucial.

‘While this subject remains a topic of active debate, this review has considered the growing body of evidence suggesting a possible role for RF-EMR [radiofrequency electromagnetic radiation] induced damage of the male germ line,’ the authors write.

‘In a majority of studies, this damage has been characterized by loss of sperm motility and viability as well as the induction of ROS generation and DNA damage.’

The authors reviewed 27 studies. Twenty-one of them showed a causal link between cell phone radiation and sperm damage.

Ten studies were examined including 1,492 human sperm samples.

Exposure to mobile phones was found to be associated with a significant eight per cent reduction in sperm motility and nine per cent reduction in sperm viability.

The data are hardly surprising, the authors say, given the 'unique vulnerability of the highly specialized sperm cell'
The data are hardly surprising, the authors say, given the ‘unique vulnerability of the highly specialized sperm cell’

The effects on sperm concentration were more equivocal.

The results were consistent across experimental laboratory studies and correlational observational studies.

The data are hardly surprising, the authors say, given the ‘unique vulnerability of the highly specialized sperm cell’.

But by continuing to store phones in pockets, the male population is ignoring ‘the future health burden that may be created if conception proceeds with defective, DNA-damaged spermatozoa’.

Dr Joel Moskowitz, of UC Berkeley’s public health school, explained to Daily Mail Online that this review is a pivotal step towards broader global understanding about the dangers of our phones.

In 2011, the World Health Organization classified cell phone radiation as a possible 2B carcinogen.

It was the first major recognition that cell phones could have a detrimental effect on our bodies.

However, while studies have shown a correlation between sperm count depletion and cell phone radiation, there is a lack of research and concrete findings into the link between the two.

Regardless, Dr Moskowitz warned, the University of Newcastle review is clear evidence that ‘men should not store their cellphones near their genitals’.

‘In this line of research more intense cellphone radiation leads to more sperm damage,’ he added.

Source/Fonte:

Why-men-NEVER-phone-pocket-Study-shows-prolonged-exposure-radiation-steadily-destroys-sperm

 

‘Wi-fi, cellulari & co’: i rischi dell’elettromagnetismo sulla nostra salute

12 luglio 2016 – “www.casalenews.it”

Interessanti spunti di riflessione nella serata organizzata da Mammeincerchio, L’Albero di Valentina e Passi di vita

Chi era presente venerdì scorso all’Auditorium Santa Chiara per l’incontro su “Wifi, cellulari & co” ha capito che ‘indossare’ un telefonino (perché tale è l’intimità raggiunta con questo strumento di comunicazione) può provocare danni alla salute, anche se il mondo scientifico non lo ha ancora dimostrato.

Nell’incontro organizzato da Mamme in cerchio, Albero di Valentina e Passi di vita Onlus, avente per oggetto proprio l’informazione sui rischi provocati dalla prolungata esposizione a onde elettromagnetiche,  autorevoli esperti si sono espressi e confrontati sull’entità e sulla peculiarità delle conseguenze di tale esposizione.

Ha aperto la serata l’epidemiologo Corrado Magnani, che ha richiamato i risultati degli studi scientifici ufficiali, per i quali non ci sono evidenze di una pericolosità delle onde elettromagnetiche ai livelli di esposizione attualmente consentiti, benché le correlazioni con gravi malattie siano in fase di approfondimento.

Terminato il suo intervento, si è voltata pagina: il dottor Orio, vice-presidente dell’Associazione Elettrosensibili, ha riconosciuto i risultati divulgati dalla ricerca scientifica, ma ha dato conto di evidenze medico-sanitarie rilevanti: a fronte della diffusione rapidissima di cellulari e tecnologie wi-fi, i danni al sistema neurologico di bambini e adulti sono aumentati,  e con loro disturbi all’apparato riproduttivo maschile.

Eloquenti le immagini mostrate: le parti a contatto con il telefonino subiscono l’aggressione di onde elettromagnetiche in una forma inedita fino ad oggi.

Sono poi emersi altri aspetti – oggetto di studi indipendenti – che rafforzano l’idea di dover essere prudenti quando ci affidiamo alla connessione wireless, perché, come il professor Magnani ha suggerito,  si tratta di una tecnologia entrata nelle nostre case prima di averne sperimentato e ‘pesato’ gli effetti.

Effetti nefasti, li conoscono bene gli elettrosensibili: persone che – con intensità diverse – registrano l’impossibilità di maneggiare apparecchi come cellulari, computer, microonde.

Alcuni erano presenti all’incontro e hanno portato testimonianze toccanti. È verosimile aspettarsi un aumento di elettrosensibili, e ci si augura che la tecnologia migliori la schermatura degli apparecchi e che la vocazione per il wi-fi venga soppiantata da sistemi più inequivocabilmente sicuri per la salute.

Una serie di consigli dispensati dal professor Sergio Crippa ha, a questo proposito, semplificato la materia: accorgimenti casalinghi praticabili e utili.

Il materiale raccolto dalle associazioni promotrici, che hanno avuto il sostegno e il patrocinio del Comune di Casale e dell’Ordine dei Farmacisti di Alessandria, per la serietà con cui è stata impostata la serata e per la capacità di coinvolgere personalità di prim’ordine, è a disposizione di chi volesse approfondire il tema e per chi – in attesa di evidenze scientifiche (per le quali occorre tempo, quale che sia l’esito) – volesse divulgare l’invito alla prudenza nell’utilizzo del wi-fi. Internet e cellulari si’, ma non a discapito della salute.

Associazioni Mamme in Cerchio – L’Albero di Valentina – Passi di vita onlus

Fonte:

wi-fi-cellulari-co-i-rischi-dellelettromagnetismo-sulla-nostra-salute/passi-di-vita-mammeincerchio-albero-valentina-casale-monferrato

“CELLULARI, WIFI & Co”, 8 luglio 2016 – serata informativa

 

Venerdì 8 luglio 2016
dalle ore 21:00

Auditorium Santa Chiara
via F. Cane, 31 – Casale Monferrato (AL)

Serata informativa sull’uso consapevole di cellulari, wifi, ecc.,
e i rischi potenziali per la salute.

Organizzata dalle associazioni
Mamme in Cerchio, L’Albero di Valentina, Passi di Vita Onlus,
con il patrocinio
del Comune di Casale  Monferrato e dell’Ordine dei Farmacisti della provincia di Alessandria.

con la partecipazione
del Dr. Paolo Orio e del Dr. Sergio Crippa
della
Associazione Italiana Elettrosensibili

[Per maggiori dettagli, vedere la locandina qui sotto.
Cliccare sulla immagine per ingrandirla.]

Elettrosensibili

Una presentazione della serata su “Il Monferrato”, di Marco Bertoncini.

[Cliccare sulla immagine per ingrandirla.]

Elettrosensibili

LOCANDINA – consigli per ridurre la esposizione alle Radiofrequenze

ElettrosensibiliRealizzata con il patrocinio dell’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Lecce dal Comitato Lecce Via Cavo, insieme alle Associazioni Consumatori Codacons e Codici, a Csv Salento e all’Associazione Italiana Elettrosensibili, questa locandina nasce dalla necessità di informare la popolazione sui possibili rischi per la salute derivanti dall’uso di cellulari, smartphone, tablet, telefoni cordless, apparecchiature Wi-Fi e Wireless in genere, anche per livelli di esposizione alle Radiofrequenze/Microonde inferiori ai limiti di legge.

Le Radiofrequenze/Microonde, utilizzate dalle apparecchiature Wireless, sono state classificate nel 2011 come “possibile cancerogeno per l’uomo” dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (I.A.R.C.), afferente all’Organizzazione Mondiale della Sanità (O.M.S.).

Da più parti è stato invocato il Principio di Precauzione, secondo il quale, in attesa di ulteriori informazioni, è importante adottare misure pratiche per ridurre l’esposizione a queste fonti di inquinamento ambientale.

Numerose sono le evidenze scientifiche (vd. la nostra sezione Riferimenti scientifici, dove ne viene riportata una parte) che correlano l’esposizione alle Radiofrequenze/Microonde con: danni al DNA, insorgenza di tumori maligni al cervello, malattie neurologiche e neurodegenerative, alterazioni del ritmo cardiaco, deficit di apprendimento e di memoria, disturbi cognitivi, mal di testa, insonnia, sintomi di Elettrosensibilità, infertilità, diminuzione dell’udito e tinnito, autismo nei bambini e molto altro.
Sono tra l’altro recentemente stati pubblicati i primi risultati di un importante studio condotto dall’ente governativo statunitense National Toxicology Program, costato finora ben 25 milioni di dollari, dai quali si evince un incremento significativo di due tipi di cancro nei ratti esposti alle Radiofrequenze/Microonde: Glioma (tumore della glia del cervello) e Schwannoma (tumore maligno del cuore).

I bambini andrebbero maggiormente tutelati, perché sono particolarmente vulnerabili agli effetti dannosi delle Radiofrequenze in quanto la loro gracile costituzione e la loro esposizione precoce determinano un rischio maggiore di manifestare tumori e malattie neurodegenerative in età adulta.

La locandina sarà diffusa nelle farmacie di Lecce e provincia, in altri esercizi commerciali e negli studi medici.

Chiunque può contribuire alla sua diffusione scaricando e stampando il file in alta qualità il cui link trovate in calce alla pagina.
Il formato consente una stampa ottimale anche di locandine di grandi dimensioni (A3-A2).

SCARICA QUI

LECCE: UN PASSO AVANTI NELLA LOTTA ALL’ELETTROSMOG

14 giugno 2016 – “www.terranuova.it”

Con il patrocinio dell’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Lecce, il Comitato Lecce Via Cavo, insieme alle Associazioni Consumatori Codacons e Codici, a Csv Salento e all’Associazione Italiana Elettrosensibili, ha realizzato la locandina “Dai voce al tuo cervello”.

Lecce: un passo avanti nella lotta all'elettrosmog

«L’iniziativa nasce dalla necessità di informare la popolazione sui possibili danni alla salute legati all’uso di cellulari, cordless, tablet, wifi, etc. – spiegano i promotori – Le radiofrequenze, utilizzate dalla tecnologia senza fili sono state classificate nel 2011 dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC), afferente all’Organizzazione Mondiale per la Salute (OMS), come “possibile cancerogeno per l’uomo”. In quell’occasione il direttore della IARC ha affermato che “in attesa di ulteriori informazioni è importante adottare misure pratiche per ridurre l’esposizione, per esempio usando gli auricolari e i messaggi non in voce”. Da allora sono emerse nuove evidenze scientifiche che correlano l’esposizione alle radiofrequenze con l’insorgenza di tumori maligni al cervello, disordini neurologici, danni al Dna, diminuzione dell’udito, sintomi di elettrosensibilità, alterazioni del ritmo cardiaco, insonnia, cali di memoria, disturbi cognitivi, etc.».

«La locandina, che sarà diffusa nelle farmacie di Lecce e provincia, ed anche in altri esercizi commerciali e studi medici, suggerisce alcuni comportamenti per ridurre la propria esposizione alle radiofrequenze, come quello di tenere lontano il cellulare quando si aspetta la connessione o mentre si invia un sms, o spegnere il wifi quando non è in uso, soprattutto durante la notte per evitare disturbi del sonno, staccando la spina. I bambini andrebbero maggiormente tutelati, poiché sono particolarmente vulnerabili alle radiofrequenze e per la loro esposizione precoce corrono un rischio maggiore di manifestare in età adulta malattie neurodegenerative e tumori. L’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Lecce, da sempre sensibile e attento alle problematiche sanitarie ricopre ancora una volta un ruolo di primo piano nella tutela della salute pubblica e della prevenzione delle malattie. L’uso del cellulare e dei dispositivi wifi è diffusissimo ma pochi conoscono i reali danni alla salute che ne potrebbero derivare, anche per livelli di esposizione inferiori ai limiti di legge. Tantissimi studi sono stati realizzati dal 2011 in poi. Ultimo in ordine di tempo è quello condotto dall’ente governativo statunitense National Toxicology Program e costato fino ad ora 25 milioni di dollari. I primi risultati, pubblicati qualche giorno fa, hanno evidenziato un incremento significativo di due tipi di cancro nei ratti esposti alle radiofrequenze: glioma (tumore delle cellulari gliali del cervello) e schwannoma maligno del cuore. Anche uno studio recente condotto dall’Istituto Ramazzini di Bologna ha evidenziato un aumento significativo di schwannoma maligno del cuore nei ratti esposti a campi elettromagnetici di bassissima frequenza. Il professor David Carpenter, direttore dell’Istituto per la Salute e l’Ambiente dell’Università di Albany (New York) ha affermato: “Siamo a un punto di svolta. Sarà molto difficile per i negazionisti non riconoscere l’associazione tra radiofrequenze e tumori”».

 

elettrosmogregole

Fonte:

Lecce-un-passo-avanti-nella-lotta-all-elettrosmog

Effects of cell phone use on semen parameters: Results from the MARHCS cohort study in Chongqing, China

[Ennesimo studio di coorte che evidenzia la correlazione tra emissioni in Radiofrequenza/Microonde della telefonia mobile e ridotta fertilità maschile.]

Environment International Volume 91, May 2016, Pages 116–121.
doi: 10.1016/j.envint.2016.02.028.

By:
Guowei ZhangaHuan YanaQing ChenaKaijun LiuaXi LingaLei SunaNiya ZhouaZhi WangaPeng ZouaXiaogang WangaLu TanaZhihong CuiaZiyuan ZhoubJinyi LiuaLin AoaJia Caoa,

a Institute of Toxicology, College of Preventive Medicine, Third Military Medical University, Chongqing, China
b Department of Environmental Health, College of Preventive Medicine, Third Military Medical University, Chongqing, China

ARTICLE INFO

Article history
Received: 27 November 2015
Revised: 24 February 2016
Accepted: 25 February 2016
Available online: 4 March 2016

Keywords
Cell phoneTalkingInternet useSperm parameters


HIGHLIGHTS

• Certain aspects of cell phone use negatively affect semen quality.
• Internet use via cellular networks has become an important risk to semen quality.
• The use of 3G or more advanced networks might have less damage to human sperm.
• Recruiting subjects from a general population makes the study typical and relevant.

ABSTRACT

Epidemiological and experimental evidence for detrimental effects of cell phone use on semen quality is still equivocal. And that recruiting participants from infertility clinic not from general population may raise the possibility of a selection bias. To investigate effects of cell phone use on semen parameters in a general population,We screened and documented the cell phone use information of 794 young men from the Male Reproductive Health in Chongqing College students (MARHCS) cohort study in 2013, followed by 666 and 568 in 2014 and 2015, respectively. In the univariate regression analyses, we found that the daily duration of talking on the cell phone was significantly associated with decreased semen parameters, including sperm concentration [β coefficient = − 6.32% per unit daily duration of talking on the cell phone (h); 95% confidence interval (CI), − 11.94, − 0.34] and total sperm count (− 8.23; 95% CI, − 14.38, − 1.63) in 2013; semen volume (− 8.37; 95% CI, − 15.93, − 0.13) and total sperm count (− 16.59; 95% CI, − 29.91, − 0.73) in 2015]. Internet use via cellular networks was also associated with decreased sperm concentration and total sperm counts in 2013 and decreased semen volume in 2015. Multivariate analyses were used to adjust for the effects of potential confounders, and significant negative associations between internet use and semen parameters remained. Consistent but nonsignificant negative associations between talking on the cell phone and semen parameters persisted throughout the three study years, and the negative association was statistically significant in a mixed model that considered all three years of data on talking on the cell phone and semen quality. Our results showed that certain aspects of cell phone use may negatively affect sperm quality in men by decreasing the semen volume, sperm concentration, or sperm count, thus impairing male fertility.

Source/Fonte:

http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0160412016300654

Habits of cell phone usage and sperm quality – does it warrant attention?

[Il presente studio,  pubblicato alla fine dello scorso anno, è uno dei tanti che hanno evidenziato una relazione tra radiazioni elettromagnetiche in Alta Frequenza emesse dai telefoni cellulari e ridotta qualità dello sperma, che conduce inevitabilmente a problemi di sterilità.

Crediamo non sia sfuggito ai più il fatto che sempre più coppie stanno sperimentando problemi di concepimento ed effettivamente alcuni studi hanno dimostrato un declino continuo della qualità del seme a partire dall’inizio del ventunesimo secolo.
E’ stato postulato che uno dei fattori contribuenti sia proprio l’aumento di esposizione della popolazione agli effetti nocivi delle Radiofrequenze/Microonde, che ha fatto seguito all’espansione dell’uso della telefonia mobile (e delle tecnologie Wireless in genere).]

Reprod Biomed Online. 2015 Sep;31(3):421-6. doi: 10.1016/j.rbmo.2015.06.006. Epub 2015 Jun 18.

By:
Zilberlicht A1, Wiener-Megnazi Z2, Sheinfeld Y2, Grach B2, Lahav-Baratz S2, Dirnfeld M2.

1Division of Fertility-In Vitro Fertilization, Department of Obstetrics and Gynecology, Carmel Medical Center, Faculty of Medicine, Technion, Haifa, Israel. Electronic address: arielzilberlicht@gmail.com.
2Division of Fertility-In Vitro Fertilization, Department of Obstetrics and Gynecology, Carmel Medical Center, Faculty of Medicine, Technion, Haifa, Israel.

ARTICLE INFO

Article history
Received: 11 January 2015
Received in revised form: 5 June 2015
Accepted: 10 
June 2015
Declaration: The authors report no financial or commercial conflicts of interest.

Keywords
cell phone; male infertility; sperm concentration

ABSTRACT

Male infertility constitutes 30-40% of all infertility cases. Some studies have shown a continuous decline in semen quality since the beginning of the 20th century. One postulated contributing factor is radio frequency electromagnetic radiation emitted from cell phones. This study investigates an association between characteristics of cell phone usage and semen quality. Questionnaires accessing demographic data and characteristics of cell phone usage were completed by 106 men referred for semen analysis. Results were analysed according to WHO 2010 criteria. Talking for ≥1 h/day and during device charging were associated with higher rates of abnormal semen concentration (60.9% versus 35.7%, P < 0.04 and 66.7% versus 35.6%, P < 0.02, respectively). Among men who reported holding their phones ≤50 cm from the groin, a non-significantly higher rate of abnormal sperm concentration was found (47.1% versus 11.1%). Multivariate analysis revealed that talking while charging the device and smoking were risk factors for abnormal sperm concentration (OR = 4.13 [95% CI 1.28-13.3], P < 0.018 and OR = 3.04 [95% CI 1.14-8.13], P < 0.027, respectively). Our findings suggest that certain aspects of cell phone usage may bear adverse effects on sperm concentration. Investigation using large-scale studies is thus needed.

Source/Fonte:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26206279