Mese: <span>Gennaio 2016</span>

Electrohypersensitivity in Switzerland

[Evidenziamo quanto segue:

<<For Anton Fernhout of ARA, if an intoxication by heavy metals can be the main factor causing electrohypersensitivity, then it can also occur after prolonged exposure to non-ionizing waves.  “This occurs with any intoxication;  the body is capable of stocking a certain dose of a toxic substance.  Once attaining a certain threshold, it is too much and the floodgates open.”>>]

11 January 2016 – “mieuxprevenir.blogspot.ch”

asset-version-2d969735f6-_dsc1760_web
Everyday life for electrohypersensitive persons is a real ordeal in our hyperconnected society. Cédric Sandoz

Waves, this treacherous enemy
by Gregory Balmat, lacote.ch, 30 September 2015 (translation from French by the Editor of “Towards Better Health”)

Inquiry:  Electrohypersensitivity can make life nearly impossible.  The phenomenon is given far too little recognition in Switzerland.

Migraine headaches, skin burns, joint pains, sharp stinging sensations, this is just a small sample of the physical suffering experienced daily by electrohypersensitive persons when they are exposed to electromagnetic fields or electrosmog.

Ills that are sufficiently painful to completely upset living.  The status of this disorder remains unclear in many countries, including Switzerland.

In August, in France, the disability of a woman was recognized by the Incapacity Dispute Court of Toulouse because of her electrohypersensitivity (EHS).  In evaluating her functional disability at 85%, the French court allowed her to receive an allowance as a handicapped adult, a first in the Hexagone which could set a judicial precedent and also radically transform the status of French electrohypersensitive persons.

From cause to symptom

In Switzerland, for the time being the recommendations of WHO are being followed, which recognize the symtpoms of affected persons but do not confirm the causal link between their ills and non-ionizing radiation.  “These persons are suffering, it’s undeniable.  But at present, there is no scientific evidence of a causal relationship between exposure to electromagnetic fields and the symptoms of persons suffering from electrohypersensitivity”, explains Dr. Isabelle Rossi, deputy cantonal physician for canton Vaud.

A lack of causality which risks to cause a problem if an electrohypersensitive person knocks on the door of the Disability Insurance (Assurance invalidité – AI) in Switzerland.  “In order for us to be able to consider this, we need to have a medical certificate which links the professional environment of the applicant and the suffering he is experiencing.  Since in Switzerland, this link is not recognized by the medical profession, there is little chance that the case would be solid and thus accepted,” explains Dominique Dorthe, spokesperson for the Disability Insurance Office for canton Vaud.  He adds that although his office has never handled cases of electrohypersensitivity, it does not mean that affected persons have not requested its services for related disorders like depression.

Physicians’ lack of awareness

This lack of recognition directly affects the detection of electrohypersensitivity.  “Diagnosis is basically complicated,” explains Anton Fernhout of the Association romande alerte (ARA), which fights for more restrictive norms concerning electrosmog.  “The symptoms are non-specific and can be related to many illnesses.  In Switzerland, the medical profession is little aware of environmental medicine.  Practitioners who make the link are rare.”  Some countries are nevertheless ahead regarding consideration of electrohypersensitivity.  In particular, Sweden treats the issue very seriously especially when it is linked to the professional activity of the affected person.  “Austrian physicians have developed a protocol for the diagnosis of electrohypersensitivity but few Swiss practitioners are aware of its existence and even fewer use it.  It is particularly true in the case of French-speaking Switzerland,” regrets the vice-president of ARA, an environmental engineer by training.

Ways exist, however, to alleviate the suffering of electrohypersensitive persons.  An intoxication by heavy metals [see text below] could be the cause in certain cases.  But according to Anton Fernhout, it is necessary to try to provide places that are less exposed to non-ionizing radiation, such as the apartment building in Zurich which is exclusively for environmentally intoxicated persons.  It must be noted that there exists practically no white zone in Switzerland.
Right now, it is not a question of revising the norms in place for emission levels of relay antennas or mobile phones.  The cantonal department of the environment which is dealing with the issue explains that technological surveillance is in place and they are looking at studies on the subject.  There is a plethora of studies but their conclusions cast doubt.  “Most of the works deal with acute, short-term exposure to electromagnetic fields.  There are, by contrast, less studies on the long-term effect of exposure to electromagnetic fields on health.  These studies do not imply the existence of a causal link which, however, does not mean that there is the absence of an effect,” comments the deputy cantonal physician.

Moreover, the fact that many researchers are financed by the telecommucations giants leaves one unsure of their impartiality.

A culprit called heavy metals

Aluminum, lead, mercury, silver, tin.  These “heavy” metals are present in the human body.  Aluminum is for example used as an adjuvant in certain vaccines, while mercury is present in old dental fillings (still current in France due to cost considerations).  These substances, however, are potentially toxic to the body.  They represent a credible indicator for electrohypersensitive persons.  “In some persons, an excessive presence of heavy metals can damage the immune system and favor the proliferation of opportunistic conditions such as the fungal infection Candida albicans which is particularly electrosensitive”, explains Dr. Daniel Chervet at Swiss Medical Detox in Nyon.  More generally, these heavy metals can affect the nervous system:  “Electromagnetic fields make the protective layer of the brain, the blood-brain-barrier, more permeable and this can favor the intoxication of the brain by heavy metals.   The practitioner has already treated patients suffering from EHS with chelation therapy, noting a decrease in symptoms.  For Anton Fernhout of ARA, if an intoxication by heavy metals can be the main factor causing electrohypersensitivity, then it can also occur after prolonged exposure to non-ionizing waves.  “This occurs with any intoxication;  the body is capable of stocking a certain dose of a toxic substance.  Once attaining a certain threshold, it is too much and the floodgates open.”

A selection of 139 scientific papers that indicate health effects of cell-phone use

[Selezione di 139 articoli che riportano effetti biologici indotti dalla esposizione ai Campi Elettromagnetici in Radiofrequenza/Microonde a livelli di potenza similari o più bassi (!) di quelli generati dai telefoni cellulari.]

26-Nov-10
This partial list [see the PDF file in the link below] shows recent studies (mostly since 2000) that found an effect from radio frequency electro-magnetic fields at or below the power levels of mobile phones (i.e. equivalent to SAR 2 W/kg – many exposures are much lower than this). If all positive studies were included there would be more than 500.

PDF file:

scientific-papers-health-effects-cell-phones1

I pediatri: allarme telefonino per i bambini

I medici chiedono di vietarli al di sotto dei dieci anni. Tra i motivi per cui i minori dovrebbero stare il più lontano possibile dal cellulare, effetti collaterali come perdita di concentrazione, problemi di apprendimento, aumentata aggressività, disturbi del sonno, diminuzione della memoria

14 gennaio 2016, “iltirreno.gelocal.it”, di Sara Ficocelli


L’Italia è al primo posto in Europa per numero di telefonini posseduti e l’età media di chi ne ha uno diminuisce sempre di più. L’uso si sta, insomma, trasformando in “abuso”. E la Società italiana di pediatria preventiva e socialelancia l’allarme: i telefonini, ai bambini al di sotto dei dieci anni, andrebbero vietati. Perdita di concentrazione, difficoltà di apprendimento e aggressività sono, secondo gli esperti, solo alcuni degli effetti nocivi per la salute che gli smartphone provocano nei più piccoli.

«Si tratta di piccole ricetrasmittenti – spiega Maria Grazia Sapia, pediatra esperta del rapporto tra ambiente e infanzia – che vengono normalmente tenute vicino alla testa durante le comunicazioni. I danni per la salute sono sempre più evidenti, alcuni legati agli effetti termici: l’interazione di un campo elettromagnetico con un sistema biologico provoca infatti l’aumento localizzato della temperatura, attivando il sistema naturale del nostro organismo».

«Quando le esposizioni sono molto intense e prolungate – prosegue la specialista –, possono alterare il meccanismo di termoregolazione portando a morte le cellule, con necrosi dei tessuti. Inoltre, è accertato che, alle dipendenze che affliggono la nostra società e specialmente i giovani, quali droga, alcol e fumo, si è ormai aggiunta da telefonino, con gravissime ripercussioni sullo sviluppo psichico e sociale dell’individuo».

Secondo un’indagine Eurispes, nel 18% dei casi il telefonino arriva tra le mani dei figli già a sette anni e, secondo il Censis. il 22% dei bambini lo usa un’ora al giorno e il 23% fino a quattro ore. Il primato della tecnologizzazione precoce, tra le regioni italiane, spetta al Lazio, dove oltre il 50% dei bambini tra i sei e sette anni usa il tablet una o due ore al giorno, fino al picco di quattro ore. A dieci anni, la soglia supera il 60%.

«A oggi – continua Giuseppe Di Mauro, presidente della Società italiana di pediatria preventiva e sociale (www.sipps.it) – non conosciamo tutte le conseguenze legate all’uso dei cellulari, ma da un utilizzo eccessivo potrebbero scaturire una perdita di concentrazione e di memoria, oltre a una minore capacità di apprendimento e a un aumento dell’aggressività e dei disturbi del sonno. Penso che i bambini non debbano usare il telefono cellulare o, se proprio i genitori non possono fare a meno di dare ai propri figli quest’oggetto, mi auguro che venga utilizzato per pochissimo tempo, evitando di passarci ore e ore, scambiandosi sms, chattando o navigando».

L’altro grande problema legato all’uso dei cellulari è infatti legato alla sfera comportamentale: l’abuso di smartphones non solo provocherebbe dipendenza, ma sarebbe alla base di comportamenti asociali e dell’incapacità di bambini e ragazzi di costruire relazioni stabili con le persone che vivono intorno a loro.

«Sono molti – conclude Di Mauro – i ragazzi che, pur stando uno vicino all’altro, non si parlano ma continuano a tenere lo sguardo fisso sul telefonino. Se non mettiamo un freno a questa vero e proprio invasione, le nuove generazioni andranno sempre più verso l’isolamento».

Fonte:

http://iltirreno.gelocal.it/italia-mondo/2016/01/14/news/i-pediatri-allarme-telefonino-per-i-piu-piccoli-1.12776630?id=2.3521&fsp=2.3449

PROSTITUTING SCIENCE: The Psychologisation of MCS, CFS and EHS for Political Gain – book review

[Quando la scienza si assoggetta ad interessi economici…
Recensione di un libro.
]

Author:                        Diana Crumpler
Publisher:                   Inkling Australia
Book Publication:     2014

“vitalitymagazine.com”, review by Bonnie Black

PROSTITUTING SCIENCE: The Psychologisation of MCS, CFS and EHS for Political GainDiana Crumpler, whose first book, Chemical Crisis, received widespread critical acclaim, wrote Prostituting Science – The Psychologisation of MCS, CFS and EHS for Political Gain in memory of a friend and fellow sufferer of Multiple Chemical Sensitivity (MCS) and Chronic Fatigue Syndrome (CFS). They shared “a wonderful 25 year long, hands-across-the-ocean friendship.” Pam lived in Ontario; Diana lives in Australia where she worked as a teacher and librarian until she retired in 1984 due to ill health.

Taking up from where Rachel Carson’s Silent Spring left off, Prostituting Science delves into the subject of non-communicable diseases plaguing society today. Based on the understanding that illnesses like ADHD, autism, Alzheimer’s, Parkinson’s, depression, schizophrenia, MCS, EHS (electromagnetic hyper-sensitivity), and CFS are more than just diseases of our civilization, Crumpler asserts they are by-products of our reliance on chemo- and electro-wizardry, and she presents credible, authoritative evidence to support her claim.

In the introduction, Crumpler writes, “Welcome to the world of alien refugees: the world of the chemically and electrically hypersensitive, aliens within their own civilization, refugees from the realm of twenty-first century chemo- and techno-wizardry. For such people, ‘going green’ is not an ideological or a philosophical choice; rather, it is their only feasible modus vivendi, their only way to wellness, and for some, the only means of survival. It is a world that I, myself, know all too well, having inhabited that hell-hole for the best part of my life.”

In addition to an impressive collection of scientific data, the author shares the story of her own family’s descent into the disabling illness of MCS, CFS, and EHS – all of which were a consequence of exposure to heavy pesticides. Skeptics may be dismayed to learn that these pages contain all the evidence needed to convince even the most hardened among them that all of the above-mentioned diseases are bona fide physiological disorders.

But Crumpler does not stop there. She includes an extensive Glossary, References, Index list, and effective treatment protocols for recovery. She also documents gross abuse of civil and human rights – including the author’s abduction and committal under an involuntary psychiatric treatment order on the grounds that “MCS and EHS do not exist” and that “to believe in their physicality constitutes a delusion and, hence, a manifestation of psychosis.”

Prostituting Science details one family’s battle with MCS, CFS, and EHS. The book also explores the mechanisms behind these diseases and their allied disorders and explains the paradox whereby the more that is known of a cause of any of these three illnesses, the more vehement and widely accepted have become allegations of what is called psychogenesis (the origin of symptoms seen as a result of emotional [versus physiological] causes). Crumpler refutes these allegations and takes the risk of publicly declaring her belief instead in the physicality of MCS and EHS. She writes, “Only by speaking out, by making MCS, CFS, and EHS issues of public concern can we create the climate of awareness necessary to prevent being done to others (possibly with fatal results) what was done to me. To allow oneself to be cowed into silence is to betray the memory of the many friends already dead from these, the most physical of illnesses.”

Writer Pelda B. Hyman called Prostituting Science “A monumental and perhaps the most inclusive work ever on MCS and EHS.” But I think the last word should go to the author, whose dedication includes this tribute: “To Owen, Belle, Jordan, Fraser, April, Emily, and Sebastian, our hopes for the future, in the hope that hard-won awareness will allow your futures to be all that we had once planned our own to be. And in memory of my father, Francis Denis Connellan (1904 – 1979), field naturalist and campaigner for environmental awareness in the days before that term had become a buzz word.”

To purchase a copy of Prostituting Science, send an email to: bernie.crumpler@gmail.com

Source/Fonte:

http://vitalitymagazine.com/book-reviews/review/prostituting-science-the-psychologisation-of-mcs-cfs-and-ehs-for-political-/

Storia di Paola, malata di elettrosensibilità

[Da tantissimo tempo ormai si conosce la pericolosità dei Campi Elettromagnetici (CEM), i quali, tra i numerosissimi effetti avversi (che spaziano dalle malattie neurodegenerative al cancro), sono in grado di sensibilizzare l’organismo portando allo sviluppo della Elettrosensibilità.

Il fenomeno è in tale espansione a causa dei livelli crescenti di CEM cui la popolazione è esposta, che stanno venendo pubblicati in merito sempre più articoli di carattere divulgativo e da parecchi anni (in rete ne esistono di molto vecchi).

Il seguente è un articolo di oltre due anni fa.]

24 settembre 2013 – “sexandthestress.vanityfair.it”, di Elisabetta Ambrosi

Nente sms, niente smartphone, niente computer, almeno fino a quando non starà meglio. Se vuoi chiamarla, la trovi sul fisso di casa, come un tempoe per vederla devi darle un appuntamento preciso. Come ho fato l’altro giorno, alle due e trentacinque davanti al benzinaio, senza bisogno di due o tre messaggini di conferma e poi di informazioni inutili (“Stiamo salendo in macchina”. “Arriviamo” e così via). Saliamo in macchina e lei “sente”, il mio cellulare acceso, così lo spengo e sto felicemente per un intero pomeriggio senza.

Da qualche settimana, Paola ha smesso di usare quasi tutto, oltre ai cellulari, di qualsiasi tipo, anche il wifi (usa le prese ethernet, ma per ora non si avvicina al computer), e uguale per gps, radio e ogni forma di onda elettromagnetica. I sintomi? Un dolore enorme al braccio che si irradia fino alla spalla e alla testa, oltre ad un malessere più generale. Paola era pronta a partire per la Svezia, perché lì la malattia – elettrosensibilità – è riconosciuta, e quindi, ad esempio, puoi metterti in malattia per quel motivo. Poi per fortuna ha scoperto che anche in Italia, e a Roma in particolare, ci sono esperti e anche un centro specializzato, si è tranquillizzata. E ora si gode, per così dire, la sua terapia desensibilizzante: tanto verde, alberi, una cura omeopatica e soprattutto drastica lontananza dagli oggetti da cui siamo ormai inseparabili.

«NIENTE CELLULARE (DI QUALSIASI TIPO), PC, WIFI, GPS E RADIO: A PAOLA OGNI ONDA ELETTROMAGNETICA FA MALE. PER SENTIRLA LA TROVI SUL FISSO DI CASA, PER VEDERLA LE DAI UN APPUNTAMENTO E BASTA. SI CHIAMA ELETTROSENSIBILITÀ E PRESTO SARÀ UN PUNTO INTERROGATIVO PER TUTTI NOI»

E su questo vale la pena di fermarsi un attimo a pensare: perché presto la malattia di Paola sarà quella della nostra civiltà. Forse è tempo di rendersi conto, anche se il corpo non ci dà ancora sintomi, che un po’ bisogna proteggersi, e proteggere anche i bambini da un’invasione fatta di cellulari accanto al comodino, wifi acceso tutta la notte, cellulare usato per ore attaccato all’orecchio. È vero, siamo circondati, direbbe Grillo, non possiamo che arrenderci, però qualche piccolo accorgimento potrebbe farci stare meglio.

1) usare l’auricolare del cellulare, sempre, ormai ci sono studi certi e solo la miopia delle case produttrici e delle istituzioni impedisce una campagna informativa a tappeto (leggete anche su questi l’inchiesta di Riccardo Staglianò, Toglietevelo dalla testa, Chiare Lettere).
2) Spegnete il wifi, ma pure la tv e tutti gli apparecchi, di notte, e se gli ambienti sono molto piccoli usate le prese a muro di giorno (difficile, oggi siamo tutti addicted del wifi). 3) Banale ma importante, prendetevi ogni tanto mezzo pomeriggio per andare al parco, o una domenica in mezzo agli alberi, in campagna, al mare. Ma ancora di più, cercate di imporvi un’igiene digital-cellulare, decidendo un tempo in cui stare connessi e uno in cui stare connessi. Senza fobie eccessive – le onde comunque non sono il monossidio di carbonio – ma senza sottovalutare questa nuova, sottile e pericolosa forma di inquinamento.

Magari appunto farete per un po’ come Paola che (aiutata anche da un contratto a tempo indeterminato, come lei stessa ammette): si riposa, legge solo cose di carta, ha ripreso a cucinare – mi ha fatto mangiare un hummus squisito – prende suo figlio e lo porta in giro ovunque ci siano grandi parchi verdi, parla al fisso come una signora d’altri tempi e soprattutto se ne va in giro assolutamente irraggiungibile, senza cellulare. Io le dico guarda che è magnificamente chic, ma forse – soprattutto – penso che la sua vita è invece una forma d’avanguardia. Con cui prima o poi dovremo fare i conti. E forse ricominciare una vita in parte diversa.

«SE È VERO CHE PRIMA O POI CON QUESTI DISTURBI DOVREMO FARE I CONTI, PICCOLI ACCORGIMENTI FONDAMENTALI SONO POSSIBILI: USARE SEMPRE L’AURICOLARE CON IL CELLULARE, SPEGNERE IL WIFI E TUTTI GLI APPARECCHI DI NOTTE, PRENDERSI MEZZO POMERIGGIO PER STARE IN UN PARCO: IL CORPO E LA MENTE RINGRAZIERANNO»

Fonte:

http://sexandthestress.vanityfair.it/2013/09/24/storia-di-paola-malata-di-elettrosensibilita/

 

Low Intensity Magnetic Field Influences Short-Term Memory: A Study in a Group of Healthy Students

[Un test di provocazione metodologicamente perfetto, i cui risultati sono chiari: 0.1 microtesla è un valore sufficiente ad indurre alterazioni a carico della memoria a breve termine in soggetti sani, in un test in doppio cieco.]

Bioelectromagnetics. 2016 Jan;37(1):37-48. doi: 10.1002/bem.21944. Epub 2015 Dec 11.

By:
Navarro EA1, Gomez-Perretta C2, Montes F3.

1Department of Applied Physics and Electromagnetism, Universitat de València, Valencia, Burjassot, Spain.
2Research Center, Hospital Universitario LA FE, Valencia, Spain.
3Department of Statistics and Operation Research, Universitat de València, Valencia, Burjassot, Spain.

ARTICLE INFO

Article history
Received: 24 March 2015
Accepted: 23 October 2015
Published: January 2016

Keywords
Sternberg task; electromagnetic fields; learning deficit; reaction time; working memory

ABSTRACT

This study analyzes if an external magnetic stimulus (2 kHz and approximately 0.1 μT applied near frontal cortex) influences working memory, perception, binary decision, motor execution, and sustained attention in humans. A magnetic stimulus and a sham stimulus were applied to both sides of the head (frontal cortex close to temporal-parietal area) in young and healthy male test subjects (n = 65) while performing Sternberg’s memory scanning task. There was a significant change in reaction time. Times recorded for perception, sustained attention, and motor execution were lower in exposed subjects (P < 0.01). However, time employed in binary decision increased for subjects exposed to magnetic fields. From results, it seems that a low intensity 2 kHz exposure modifies short-term working memory, as well as perception, binary decision, motor execution, and sustained attention. Bioelectromagnetics. 37:37-48, 2016. © 2015 Wiley Periodicals, Inc.

Source/Fonte:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26661640

Full text link/PDF dell’articolo completo scaricabile al seguente link:

Low Intensity Magnetic Field Influences Short-Term Memory in Healthy Students-Navarro et al

WIRELESS: A QUALI PERICOLI SIAMO ESPOSTI?

14 gennaio 2016 – “ningishzidda.altervista.org”

la tecnologia wireless

Un professore finlandese ha avvertito che la tecnologia wireless nelle scuole può portare ad una epidemia globale di danno cerebrale nella popolazione.
Il professor Rainer Nyberg ha messo in guardia genitori e scuole a “protestare” nell’adottare la tecnologia senza fili e rottamarla prima che sia troppo tardi, perché i bambini e i giovani sono molto più vulnerabili di noi adulti.

Emfacts.com riferisce:

In questa intervista, per Channel TV-Finlandia, spiega come ha scoperto i rischi per la salute legati direttamente alle emissioni dalla tecnologia wireless, mentre si pensava che avesse avuto solo solo effetti positivi.

Quando è iniziato il tuo interesse per la tecnologia wireless e dei suoi effetti sulla salute?

In realtà è iniziato con il mio profondo interesse e coinvolgimento in nuove tecnologie. Come insegnante-formatore presso la Facoltà di Scienze dell’Educazione ho anche iniziato a progetti pedagogici per l’apprendimento della IT. Ciò mi ha portato, tra le altre cose, a scrivere due libri. Uno era Come insegnare l’Educazione Online, un altro di 350 pagine era una guida sulla ricerca, con 120 pagine dedicate su come Internet può essere utilizzato per la ricerca di informazioni scientifiche.

Quindi, il punto di partenza riguardava solo i benefici, e non sugli effetti nocivi?

Sì, sicuramente. Allora, Ho potuto vedere solo i benefici. Avevo usato i telefoni cellulari per un lungo periodo e troppi gadget-wifi. Mentre, intensamente stavo lavorando sulla quinta edizione della Guida di ricerca ho usato sia una tastiera e mouse wireless, ho iniziato a ricevere una sensazione di formicolio nelle dita. Mi sono chiesto, perché mi sta succedendo questo? In quel periodo, poco prima di Natale 2012, ho letto la lettera scritta da mio nipote a Babbo Natale, “Per favore, per favore Babbo Natale, la cosa che desidero più di tutto è quella di avere un iPad.”

Come ha reagito a quel desiderio?

Ho pensato che era fantastico, davvero grande che il mio nipotino voleva usare i computer. A quel tempo non avevo idea che ci potrebbero essere stati dei problemi. Volevo solo esaudire un suo desiderio, così le ho comprato un iPad.

Ora che avete esplorato le ricerche disponibili in questo campo, e imparato a conoscere gli effetti nocivi sulla salute sei sorpreso di quello che hai scoperto dalla ricerca di diversi studi?

Sì, molto sorpreso. In realtà è iniziato con mia sorella che mi ha inviato un articolo di giornale svedese su come i telefoni cellulari e iPad possono essere nocivi per la salute. Immediatamente ho pensato, questo è stupido. Come può essere che nuoce alla salute? Tutti utilizzano questi prodotti tecnologici. Ma nel contesto ho anche pensato, posso anche esaminare il problema facendo le dovute ricerche. Quindi a marzo 2013 ho trascorso tre settimane nella ricerca. Avevo insegnato al recupero delle informazioni e avevo appena scritto 120 pagine nella Guida di ricerca, quindi sapevo come fare ricerca on-line. Abbiamo un facile accesso ai fantastici strumenti dell’università, il portale NELLI, è una grande fonte di informazioni dove possiamo cercare molte grandi banche dati scientifiche gratuitamente, così come recuperare articoli di stampa molto velocemente.

Qual è stata la tua prima impressione? Che cosa hai trovato?

La prima cosa che ci ha fatto impressione è stato l’avvertimento da parte del Consiglio d’Europa. Nel 2011 hanno invitato a tutti gli Stati membri dell’Unione europea una nota che in sostanza diceva: “dovete avvertire tutti i cittadini che vi è un pericolo per la tecnologia cellulare e la connessione internet wireless”. I bambini in particolare hanno bisogno di attenzione, perché sono particolarmente sensibili. La loro scatola cranica è più sottile e più sensibile perché sono ancora in crescita. Sì, ho ricevuto il messaggio di proteggere i bambini. L’avvertimento del Consiglio d’Europa ha messo in chiaro che se non facciamo qualcosa ora, potrebbe portare a costi umani ed economici devastanti.

Quindi fu assorbito in questa nuova conoscenza. E poi che è successo?

Mi sono molto preoccupato e ho continuato a guardare i rapporti scientifici più in profondità. La raccomandazione del Consiglio d’Europa non è solo da un punto di vista socio-politico, ma è basato sulla scienza. Così ho pensato che sarebbe stato meglio documentarsi sulla scienza. Tra i molti reperti ho letto il nuovo rapporto del 2012 BioInitiative che comprendeva 1.800 studi recensiti. Gli scienziati hanno concluso: “Se non facciamo qualcosa ora, potremmo presto vedere una epidemia globale di danno cerebrale.” I bambini sono più vulnerabili agli effetti delle radiazioni elettromagnetiche pulsate. E, naturalmente, ho pensato a mia nipote, a cui avevo appena dato un iPad.

E’ molto difficile per un educatore anziano avvertire il problema?

È stato allora che mi sono molto turbato perché ho promosso la tecnologia tramite le conferenze e i miei libri. Ora capisco che la connettività via cavo provoca meno problemi a differenza della connettività senza fili che crea molti tipi di problemi. Milioni di persone ne sono colpite.

Inoltre sono state scoperte lesioni al vasi sanguigni del cervello. Nel nostro cervello abbiamo circa 600 km di vasi sanguigni. Devono alimentare 60-100 miliardi di cellule nervose con ossigeno e glucosio. Anche se ogni cellula nervosa è estremamente piccola, ogni cellula nervosa ha molti microscopici rami. Il ramo più lungo da ogni neurone (cellule nervose), che comprende assoni (fibre nervose), è tra un millimetro e 20 cm. La media è meno di un millimetro. Tuttavia, se dovessimo collegare tutti questi neuroni e utilizzare solo il ramo più lungo da ciascuno di essi e mettere tutti i neuroni in una linea, raggiungerebbe quattro volte il parallelo intorno all’equatore. Ciascun neurone può avere contatti (sinapsi) con migliaia di altri neuroni.

In questo contesto ho cominciato a capire perché il cervello è particolarmente sensibile. I vasi sanguigni del cervello sono estremamente sottili e di vasta portata, ed è lì che si manifesta il problema. Come si è visto, i sottili vasi sanguigni nel cervello hanno pareti che sono ancora più sottili. Quando qualcuno è esposto ad un telefono cellulare o altra radiazione wireless, le pareti dei vasi sanguigni iniziano a perdere una proteina dal sangue (albumina) può anche fuoriuscire dalle cellule cerebrali e ha il potenziale per uccidere le cellule nervose. Questo è stato dimostrato in Svezia con delle foto nei rapporti di ricerca, pubblicato dai professori Bertil Persson e Leif Salford a Lund. I ricercatori, hanno studiato gli effetti attivi delle radiazioni del cellulare nelle immediate vicinanze di una scatola in cui dei topi camminavano liberamente. Essi hanno scoperto (solo dopo 2 ore di esposizione) che anche le radiazioni deboli causano lesioni ai vasi sanguigni nelle cellule cerebrali dei ratti. Immaginate cosa può accadere ai bambini e agli adulti che possiedono telefoni cellulari vicino alle loro orecchie e cervello per diverse ore ogni settimana per anni?

La tua lezione di oggi riguarda le conseguenze per la salute restando troppo a lungo in ambienti wireless? E quali personali provvedimenti avete preso per risolvere questo problema?

Oggi tengo il cellulare in modalità (standby) di attesa per 99% del tempo per ridurre le emissioni. Non utilizzo più questa tecnologia ‘intelligente’ da molto tempo, anche se ho sempre avuto il mio telefono con me e su di me per molti anni. Ora, per lo più lo lascio a casa, o lo tengo spento e lo accendo solo per controllare i messaggi. A casa io uso internet via cavo e una tastiera e un mouse cablato. Ho anche sostituito il telefono DECT wireless con un telefono tradizionale via cavo, e evito luoghi con alti livelli di radiazioni elettromagnetiche.

Come docente ospite, quale sarà oggi il vostro messaggio chiave?

Prima di tutto voglio dare una breve panoramica di quanto sia ed è importante uno strumento come il nostro cervello. È la struttura più complessa nel nostro mondo. È più complessa di qualsiasi aeromobile e altri supporti tecnologici avanzati. È molto sensibile agli impulsi elettromagnetici. Tutto quello che avviene sia nel nostro cervello che nel nostro corpo dipendono da impulsi elettrici, che sono molto più deboli degli impulsi artificiali elettromagnetici digitali. In aereo non si è autorizzati ad utilizzare telefoni cellulari perché potrebbe disturbare le apparecchiature elettroniche di bordo. Eppure la maggior parte delle persone pensano ancora che un cellulare non potrebbe danneggiare il cervello, che è molto più complesso di un aereo che gira su impulsi elettrici molto più deboli. In futuro, vorrei anche parlare dei vari danni causati dai vari gadget wireless, ma soprattutto come proteggersi e come evitare di essere esposti a troppe radiazioni elettromagnetiche.

In base a quello che hai detto finora, la vostra raccomandazione è quella di usare le connessioni via cavo e usare il wireless solo quando non abbiamo altra scelta altrimenti ne paghiamo le conseguenze? È questo che volete comunicarci?

Sì, è molto meglio usare internet via cavo quando possibile, solo che non è possibile utilizzare il cavo per telefoni cellulari, tablet e iPad, perché funzionano solo su reti wireless. Tutte le comunicazioni digitali utilizzano alte frequenze. Non è solo coinvolto l’orecchio, ma anche a chi detiene un bimbo in grembo, ci si siede con il cellulare in tasca, lo abbiamo a diretto contatto con il nostro corpo. Ragazzi e uomini spesso mantengono il loro smartphone in tasca. La ricerca mostra che gli spermatozoi muoiono a tale esposizione, e lo sperma che sopravvivere è di minore qualità.

Un esperimento fatto da (A. Balmori) ha trovato una marcata differenza tra due contenitori di girini posizionato a 140 metri da un celltower (ripetitore di cellulari). Un contenitore è stato protetto da una gabbia di Faraday. In tale contenitore solo 4% è morto, ma il 90% dei girini non protetti è morto, e deformità sono state trovate tra il restante 10%. Non stupisce quindi che gli spermatozoi muoiono o siano danneggiati se si porta uno smartphone in una tasca dei pantaloni. Persone, rane e uccelli sono stati studiati, i risultati mostrano che sono stati tutti influenzati negativamente dai ripetitori cellulari (celltowers). Non si tratta solo di cancro. Ci sono immediate lesioni ed evidenti sul EEG, cambiamenti delle attività cerebrali, e anche danni al DNA.

Quindi ci sono molti diversi tipi di danni. Ecco perché è così importante proteggere i bambini e non installare reti wireless e conseguentemente l’uso dell’iPad nelle scuole. Lo scenario peggiore è quando molti di questi strumenti tecnologici sono in uso tutti nello stesso momento e nella stessa aula e/o stanza, come nelle scuole, perché continuamente cercano di connettersi alla stessa connessione modem-wifi. E’ come se ogni iPad stia freneticamente cercando di connettersi nello stesso tempo al modem e questo smog elettromagnetico diventa sempre più forte. Questo è quando diventa particolarmente dannoso. Come possono i bambini conoscere i rischi, quando nemmeno i loro insegnanti ne comprendono la pericolosità?

Oggi abbiamo parlato di cose molto importanti. Grazie mille per questa intervista, Vi faccio tanti auguri per le Vostre lezioni future.

Grazie a te.

https://youtu.be/mzxSm04L9Z0

http://yournewswire.com/

traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

Fonte:

http://ningishzidda.altervista.org/tag/elettrosmog/

Sesto, il video-denuncia: “Qui l’elettrosmog uccide”

“Controcorrente: vite appese ad un filo”, diventa un documentario il caso di via Sottocorno: 30 malati di cancro nei due palazzi che convivono coi tralicci

13 gennaio 2016 – “www.ilgiorno.it”, di Laura Lana

elettricitySesto San Giovanni (Milano), 13 gennaio 2015 – Ci sono malati di elettrosmog che raccontano il loro linfoma allo stadio avanzato, i 36 cicli dichemioterapia, un doppio trapianto e un po’ di interventi chirurgici, «che mi hanno permesso di essere qui oggi». Ci sono gli esperti, i medici, che spiegano come sia «possibile che per l’esposizione ai campi magnetici alcune cellule si trasformino incellule tumorali». C’è anche chi soffre dielettrosensibilità, con un conseguente effetto di smarrimento. Alcuni sono «casi» limite: vivono in mezzo alle foreste, due amiche francesi si sono trasferite in una caverna e non sono mancati i suicidi.

Infine, non manca Sesto San Giovanni con la suavia Sottocorno, i tralicci dell’alta tensione che corrono accanto alle case e gli oltre 30 casi di cancro contati in due palazzi, «4 o 5 decessi solo negli ultimi sei mesi. Tutti per tumori», come raccontava due anni faMassimiliano Corraini, portavoce dell’associazione Sottocorno, alle telecamere di Marco Puelli, Claudia Mingardi, Marcella Vezzoli e Francesco Berlucchi.

I quattro, circa un anno e mezzo fa, hanno realizzato la video-inchiesta «Controcorrente: vite appese ad un filo», un documentario sulla questione irrisolta dell’elettrosmog e delle sue conseguenze sulla salute di chi è esposto. Il lavoro, che tratta anche il caso sestese, è trasmesso in questi giorni da Tele Ambiente(canale 78 o 218 del digitale terrestre) e in streaming sul sito della televisione: dopo le prime visioni di ieri e lunedì, il documentario è in programma domani alle 22,30 e sabato notte alle 2. «Dovremmo essere noi a seppelire i cavi e non più i cavi a seppelire noi», dice un anziano nel corso del film.

Tuttavia, a oggi, il progetto per interrare un elettrodotto, che attraversa i campi di Cascina Gatti, è ancora fermo al palo. Lo stesso vale per l’indagine epidemiologica, per verificare l’eventuale incidenza dei fattori di inquinamento sulla salute dei residenti. Nel 2014 Asl, Arpa e i due Comuni interessati, Sesto e Milano, avevano concordato e annunciato un progetto con tanto di stima dei costi e cronoprogramma per un’analisi nella zona tra le vie Sottocorno e Adriano.

«A ottobre 2015 era fissata la data di chiusura. Peccato che non sia nemmeno partita: non è stato steso nessun programma né presentato un protocollo – rivela Corraini –. Capiamo i vari cambiamenti, anche politici e istituzionali, che ha affrontato in questi mesi Palazzo Marino, ma non si è fatto alcun passo avanti». Tutto è in stand by. Gli unici documenti risalgono ancora alle indagini strumentali, condotte da Arpa e concluse ormai oltre un anno fa.

«L’associazione ha avuto degli incontri con Asl per l’analisi dei dati, ma da agosto non ci sono più stati aggiornamenti – continua Corraini –. Dopo il tavolo di luglio e gli incontri di agosto, abbiamo ricevuto un’unica comunicazione a dicembre: una raccomandata del direttore generale Walter Locatelli, con cui si conferma l’impegno dell’Asl a effettuare l’indagine epidemiologica in collaborazione con il dipartimento di Medicina Preventiva della fondazione I.R.C.C.S. Ca Granda».

Fonte:

http://www.ilgiorno.it/sesto/cancro-elettrosmog-1.1640284

“Controcorrente: vite appese ad un filo” – finalmente in TV

Teleambiente
Controcorrente: vite appese ad un filo” è un video inchiesta sull’Elettrosmog e i suoi effetti dannosi sulla salute umana, realizzato circa due anni fa da Marco Puelli, Claudia Mingardi, Marcella Vezzoli e Francesco Berlucchi con la collaborazione della nostra e di altre Associazioni.

Verrà finalmente trasmesso nei prossimi giorni da TeleAmbiente nella nuova puntata di “AttivAmbiente” (http://www.teleambiente.it/attivambiente/), con le seguenti modalità:

canali 78 (Roma, Napoli, Pescara, Perugia) e 218 (Milano) del digitale terrestre
streaming sul sito della tv (http://www.teleambiente.it/),

nei giorni:

LUNEDÌ 11/01/16 ALLE ORE 16.30
MARTEDÌ 12/01/16 ALLE ORE 11.30
GIOVEDÌ 14/01/16 ALLE ORE 22.30
SABATO 16/01/16 ALLE ORE 02.00.

Nell’attesa, potete vederne il trailer al seguente link:

Il sindaco vieta il wi-fi nelle scuole: «È come l’amianto»

[Un articolo ben scritto su una iniziativa lodevole.]

La decisione di Livio Tola, sindaco 57enne di Borgofranco d’Ivrea, nel canavese: «Le onde elettromagnetiche sono pericolose, torniamo ai pc con i fili. Ognuno a casa sua faccia come vuole, ma non voglio ci siano migliaia di morti come per l’eternit»

8 gennaio 2016 – “www.corriere.it” cronache del Piemonte, di Elisa Sola

Il wi-fi come l’amianto negli anni Sessanta. Usato comunemente ma in realtà pericoloso per la salute. E’ questo il ragionamento che ha spinto Livio Tola, sindaco 57enne di Borgofranco d’Ivrea, a vietare in tutte le scuole del comune la rete senza fili. Ed è subito polemica. Anche perché Tola, eletto un anno e mezzo fa e «simpatizzante del Movimento 5 stelle» (nel 2013 fu candidato 5 Stelle al consiglio comunale di Ivrea), intende essere coerente con la sua scelta fino in fondo. Se il wi-fi adesso è stato vietato nelle dieci classi delle elementari e nelle cinque delle medie, si procederà con la stessa linea nei luoghi pubblici: parchi, giardini, tutto il territorio del paese di circa quattromila abitanti. Insomma, dice Tola: «A casa sua ognuno faccia quel che vuole. Ma io non farò l’errore di riempire il territorio di wi-fi. Se uno voleva mettersi l’amianto in casa quarant’anni fa, poteva farlo. E’ adesso è la stessa cosa. Non vorrei che si facesse questa fine col wi-fi, per l’eternit ci sono stati migliaia di morti».

La decisione

La decisione di togliere il wireless nelle scuole è maturata a settembre, con l’inizio dell’anno scolastico. «Bisognava sistemare i laboratori – spiega il primo cittadino, che lavora come agente di polizia locale in Val d’Aosta – e anche la nostra scuola aveva recepito l’obbligatorietà di usare il registro elettronico. Ho deciso di adottare il principio di precauzione. Ci sono studi che minimizzano il problema. Altri fanno terrorismo, ma le ipotesi sono preoccupanti». «I bambini in età scolare – puntualizza il sindaco “grillino” – avendo la scatola cranica sottile rispetto a un adulto e un tessuto muscolare non definito come spessore, sono più soggetti a essere penetrati dalle onde elettromagnetiche». E così, alla fine, a Borgofranco è stato adottato il metodo della cablatura. «In ogni classe abbiamo messo un computer e un video con il registro elettronico, ma con i fili – precisa Tola – e internet c’è, perché nessuno è contro. Ci sono anche due laboratori di cui uno di informatica, con 8-10 pc fissi. Se uno vuole, usa quello».

Ma cosa ha ispirato il sindaco a scegliere una soluzione che va indietro nel tempo e che, tra l’altro, stride con il nuovo piano di finanziamento varato dal governo a favore dello sviluppo dell’informatica? Il punto è, dice Tola, è che «non si sa se queste onde facciano bene o male». «Io sono ambientalista – ammette– e penso che ci sia un abuso di Internet. So che scuole tedesche e canadesi hanno proibito il wi-fi nelle scuole. Ma allora sono io che vado in contro tendenza o il nostro governo?».

Fonte:

http://www.corriere.it/cronache/16_gennaio_08/sindaco-vieta-wi-fi-scuole-come-amianto-d44650fa-b5fc-11e5-b6a1-83c343718d94.shtml?refresh_ce-cp