Tag: attività cerebrale

US government’s premiere test program finds cancer risk from cell phone radiation: a game-changing global wake-up call

19th June 2016 – “blog.oup.com”, by Devra Davis


Have you heard that cell phones cause cancer, then they don’t, then they do? Confused enough yet? Let me break it down for you. Contrary to some claims, the new US government study by the National Toxicology Program (NTP) is hardly a shot in the dark or a one-off event. With this largest best-conducted animal study, we now have three different studies within the past six years where animals develop some of the same cancers from cell phone radiation as people. In the NTP study, male rats exposed to wireless radiation develop more unusual highly malignant brain tumors—gliomas—as well as very rare tumors of the nerves around and within the heart—schwannomas.

Rodent studies are the gold standard for testing chemicals. In fact, as the American Cancer Society notes, the NTP study comes from a world-renowned test program that involved twice the usual number of animals and triple the typical number of independent reviews of the pathology data. The NTP review process included blinded evaluations by statisticians and pathologists who did not even know the name of the ‘test agent’ they were examining.

An op-ed from the New York Times by pediatrician Aaron Carroll questions the relevance of these animal studies for humans. Chairman of Pediatrics at Hadassah Hospital Jerusalem, Dr. Eitan Kerem, does not agree, stating that “Such findings [of cancers in a test drug] in the pharma industry may prevent further developing of a drug until safety is proven, and until the findings of this study are confirmed parents should be aware of the potential hazards of carcinogenic potential of radiofrequency radiation.”

Prof. Eitan appreciates that every agent known to cause cancer in people, also produces it in animals when well studied. More recently, studies have found significant brain changes in cell-phone exposed Zebra fish which also share important properties with humans. If we fail to heed these studies and insist on more human data, we become the bodies of evidence.

Not a single one of the NTP rat controls developed these rare brain cancers or schwannomas of the heart. Yes it is true that historical controls used in other studies have had a few brain cancers, so why should we not compare these results with that? In scientific research, we take great care to subject controls and exposed animals to the same housing, light, food, water supply, cage rotation, etc. This NTP study placed all animals in a complex reverberation chamber that existed within a metal barrier that blocked all forms of electromagnetic radiation from entering—a Farraday cage. Thus it is entirely plausible that electromagnetic exposures from wiring, ceiling fans, HVAC, or even technicians with phones in their pockets, could have affected control animals in those older studies causing this rare brain tumor and the handful of schwannomas of the heart found in the past in other controls. The fact that not a single one of the controls in this study developed these rare tumors tells us a great deal.

Why then, did brain tumors occur only in male rats? The sexes differ not only in hormones but in the ways that their DNA deals with poisons. In fact, rare precancerous abnormalities in the brain and heart were also reported in both sexes in the NTP study. For many cancer-causing agents, tumors are more common in males than in females—although in this instance, both males and females had significantly more cardiac abnormalities, pre-cancerous lesions, and malignant nerve tumors within and around their hearts.

Wait a minute. Some have claimed that these results are not a true positive, but a false one, that is to say—a false finding that wireless radiation increases cancer. By design, this study had a 97% chance of finding a true positive. Using a relatively small number of animals to study a very rare outcome, this study in fact, had a far greater chance of a falsely negative finding than of a falsely positive result.

Why then does the public know so little about the how cell phones and wireless technology impact our health? In 1994, findings that such radiation could prove a risk spawned an unusual and little-known sport—that of “war-games”—outlined in a memo from Motorola to their PR firm. That year when University of Washington scientists, Henry Lai and V.J. Singh, first showed that radiofrequency radiation (RFR) damaged brain cells in rats, they were subject to well-funded coordinated efforts to discredit their findings, their livelihood, and their integrity. Their university was asked to fire them and the journal editor where their work had been accepted was pressured to un-accept it. Similar disinformation efforts confronted the REFLEX project in 2004—a $15 million European Union multi-lab effort—after it also determined that cellphone radiation caused biological impacts on the brain.

Another paper from the NTP finding genotoxic impacts of wireless radiation is under peer-review at this time. The capacity of this radiation to open membranes is so well established that a number of technologies have been FDA approved to treat cancer relying on electroceuticals that use electromagnetic radiation at various powers, waveforms, and frequencies.

If ever there was a time to re-think our growing dependence on wireless in schools, cars, homes, and energy production, this is it. There is no other suspected cancer-causing agent to which we subject our elementary school students or place directly in front of the brain and eyes with virtual reality. It makes no sense to continue building out huge wireless systems until we have done a better job of putting the pieces of this puzzle together. This latest report from the NTP should give us all pause.

Belgium has banned cell phones for children. Over a dozen countries are curtailing wireless radiation especially for children. Reducing exposures will increase battery life, decrease demand for energy, and lower health risks. Concerted steps to reduce wireless radiation such as those recommended by the Israeli National Center for Non-Ionizing Radiation, France, the Indian Ministry of Health, and the Belgian government are in order now.

Governments have a moral obligation to protect citizens against risks that cannot otherwise be controlled. The epidemics of lung cancer today are evidence we waited far too long to control tobacco. To insist on proof of human harm now before taking steps to prevent future damage places all of us into an experiment without our consent, violating the Nuremberg Code.

Featured image credit: Cell phone in hands by Karolina Grabowska.STAFFAGE. CC0 public domain via Pexels.


Source/Fonte:

cancer-from-cell-phone-radiation-ntp-report

US Naval Medical Research Institute Studies – 1972

[EN]

This US Navy report from 1972 documents the connection of 122 bioeffects to microwaves. Dr. Zorach Glaser, PhD of the US Navy presented a research report covering more than 2,200 studies, which link weak wireless signals (microwave radiation) to more than 122 biological effects. “Bibliography of Reported Biological Phenomena (Effects) and Clinical Manifestations attributed to Microwave and Radio-Frequency Radiation.”

SEPARATORE AIE x sito
[IT]

Questo rapporto della Marina degli Stati Uniti del 1972 documenta il nesso tra 122 bioeffetti e le microonde.
Il Dr. Zorach Glaser, PhD della Marina degli Stati Uniti ha presentato un rapporto di ricerca che copre più di 2.200 studi, i quali collegano i segnali wireless deboli (radiazione a microonde) a più di 122 effetti biologici.
“Bibliografia dei Fenomeni Biologici Riferiti (Effetti) e delle Manifestazioni Cliniche attribuiti alla Radiazione in Microonde e Radiofrequenza.”



Click on the picture below to access the PDF file of the research report/Cliccare sulla immagine sottostate per accedere al file PDF del rapporto:

Elettrosensibili

 


Source/Fonte:

http://www.emfresearch.com/us-nmri-studies/

 

LOCANDINA – consigli per ridurre la esposizione alle Radiofrequenze

ElettrosensibiliRealizzata con il patrocinio dell’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Lecce dal Comitato Lecce Via Cavo, insieme alle Associazioni Consumatori Codacons e Codici, a Csv Salento e all’Associazione Italiana Elettrosensibili, questa locandina nasce dalla necessità di informare la popolazione sui possibili rischi per la salute derivanti dall’uso di cellulari, smartphone, tablet, telefoni cordless, apparecchiature Wi-Fi e Wireless in genere, anche per livelli di esposizione alle Radiofrequenze/Microonde inferiori ai limiti di legge.

Le Radiofrequenze/Microonde, utilizzate dalle apparecchiature Wireless, sono state classificate nel 2011 come “possibile cancerogeno per l’uomo” dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (I.A.R.C.), afferente all’Organizzazione Mondiale della Sanità (O.M.S.).

Da più parti è stato invocato il Principio di Precauzione, secondo il quale, in attesa di ulteriori informazioni, è importante adottare misure pratiche per ridurre l’esposizione a queste fonti di inquinamento ambientale.

Numerose sono le evidenze scientifiche (vd. la nostra sezione Riferimenti scientifici, dove ne viene riportata una parte) che correlano l’esposizione alle Radiofrequenze/Microonde con: danni al DNA, insorgenza di tumori maligni al cervello, malattie neurologiche e neurodegenerative, alterazioni del ritmo cardiaco, deficit di apprendimento e di memoria, disturbi cognitivi, mal di testa, insonnia, sintomi di Elettrosensibilità, infertilità, diminuzione dell’udito e tinnito, autismo nei bambini e molto altro.
Sono tra l’altro recentemente stati pubblicati i primi risultati di un importante studio condotto dall’ente governativo statunitense National Toxicology Program, costato finora ben 25 milioni di dollari, dai quali si evince un incremento significativo di due tipi di cancro nei ratti esposti alle Radiofrequenze/Microonde: Glioma (tumore della glia del cervello) e Schwannoma (tumore maligno del cuore).

I bambini andrebbero maggiormente tutelati, perché sono particolarmente vulnerabili agli effetti dannosi delle Radiofrequenze in quanto la loro gracile costituzione e la loro esposizione precoce determinano un rischio maggiore di manifestare tumori e malattie neurodegenerative in età adulta.

La locandina sarà diffusa nelle farmacie di Lecce e provincia, in altri esercizi commerciali e negli studi medici.

Chiunque può contribuire alla sua diffusione scaricando e stampando il file in alta qualità il cui link trovate in calce alla pagina.
Il formato consente una stampa ottimale anche di locandine di grandi dimensioni (A3-A2).

SCARICA QUI

LECCE: UN PASSO AVANTI NELLA LOTTA ALL’ELETTROSMOG

14 giugno 2016 – “www.terranuova.it”

Con il patrocinio dell’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Lecce, il Comitato Lecce Via Cavo, insieme alle Associazioni Consumatori Codacons e Codici, a Csv Salento e all’Associazione Italiana Elettrosensibili, ha realizzato la locandina “Dai voce al tuo cervello”.

Lecce: un passo avanti nella lotta all'elettrosmog

«L’iniziativa nasce dalla necessità di informare la popolazione sui possibili danni alla salute legati all’uso di cellulari, cordless, tablet, wifi, etc. – spiegano i promotori – Le radiofrequenze, utilizzate dalla tecnologia senza fili sono state classificate nel 2011 dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC), afferente all’Organizzazione Mondiale per la Salute (OMS), come “possibile cancerogeno per l’uomo”. In quell’occasione il direttore della IARC ha affermato che “in attesa di ulteriori informazioni è importante adottare misure pratiche per ridurre l’esposizione, per esempio usando gli auricolari e i messaggi non in voce”. Da allora sono emerse nuove evidenze scientifiche che correlano l’esposizione alle radiofrequenze con l’insorgenza di tumori maligni al cervello, disordini neurologici, danni al Dna, diminuzione dell’udito, sintomi di elettrosensibilità, alterazioni del ritmo cardiaco, insonnia, cali di memoria, disturbi cognitivi, etc.».

«La locandina, che sarà diffusa nelle farmacie di Lecce e provincia, ed anche in altri esercizi commerciali e studi medici, suggerisce alcuni comportamenti per ridurre la propria esposizione alle radiofrequenze, come quello di tenere lontano il cellulare quando si aspetta la connessione o mentre si invia un sms, o spegnere il wifi quando non è in uso, soprattutto durante la notte per evitare disturbi del sonno, staccando la spina. I bambini andrebbero maggiormente tutelati, poiché sono particolarmente vulnerabili alle radiofrequenze e per la loro esposizione precoce corrono un rischio maggiore di manifestare in età adulta malattie neurodegenerative e tumori. L’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Lecce, da sempre sensibile e attento alle problematiche sanitarie ricopre ancora una volta un ruolo di primo piano nella tutela della salute pubblica e della prevenzione delle malattie. L’uso del cellulare e dei dispositivi wifi è diffusissimo ma pochi conoscono i reali danni alla salute che ne potrebbero derivare, anche per livelli di esposizione inferiori ai limiti di legge. Tantissimi studi sono stati realizzati dal 2011 in poi. Ultimo in ordine di tempo è quello condotto dall’ente governativo statunitense National Toxicology Program e costato fino ad ora 25 milioni di dollari. I primi risultati, pubblicati qualche giorno fa, hanno evidenziato un incremento significativo di due tipi di cancro nei ratti esposti alle radiofrequenze: glioma (tumore delle cellulari gliali del cervello) e schwannoma maligno del cuore. Anche uno studio recente condotto dall’Istituto Ramazzini di Bologna ha evidenziato un aumento significativo di schwannoma maligno del cuore nei ratti esposti a campi elettromagnetici di bassissima frequenza. Il professor David Carpenter, direttore dell’Istituto per la Salute e l’Ambiente dell’Università di Albany (New York) ha affermato: “Siamo a un punto di svolta. Sarà molto difficile per i negazionisti non riconoscere l’associazione tra radiofrequenze e tumori”».

 

elettrosmogregole

Fonte:

Lecce-un-passo-avanti-nella-lotta-all-elettrosmog

Scuola digitale, il progetto cresce. Protestano i genitori anti wifi

15 maggio 2016 – “www.quotidianodipuglia.it”/Lecce, di Stefano Martella

Scuola digitale, il progetto cresce. Protestano i genitori anti wifi

Digitalizzare Lecce, digitalizzare le scuole e le nuove generazioni. È stato questo l’obiettivo portante di Code4Lecce Day, incontro tenutosi ieri mattina alle Officine Cantelmo ed evento conclusivo di #HPECode4Lecce, progetto del Comune di Lecce, con l’Assessorato alle Politiche Comunitarie e Assessorato alla Pubblica Istruzione, in collaborazione con HP Enterprise, azienda leader nel settore delle attrezzature informatiche.
Il progetto punta a innovare tutta la filiera educativa: dalla scuola primaria alla formazione professionale, supportando con tecnologie innovative i modelli pedagogici e didattici. Insomma, insegnanti e alunni avranno a che fare sempre di più con una istruzione digitalizzata. Infatti, nell’ambito del progetto, più di mille bambini delle scuole leccesi hanno partecipato ad incontri di coding, ovvero a giochi di programmazione informatica.
Inoltre altri incontri sono stati pensati per formare i docenti su queste nuove tecnologie.

Oltre alla formazione, il progetto prevedeva una fase di vera e propria fornitura accessoria. Per questo sono stati installati 49 hotspotswifi gratuiti sugli istituti scolastici e altri luoghi culturali. Poi, sempre ieri mattina, ai dirigenti scolastici sono stati consegnati centinaia di tablet, robottini elettronici e pc.
In futuro verrà previsto anche il rilascio di 1750 certificazioni digitali, delle quali una prima parte è già stata prenotata dalle scuole per i loro studenti, mentre una seconda sarà destinata a cittadini leccesi. Soddisfazione è stata espressa dal’assessore Alessandro Delli Noci: «Creare una cittadinanza digitale era l’obiettivo iniziale del progetto e certamente abbiamo gettato delle buone basi, con un investimento enorme nella formazione e nelle infrastrutture digitali – afferma l’assessore – Dal binomio innovazione e cultura passa il futuro di questa città e la sua ribalta nazionale ed internazionale. Abbiamo contribuito fattivamente alla formazione di cittadini digitali protagonisti e consapevoli».

Loredana Capone, assessore regionale allo Sviluppo economico, era presente all’incontro ed esprime la sua soddisfazione per il progetto e per la sinergia con cui due enti pubblici hanno collaborato per il territorio: «Formare il cittadino digitale: questo è un compito importantissimo non più rinviabile – commenta Capone -. Perché il mondo cambia rapidamente e i giovani devono essere pronti ad affrontarlo.
Se vorranno creare un’impresa o lavorare come manager, per ogni ruolo sarà indispensabile conoscere queste tecnologie. Ma il circolo virtuoso deve prevedere che anche i servizi siano resi in modo digitale e, quindi,formare le competenze è fondamentale».

———————————————————————
LA CONTESTAZIONE

«Perché irradiamo i nostri bambini se li amiamo?». Era questa la domanda provocatoria che i componenti del Comitato “Lecce Via Cavo” – un collettivo di genitori contrari all’utilizzo della tecnologia wifi nelle scuole – ponevano sopra alcuni volantini che hanno distribuito all’interno delle Officine Cantelmo, mentre sul palco si avvicendavano
gli ospiti. Altri hanno mostrato dei cartelloni di protesta.
L’intento è stato quello di accendere un faro sulla pericolosità delle onde elettromagnetiche sulla popolazione, specialmente quella più piccola.

«Il Comune installa 50 nuove antenne sugli edifici scolastici e promuove la tecnologia wifi anche all’interno
delle scuole, ignorando gli avvertimenti sulla salute provenienti dalla scienza internazionale ed esponendo la popolazione studentesca ad un rischio maggiore di manifestare in età adulta danni neurologici e tumori – dice Fabia del Giudice, rappresentante del comitato -. Particolare attenzione va rivolta ai bambini: i loro corpi sono più piccoli, le ossa del cranio sono più sottili e il loro sistema nervoso è in via di sviluppo. Nel 2014 il dottor Miller, consulente dell’Oms e del National Cancer Institute, ha affermato che le radiazioni wireless, provenienti ad esempio da wifi o tablet, non devono entrare nelle scuole, soprattutto nelle primarie». Sono tanti i motivi che spingono i membri del comitato a manifestare il loro scetticismo sull’utilizzo di questa tecnologia nelle scuole. Non c’è solo il rischio di contrarre tumori, a spaventare sono anche altri disturbi. «Nei bambini l’uso precoce può influire negativamente su attenzione, memoria e sviluppo del linguaggio – continua del Giudice -. Pc e tablet diminuiscono la capacità di leggere e scrivere correttamente. Per l’Accademia degli studi di Francia producono crisi nel ragionamento induttivo. Altri studi hanno evidenziato l’insorgenza di demenza digitale in bambini e adolescenti assidui utilizzatori di apparecchiature elettroniche. Quindi chiediamo che questa tecnologia venga usata con razionalità, soprattutto in luoghi come la scuola».

Fonte:

scuola_digitale_lecce_progetto_protestano_genitori_wifi

Elettrosmog e disturbi cognitivi

[Video in Inglese con sottotitoli in Italiano non corretto ma comunque comprensibili.]

Pubblicato il 02 giu 2012

Intervista alla dott.ssa Adamantia F. Fragopoulou dell’Università di Atene sui suoi ultimi studi in merito agli effetti dei Campi Elettromagnetici.
La scienziata spiega come siano stati riscontrati disturbi nella memoria spaziale, di riconoscimento e di lavoro nei topi esposti alle microonde di cellulari, Wi-Fi, telefoni cordless e altre fonti di Elettrosmog.
La stessa scienziata consiglia di avere prudenza con queste tecnologie per evitare problemi di salute (disturbi di memoria, disturbi del sonno, cefalea, ecc. fino a danni organici seri come il cancro).
Viene anche segnalata la situazione di criticità per professioni a rischio come piloti di aereo e controllori aerei, che costituisce un pericolo nell’ambito delle operazioni aeree.

Cell Phone Technology Disrupts Brain Activity

https://www.youtube.com/watch?v=KOq5SW8hA00

Pubblicato il 15 set 2015

From: https://www.youtube.com/user/RTAmerica

September 15, 2015 – A new study is claiming that cellphone usage disrupts electrical activity in the brain. RT’s Lindsay France has the details of the potential effects of a mere fifteen minute phone call.

Find RT America in your area: http://rt.com/where-to-watch/
Or watch us online: http://rt.com/on-air/rt-america-air/

Like us on Facebook http://www.facebook.com/RTAmerica
Follow us on Twitter http://twitter.com/RT_America

PigmineNews.com: http://www.pigminenews.com
PigmineNews on Facebook: http://www.facebook.com/PigMineNews
PigmineNews on Twitter: http://twitter.com/PigmineNews
PigMine2 on YouTube: http://www.youtube.com/PigMine2/videos

FAIR USE NOTICE: This video may contain copyrighted material. Such material is made available for educational purposes only. This constitutes a ‘fair use’ of any such copyrighted material as provided for in Title 17 U.S.C. section 106A-117 of the U.S. Copyright Law.