Categoria: <span>Informazioni</span>

Cosa significa essere Elettrosensibili

Caricato il 03 luglio 2010

Intervista a Chantal, elettrosensibile da pochi mesi.
Dopo aver vissuto per dieci anni nelle meravigliose isole Samoa, due anni fa si è trasferita ad Ostia, iniziando ad usare per la prima volta nella sua vita cellulare, Wi-Fi e vivendo ad appena 200 metri da ripetitori dei cellulari.
Ha iniziato a provare strani sintomi che il suo medico ha classificato come “psicosomatici”.
Rifiutata questa etichetta, come insensata, Chantal si è rivolta all’Associazione Malattie da Intossicazione Cronica e/o Ambientale – A.M.I.C.A. (www.infoamica.it) per avere informazioni e gentilmente ha rilasciato la sua testimonianza.
Mentre la comunità scientifica si divide su cosa sia l’Elettrosensibilità, su come si può diagnosticare e curare, i malati aumentano e non ci sono tutele per loro.

La tecnologia diventa un inferno per gli “elettrosensibili”.

16 luglio, 2015 – “Il Sole 24 Ore”

Sembrano tornati indietro di 20-30 anni. Niente cellulari, smartphone, e-mail e se qualcuno li va a trovare è bene che si preoccupi di spegnere tutti i dispositivi elettronici e meglio ancora che li lasci lontano. La vita al giorno d’oggi non è semplice per Emilie e per il suo vicino Jean-Jacques che hanno dovuto abbandonare la città per rifugiarsi in un’area ancora libera da campi elettromagnetici, vicino a Lione. Entrambi infatti sono ultrasensibili alle onde elettromagnetiche, sono “elettrosensibili”, quando vanno in giro devono coprirsi, indossare dei cappucci per ripararsi dalle radiazioni. “Avverto un improvviso cambiamento, mi viene la nausea, mi sento debole, neanche me ne rendo conto, non riesco più a concentrarmi” racconta Emilie. Per sopravvivere hanno dovuto fare una scelta radicale: vivono isolati, ma anche stando a casa non è facile. Emilie dice di sentirsi malata, vive con la paura, stacca l’elettricità prima di fare la doccia. Ha 48 anni, era un architetto prima di iniziare a soffrire di questo disturbo che le ha portato ad avere sempre mal di testa, perdite di memoria e altro. A causa dei campi elettromagnetici dice, sono condannata a vivere come un eremita. E si sente esclusa dalla società: “Non ho potuto partecipare alla marcia dopo gli attacchi a Charlie Hebdo”. Solo qui tra il legno naturale, nella sua free-zone si sente bene, senza antenne e onde di alcun tipo. In Svezia è già riconosciuta come una forma di disabilità, l’Organizzazione Mondiale della Salute la sta studiando come una “condizione”, ma c’è ancora molto da fare e studiare. Questa ricercatrice europea avverte: “E’ una malattia in crescita, si sta verificando sempre di più anche tra i bambini. Bisognerebbe predisporre ovunque delle zone libere da onde, inserirle nei progetti di urbanistica”.

http://video.ilsole24ore.com/TMNews/2015/20150716_video_10515662/00033665-la-tecnologia-diventa-un-inferno-per-gli-elettrosensibili.php

Una donna del Regno Unito con Ipersensibilità Elettromagnetica non può stare vicino ai dispositivi elettronici.

13 luglio, 2015 – “The Hans India”

L’ex architetto Emilie, una residente del villaggio di Ambert in Francia, ha una malattia molto rara. Emilie soffre di ipersensibilità elettromagnetica (EHS) e quindi non può stare in prossimità di tutti i dispositivi elettronici moderni…

http://www.thehansindia.com/posts/index/2015-07-13/UK-woman-with-electromagnetic-hypersensitivity-cant-be-around-gadgets-163122

“Health Effects of Mobile Phone Usage”

MPB

Lavoro pubblicato nella “Encyclopedia of Mobile Phone Behavior” [(3 Volumes) – Zheng Yan (University at Albany, State University of New York, USA) – Release Date: March, 2015. Copyright © 2015. 1542 pages], un successo per la nostra Associazione, in quanto il vicepresidente Paolo Orio è uno degli autori.

A cura di:
Angelo Levis 
– Università di Padova e “Associazione Per la Protezione e la Lotta all’Elettrosmog” (A.P.P.L.E)
Laura Masiero – “Associazione Per la Protezione e la Lotta all’Elettrosmog” (A.P.P.L.E)
Paolo Orio  “Associazione Italiana Elettrosensibili” (AIE)
Susan Biggin  Institute of Physics (IOP), UK
Spiridione Garbisa  Università di Padova.

In esso vengono trattati i seguenti temi:
– Conflitti di interesse (Angelo Levis),
– Elettrosensibilità (Paolo Orio),
– Uso del telefono cellulare da parte di bambini ed adolescenti (Laura Masiero).

Scaricabile al seguente link:
viewcomplimentarytitle.pdf ZHENG

Looking for help is sign of strength

Individual treatment is often termed as psychotherapy, and is meant to help people with their emotional issues, which can range in order of their severity or intensity. The main aim of this form of therapy is to change the quality of life by defining the path of life clearly, and bringing in more clarity. Whether it is the problem of repressed childhood that you are facing, or an emotional breakdown due to divorce, failure or loss of a loved one, a professional psychologist can help you revive your mental health through systematic counselling.

Read more

Get the most out of your work day

There are many emotional issues that find a corner in our heart, and refuse to die down. With time, these issues can transform into a sort of emotional tumor that impacts negatively on our daily life, such as lack of concentration, enthusiasm, self respect, will to change, encouragement, and so on. These issues can spiral into our lives in various ways and gets channelled into other zones, which can create problems in the relationships, professional life, and health.

Read more

Help your child find new friends

Anxiety is something that exists in everyone’s life to a certain extent, and in a way it is medically known to be helpful as well. Because, anxiety helps us stay alert and be reactive to our circumstances, whether joyful or painful. However, when the anxiety reaches the stage where it overwhelms you mentally and physically, and affects your normal routine of life, you need the help of a clinical psychologist.

Read more

It is never to late to go to therapy

We define the goals and objectives of the counselling sessions in a very transparent manner to help patients overcome their problems quickly and effectively, and get the new lease of life they came looking for. We work with the patient as per their schedule, to fix an appointment that is mutually agreeable. We help you embrace life, the way it is meant to be.

Read more