Stephen Cleary (1936-2016)

[Ci ha lasciati un grande ricercatore, che con i suoi studi sulle Microonde (sia in ambito di ricerca militare che civile) ha contribuito ad evidenziarne gli effetti nocivi.]

An Insider Unafraid To Challenge the Microwave Orthodoxy

14 July 2016 – “Microwave News”

GBM rates 2014

Steve Cleary, whose career in microwave research spanned from the military’s Tri-Service program in the late 1950s to the cell phone industry’s sham project in the 1990s, died at home on June 7 of a heart attack. He leaves his wife, Fran, four daughters and ten grandchildren. He was 79.

Cleary was a professor of biophysics at Virginia Commonwealth University (VCU) in Richmond from 1964 to 2002. Like many other radiobiologists of his generation, he was trained at the University of Rochester. He later got his PhD at New York University underMerril Eisenbud, a former senior health official at the Atomic Energy Commission. Cleary’s doctoral thesis was the first epidemiological study of the impact of microwaves on the eyes. He detected a significant increase in the incidence of defects in the lenses of military personnel who had long-term exposure, a rare published report of an adverse finding.

Cleary’s study was one of the last to escape the censorship that followed after the military services took absolute control of microwave health research in the early 1970s. One of the ironies of history is that the strongest objection to Cleary’s paper came from Milton Zaret, the ophthalmologist who would later become the fiercest critic of the microwave establishment, alleging that microwaves presented a serious and neglected cataract risk.

“Zaret was a great ophthalmologist, but he was no statistician,” Cleary told me in one of our many talks. Over the last few years, I interviewed Cleary numerous times as I pieced together the early history of microwave research for a planned book —an examination of how a cabal of military, industrial and academic officials took control of the field and propagated the view that it was all junk science. Cleary himself came to call this circle of interests the “microwave mafia.”

Meeting at the New York Academy of Sciences in 1979

I first met Cleary at the New York Academy of Sciences in March 1979 where he was giving a talk on the biological effects of microwave radiation. One of his conclusions was that, in most cases, microwave effects are “qualitatively and quantitatively different” from thermal stress. Back then, like today, scientists were loath to offer such an opinion in public, especially one that challenged the view that all effects are thermal. No one wanted to alienate the military services, the principal sources of funding. Cleary was one of the few willing to speak his mind and put science above politics.

The following month, we met again at the New York Academy of Medicine, which was hosting its own two-day symposium on the same topic. (Both events were prompted by Paul Brodeur’s 1977 book, The Zapping of America, which detailed the conspiracy to suppress microwave health research.) Back then, I was working for the Natural Resources Defense Council (NRDC) and had been asked to join the committee tasked with planning the Academy of Medicine conference. My invitation was quietly withdrawn after the first planning meeting when the other members realized that I was not suitably contemptuous of Brodeur’s exposé. I did attend the symposium, a relatively small affair, to hear Cleary’s lecture and the other presentations. An NRDC attorney and I were sitting alone at lunch on the first day of the conference. Our outlook was no secret and hardly welcomed, but, Cleary, unfazed, brought his tray over and joined us. We stayed in touch over the next 37 years.

Bill Ham, a respected and well-connected professor of biophysics, who had worked on the Manhattan Project during World War II, recruited Cleary to join him at VCU. Together they organized the 1969 microwave symposium, the first major meeting since the end of the Tri-Service research program in 1960. Cleary’s career blossomed at VCU and he was awarded a series of research grants and in due course earned tenure. He became a leader in the field; he was one of the founding directors of the Bioelectromagnetics Society. Over the years, he served on a number of committees of the National Academy of Sciences’ National Research Council and in 1979 was selected to serve on ERMAC, as had Ham and Eisenbud before him. The Electromagnetic Radiation Management Advisory Council was an influential government panel that coordinated work on microwaves and other types of non-ionizing radiation.

Proliferation of Human Brain Tumor Cells

In 1990, Cleary published a paper in Radiation Research that would help shape the last years of his research career. He showed that microwaves modulated the growth of human brain tumor (glioma) cells. The results were provocative. At relatively low intensities (5 W/Kg) the tumor cells proliferated at a greater rate following a single two-hour exposure and they were still growing abnormally five days later. On the other hand, at higher intensities (25 W/Kg) cell growth was attenuated (see our news item, “RF/MW Stimulates & Suppresses Human Brain Tumor Cells”). Three years later this work drew national attention after David Reynard filed a lawsuit claiming that cell phone radiation had caused his wife’s brain tumor. Cleary’s experiment was cited as a possible mechanism, but it also begged the question: Could microwaves promote growth at the lower intensities associated with cell phone transmissions?

There were many other open issues. As Cleary told the New York Times  in a follow-up story on the controversy that followed Reynard’s claim, “Our next question is, why are cells altering their rate of proliferation? What’s happening? That’s what we’re working on now. We’re trying to get to the bottom of this.”

The cell phone industry lobby group, CTIA, then led by Tom Wheeler, promised research to assuage concerns of tumor risks and delegated the responsibility to George Carlo. (Wheeler is now the chairman of the FCC.) Carlo in turn set up Wireless Technology Research (WTR) to carry out the CTIA mandate —or, as it became clear over time, to pretend to do so all the while funding as little science as possible.

“It Just Happens Again and Again”

To many observers, Cleary’s tumor cell proliferation study was an obvious candidate for follow-up funding, both for Cleary to extend and others to repeat. Carlo strung Cleary along, but he quickly wrote off the body of work on proliferation (Cleary’s as well that of others), as lacking coherence. By the summer of 1995, Cleary was angry and frustrated. “It’s so obvious what is going on,” he told me at the time. “If they cannot explain an effect, they ignore it. They just ignore anything of potential concern.” He added, “It’s been going on for 30 years. It just happens again and again.” Cleary then reeled off all the areas of research that Carlo’s WTR was conveniently ignoring.

Cleary asked that Microwave News not publish his comments about Carlo’s modus operandi (we didn’t). He explained that his chief lab assistant, who had been with him for over 20 years, had just found out that his wife was expecting twins and Cleary did not want to say anything on the record that might jeopardize funds that would allow him to keep the assistant on staff. In the end, it didn’t matter. Carlo never gave Cleary a dime for research. Motorola did ask someone to repeat the experiment, but nothing much came of it and the results were never published. To this day, the Cleary results stand untested.

Cleary retired from VCU in 2002. He walked away from microwave research and never looked back.

Source/Fonte:

http://microwavenews.com/news-center/stephen-cleary

RADIOFREQUENCY MICROWAVE RADIATION BIOLOGICAL EFFECTS AND SAFETY STANDARDS: A REVIEW

“RADIOFREQUENCY MICROWAVE RADIATION BIOLOGICAL EFFECTS AND SAFETY STANDARDS: A REVIEW”

Scott M. Bolen

Rome Laboratory.
Air Force Material Command.
Griffiss Air Force Base, NY.

APPROVED FOR PUBLIC RELEASE. DISTRIBUTION UNLIMITED.
August, 1994

Click on the picture below to access the PDF file of the research report/Cliccare sulla immagine sottostate per accedere al file PDF del rapporto:

Elettrosensibili

You may also be interested in reading this/Potrebbe anche interessarvi leggere questo:

http://www.emfacts.com/2014/09/us-air-force-rf-review-in-1988-acknowledges-non-thermal-biological-effects/

INFLUENCE OF MICROWAVE RADIATION ON THE ORGANISM OF MAN AND ANIMALS – 1970

“INFLUENCE OF MICROWAVE RADIATION
ON THE ORGANISM OF MAN AND ANIMALS”

Edited by I. R. Petrov

Translation of “Vliyaniye SVCh-Izlucheniya na Organizm Cheloveka i Zhivotnykh. II”
“Meditsina” Press, Leningrad, 1970

NATIONAL AERONAUTICS AND SPACE ADMINISTRATION • WASHINGTON, D. C. • FEBRUARY 1972

Click on the picture below to access the PDF file of the research report/Cliccare sulla immagine sottostate per accedere al file PDF del rapporto:

Elettrosensibili

A Survey on the Impact of Radiofrequency Electromagnetic Fields (RF-EMF) from Wireless Devices on Information Technology (IT) Professionals

[Commento di Giorgio Cinciripini (Blog “e-smogfree”):

Gli informatici si scoprono elettrosensibili 

Interessante lavoro di ricercatori indiani che hanno elaborato un questionario che è stato diffuso presso professionisti della informatica.

Questi per professione e per abito mentale sono dei grandi utilizzatori dei vari device:  in primis smartphone, ma anche forni a microonde ed altri gadget con Bluetooth.

Guarda caso vengono rilevati i disturbi tipici della elettrosensibilità, senza ovviamente nominarla! 

See more at: http://e-smogfree.blogspot.co.uk/2016/06/gli-informatici-si-scoprono.html#sthash.ibmywWCZ.dpuf]

European Journal of Experimental Biology, 2016, 6(4) 51-46):4: 46-51.

By:

Sivani Saravanamuttu* and Sudarsanam Dorairaj

Department of Advanced Zoology and Biotechnology, Loyola College, Chennai, Tamil Nadu, India

ARTICLE INFO

Article history
Published in European Journal of Experimental Biology, 2016

Keywords
Radiofrequency; electromagnetic fields; frequency; wireless; electrohypersensitive

ABSTRACT

An enormous growth in the telecommunication industry has led to an increase in the usage of a number of wireless

devices. The impact of working in an environment saturated with wireless radiation needs to be exploreed.
 A questionnaire was prepared based on 18 non-specific health symptoms and medical conditions. It was circulated among professionals (n=200) in the Information Technology (IT) companies and the data was statistically analyzed.
Both male and female IT professionals possessed cell phones (100%), 19.66% used cordless phones and 2.25% of them used the landline telephones. When compared to the males, it was found that 80.4% of the females used wireless computer networks (p>0.01), 27.2% used the microwave ovens (p>0.01) and 47.8% used Bluetooth devices (p>0.001).
Significant non-specific symptoms (p>0. 001) seen in females were headaches, tremors, depression, blurred vision, irritability,
difficulty concentrating, chronic pain, pain in teeth and deteriorated fillings, and dryness of lips, tongue, mouth and eyes.
The males had poor short-term memory, difficulty sleeping and fatigue. Significant medical conditions noted in the females were allergies and asthma at 18.5% (p>0.001) and skin problems at 26.1% (p>0.01), and in the males were eye-related problems at 21.1% (p>0.01).

Non-thermal effects of wireless radiationneed to be investigated globally in the coming years.

Full-text/Testo completo:

http://pelagiaresearchlibrary.com/european-journal-of-experimental-biology/vol6-iss4/EJEB-2016-6-4-46-51.pdf

‘Wi-fi, cellulari & co’: i rischi dell’elettromagnetismo sulla nostra salute

12 luglio 2016 – “www.casalenews.it”

Interessanti spunti di riflessione nella serata organizzata da Mammeincerchio, L’Albero di Valentina e Passi di vita

Chi era presente venerdì scorso all’Auditorium Santa Chiara per l’incontro su “Wifi, cellulari & co” ha capito che ‘indossare’ un telefonino (perché tale è l’intimità raggiunta con questo strumento di comunicazione) può provocare danni alla salute, anche se il mondo scientifico non lo ha ancora dimostrato.

Nell’incontro organizzato da Mamme in cerchio, Albero di Valentina e Passi di vita Onlus, avente per oggetto proprio l’informazione sui rischi provocati dalla prolungata esposizione a onde elettromagnetiche,  autorevoli esperti si sono espressi e confrontati sull’entità e sulla peculiarità delle conseguenze di tale esposizione.

Ha aperto la serata l’epidemiologo Corrado Magnani, che ha richiamato i risultati degli studi scientifici ufficiali, per i quali non ci sono evidenze di una pericolosità delle onde elettromagnetiche ai livelli di esposizione attualmente consentiti, benché le correlazioni con gravi malattie siano in fase di approfondimento.

Terminato il suo intervento, si è voltata pagina: il dottor Orio, vice-presidente dell’Associazione Elettrosensibili, ha riconosciuto i risultati divulgati dalla ricerca scientifica, ma ha dato conto di evidenze medico-sanitarie rilevanti: a fronte della diffusione rapidissima di cellulari e tecnologie wi-fi, i danni al sistema neurologico di bambini e adulti sono aumentati,  e con loro disturbi all’apparato riproduttivo maschile.

Eloquenti le immagini mostrate: le parti a contatto con il telefonino subiscono l’aggressione di onde elettromagnetiche in una forma inedita fino ad oggi.

Sono poi emersi altri aspetti – oggetto di studi indipendenti – che rafforzano l’idea di dover essere prudenti quando ci affidiamo alla connessione wireless, perché, come il professor Magnani ha suggerito,  si tratta di una tecnologia entrata nelle nostre case prima di averne sperimentato e ‘pesato’ gli effetti.

Effetti nefasti, li conoscono bene gli elettrosensibili: persone che – con intensità diverse – registrano l’impossibilità di maneggiare apparecchi come cellulari, computer, microonde.

Alcuni erano presenti all’incontro e hanno portato testimonianze toccanti. È verosimile aspettarsi un aumento di elettrosensibili, e ci si augura che la tecnologia migliori la schermatura degli apparecchi e che la vocazione per il wi-fi venga soppiantata da sistemi più inequivocabilmente sicuri per la salute.

Una serie di consigli dispensati dal professor Sergio Crippa ha, a questo proposito, semplificato la materia: accorgimenti casalinghi praticabili e utili.

Il materiale raccolto dalle associazioni promotrici, che hanno avuto il sostegno e il patrocinio del Comune di Casale e dell’Ordine dei Farmacisti di Alessandria, per la serietà con cui è stata impostata la serata e per la capacità di coinvolgere personalità di prim’ordine, è a disposizione di chi volesse approfondire il tema e per chi – in attesa di evidenze scientifiche (per le quali occorre tempo, quale che sia l’esito) – volesse divulgare l’invito alla prudenza nell’utilizzo del wi-fi. Internet e cellulari si’, ma non a discapito della salute.

Associazioni Mamme in Cerchio – L’Albero di Valentina – Passi di vita onlus

Fonte:

wi-fi-cellulari-co-i-rischi-dellelettromagnetismo-sulla-nostra-salute/passi-di-vita-mammeincerchio-albero-valentina-casale-monferrato

“CELLULARI, WIFI & Co”, 8 luglio 2016 – serata informativa

 

Venerdì 8 luglio 2016
dalle ore 21:00

Auditorium Santa Chiara
via F. Cane, 31 – Casale Monferrato (AL)

Serata informativa sull’uso consapevole di cellulari, wifi, ecc.,
e i rischi potenziali per la salute.

Organizzata dalle associazioni
Mamme in Cerchio, L’Albero di Valentina, Passi di Vita Onlus,
con il patrocinio
del Comune di Casale  Monferrato e dell’Ordine dei Farmacisti della provincia di Alessandria.

con la partecipazione
del Dr. Paolo Orio e del Dr. Sergio Crippa
della
Associazione Italiana Elettrosensibili

[Per maggiori dettagli, vedere la locandina qui sotto.
Cliccare sulla immagine per ingrandirla.]

Elettrosensibili

Una presentazione della serata su “Il Monferrato”, di Marco Bertoncini.

[Cliccare sulla immagine per ingrandirla.]

Elettrosensibili

Ulrich Weiner RAI Italienisch – La storia di Ulrich Weiner sulla tv Italiana

[Difficilmente viene detto come stanno realmente le cose, ma in questo video viene fornita una descrizione puntuale della attuale situazione e di quello che ci aspetta se non verranno presi provvedimenti seri per ridurre la esposizione della popolazione alle Radiofrequenze/Microonde.

Questo perché le Radiofrequenze/Microonde sono realmente pericolose.
Gli studi che ne provano la pericolosità sono moltissimi, ma in merito alla questione vengono fatte circolare informazioni pilotate e nebulose con lo scopo di favorire l’industria tranquillizzando la popolazione, così nessuno si preoccupa di documentarsi in modo adeguato poiché il pericolo non viene percepito.

L’uso che si sta facendo delle Radiofrequenze/Microonde, non per emergenza quando si è fuori casa, ma dentro casa e per scopi ludici, è assolutamente improprio e deleterio.

Le malattie derivanti dalla esposizione alle Radiofrequenze/Microonde sono gravi e reali.

La Elettrosensibilità, in seguito ad esposizioni prolungate, diventa una condizione di invalidità permanente, per il sopraggiungere di danni organici multipli ed irreversibili.

Gli Elettrosensibili non sono assolutamente soggetti paranoici e tecnofobici, anzi, spesso sono professionisti che hanno lavorato nell’ambito delle nuove tecnologie e, per esposizione professionale ai Campi Elettromagnetici, si sono ammalati in modo anche grave.

Però adesso stanno aumentando i malati più in conseguenza della esposizione ambientale/domestica che professionale, perché sempre più antenne per la telefonia mobile stanno venendo installate in prossimità delle abitazioni e gli ambienti di vita sono saturi di radiazioni in Alta Frequenza di ogni genere (Wi-Fi, Cordless, Wi-Max, ecc.).

Soprattutto deleteria è la tecnologia 4G, che presenta fattori di rischio per la salute maggiori rispetto alle tecnologie precedenti.]

Caricato il 14 agosto 2010

LOCANDINA – consigli per ridurre la esposizione alle Radiofrequenze

ElettrosensibiliRealizzata con il patrocinio dell’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Lecce dal Comitato Lecce Via Cavo, insieme alle Associazioni Consumatori Codacons e Codici, a Csv Salento e all’Associazione Italiana Elettrosensibili, questa locandina nasce dalla necessità di informare la popolazione sui possibili rischi per la salute derivanti dall’uso di cellulari, smartphone, tablet, telefoni cordless, apparecchiature Wi-Fi e Wireless in genere, anche per livelli di esposizione alle Radiofrequenze/Microonde inferiori ai limiti di legge.

Le Radiofrequenze/Microonde, utilizzate dalle apparecchiature Wireless, sono state classificate nel 2011 come “possibile cancerogeno per l’uomo” dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (I.A.R.C.), afferente all’Organizzazione Mondiale della Sanità (O.M.S.).

Da più parti è stato invocato il Principio di Precauzione, secondo il quale, in attesa di ulteriori informazioni, è importante adottare misure pratiche per ridurre l’esposizione a queste fonti di inquinamento ambientale.

Numerose sono le evidenze scientifiche (vd. la nostra sezione Riferimenti scientifici, dove ne viene riportata una parte) che correlano l’esposizione alle Radiofrequenze/Microonde con: danni al DNA, insorgenza di tumori maligni al cervello, malattie neurologiche e neurodegenerative, alterazioni del ritmo cardiaco, deficit di apprendimento e di memoria, disturbi cognitivi, mal di testa, insonnia, sintomi di Elettrosensibilità, infertilità, diminuzione dell’udito e tinnito, autismo nei bambini e molto altro.
Sono tra l’altro recentemente stati pubblicati i primi risultati di un importante studio condotto dall’ente governativo statunitense National Toxicology Program, costato finora ben 25 milioni di dollari, dai quali si evince un incremento significativo di due tipi di cancro nei ratti esposti alle Radiofrequenze/Microonde: Glioma (tumore della glia del cervello) e Schwannoma (tumore maligno del cuore).

I bambini andrebbero maggiormente tutelati, perché sono particolarmente vulnerabili agli effetti dannosi delle Radiofrequenze in quanto la loro gracile costituzione e la loro esposizione precoce determinano un rischio maggiore di manifestare tumori e malattie neurodegenerative in età adulta.

La locandina sarà diffusa nelle farmacie di Lecce e provincia, in altri esercizi commerciali e negli studi medici.

Chiunque può contribuire alla sua diffusione scaricando e stampando il file in alta qualità il cui link trovate in calce alla pagina.
Il formato consente una stampa ottimale anche di locandine di grandi dimensioni (A3-A2).

SCARICA QUI

LECCE: UN PASSO AVANTI NELLA LOTTA ALL’ELETTROSMOG

14 giugno 2016 – “www.terranuova.it”

Con il patrocinio dell’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Lecce, il Comitato Lecce Via Cavo, insieme alle Associazioni Consumatori Codacons e Codici, a Csv Salento e all’Associazione Italiana Elettrosensibili, ha realizzato la locandina “Dai voce al tuo cervello”.

Lecce: un passo avanti nella lotta all'elettrosmog

«L’iniziativa nasce dalla necessità di informare la popolazione sui possibili danni alla salute legati all’uso di cellulari, cordless, tablet, wifi, etc. – spiegano i promotori – Le radiofrequenze, utilizzate dalla tecnologia senza fili sono state classificate nel 2011 dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC), afferente all’Organizzazione Mondiale per la Salute (OMS), come “possibile cancerogeno per l’uomo”. In quell’occasione il direttore della IARC ha affermato che “in attesa di ulteriori informazioni è importante adottare misure pratiche per ridurre l’esposizione, per esempio usando gli auricolari e i messaggi non in voce”. Da allora sono emerse nuove evidenze scientifiche che correlano l’esposizione alle radiofrequenze con l’insorgenza di tumori maligni al cervello, disordini neurologici, danni al Dna, diminuzione dell’udito, sintomi di elettrosensibilità, alterazioni del ritmo cardiaco, insonnia, cali di memoria, disturbi cognitivi, etc.».

«La locandina, che sarà diffusa nelle farmacie di Lecce e provincia, ed anche in altri esercizi commerciali e studi medici, suggerisce alcuni comportamenti per ridurre la propria esposizione alle radiofrequenze, come quello di tenere lontano il cellulare quando si aspetta la connessione o mentre si invia un sms, o spegnere il wifi quando non è in uso, soprattutto durante la notte per evitare disturbi del sonno, staccando la spina. I bambini andrebbero maggiormente tutelati, poiché sono particolarmente vulnerabili alle radiofrequenze e per la loro esposizione precoce corrono un rischio maggiore di manifestare in età adulta malattie neurodegenerative e tumori. L’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Lecce, da sempre sensibile e attento alle problematiche sanitarie ricopre ancora una volta un ruolo di primo piano nella tutela della salute pubblica e della prevenzione delle malattie. L’uso del cellulare e dei dispositivi wifi è diffusissimo ma pochi conoscono i reali danni alla salute che ne potrebbero derivare, anche per livelli di esposizione inferiori ai limiti di legge. Tantissimi studi sono stati realizzati dal 2011 in poi. Ultimo in ordine di tempo è quello condotto dall’ente governativo statunitense National Toxicology Program e costato fino ad ora 25 milioni di dollari. I primi risultati, pubblicati qualche giorno fa, hanno evidenziato un incremento significativo di due tipi di cancro nei ratti esposti alle radiofrequenze: glioma (tumore delle cellulari gliali del cervello) e schwannoma maligno del cuore. Anche uno studio recente condotto dall’Istituto Ramazzini di Bologna ha evidenziato un aumento significativo di schwannoma maligno del cuore nei ratti esposti a campi elettromagnetici di bassissima frequenza. Il professor David Carpenter, direttore dell’Istituto per la Salute e l’Ambiente dell’Università di Albany (New York) ha affermato: “Siamo a un punto di svolta. Sarà molto difficile per i negazionisti non riconoscere l’associazione tra radiofrequenze e tumori”».

 

elettrosmogregole

Fonte:

Lecce-un-passo-avanti-nella-lotta-all-elettrosmog

“Desperately seeking white zone” – docufilm sulla Elettrosensibilità

[EN]

Having already won two awards for his documentaries about the environment, Marc Khanne delivers a new fast-paced and well-argued human-interest movie: Between the push for 4G and how some people are suffering, what should we think about the “even faster and more interconnected” world that we are being promised?

[IT]

Avendo già vinto due premi per i suoi documentari sull’ambiente, Marc Khanne offre un nuovo film frenetico e  ben argomentato di interesse umano: Tra la spinta del 4G e come alcune persone stanno soffrendo, cosa dovremmo pensare dell'”ancora più veloce e più interconnesso” mondo che ci viene promesso?

Trailer:

Official movie site/Pagina ufficiale del film:

http://www.electrosensitive-white-zone-ehs-film.com/index.html